News #chris froome

Chris Froome alla Israel Start-Up Nation

Chris Froome alla Israel Start-Up Nation

Piergiorgio Sbrissa, 09/07/2020

Le comunicazioni ufficiali si sono susseguite a distanza di poche ore: prima il Team Ineos ha ufficializzato che Chris Froome non farà più parte della squadra da fine stagione, incoronando di fatto Egan Bernal come nuovo leader, poi la Israel Start-Up Nation ha comunicato che dal 2021 Froome correrà coi loro colori.

Nel comunicato della squadra israeliana Froome dice:

Possiamo realizzare grandi cose assieme“. Mentre la squadra si felicita del poter contare su una “leggenda” come il 35enne britannico con un contratto “di lunga durata, che consentirà a froome di portare i colori bianco e blu della ISN sino a fine carriera“.

Il co-proprietario della ISN, Sylvan Adams dichiara:

“È un momento storico per la ISN, per Israele e lo sport israeliano, per i nostri numerosi fans nel mondo e sicuramente per me, un momento di grande fierezza. Chris è il miglior corridore della sua generazione e porterà la nostra squadra al Tour de France e sui grandi giri. Speriamo di scrivere la storia assieme mentre Chris cercherà altre vittorie sul Tour ed i grandi giri, che lo legittimerebbe allo status di più grande ciclista di tutti i tempi“.

 

Commenti

  1. samuelgol:

    Quindi non era solo. Giusto? E ovviamente il compagno non è che lo trovò ma era lì apposta.
    Attenzione arrivò solo e l'impresa fu tale perché il buon Monfort gli diede una mano solo per pochi km. Gli altri compagni di fuga praticamente non tirarono mai, con il Lautaret contro vento e dietro tutti gli uomini di classifica che si davano i turni a tirare. Ma nella corsa più importante del mondo. Quindi per me paragonabile.
  2. C’è una bella discussione sulla scialappa su questo forum che ultimamente é stata purtroppo abbandonata.
    Io sono uno di quelli che é stato sempre scettico sulle prestazioni di Froome, nessuno ci ha mai spiegato cosa sia successo nel periodo tra il 2010 ed il 2011 a questo ragazzo, in circa un anno, un corridore anonimo e mediocre che aveva vinto nulla o giù di lì si trasformò nel corridore di gran lunga più vincente degli ultimi dieci anni, senza rivali né in salita né a cronometro. Qualcuno dirà che prima era acerbo anche se a 25 anni non si è più tanti giovani nel ciclismo e credo che se uno é un fuoriclasse qualche sospetto debba pur destarlo.
    Mai vista una cosa simile! anzi forse ricorda un po’ la storia di un giovanotto americano, tale Lance Armostrong solo che lo sbruffone texano prima di vincere 7 tour e di prendere il cancro aveva dimostrato comunque di essere in corridore decisamente migliore di Froome anche se sembrava tutt’altro che adatto a vincere un grande giro.........
    Non mi stupirei nemmeno se da quest’anno o dal prossimo alla Israel tornasse ad essere il corridore anonimo che era ad inizio carriera.
  3. mikimetal91:

    Armstrong non è un paragone calzante perchè era dopato anche prima
    Probabilmente é così ma nulla a che vedere con quello che é riuscito a combinare dopo. Forse all’inizio era davvero dopato come tutti gli altri.