Come farsi le barrette proteiche in casa

14

Parliamo di barrette proteiche. Avete mai provato a leggere la lista ingredienti di una barretta proteica industriale? Se ci fate caso, contengono parecchi ingredienti. Alcuni esempi? Miscela di proteine in polvere, zucchero, burro di cacao, lecitina di soia o di girasole, sciroppo di fruttosio, sciroppo di glucosio-fruttosio, maltitolo, glicerolo, sorbitolo, olio di colza, mono e digliceridi degli acidi grassi, olio di palma, sucralosio… e la lista potrebbe continuare!

Con questo non vogliamo dire che le barrette industriali vanno assolutamente evitate per non fare danni alla salute, anche perché poi ci sono alcuni produttori che sono più attenti di altri ad usare ingredienti più salutari ma, come per le barrette energetiche, vogliamo proporvi un’alternativa più sana e con pochi ingredienti che potete fare voi in casa, in modo da sapere cosa mettete dentro e poter anche personalizzare le barrette sulla base dei vostri gusti o esigenze alimentari!

Ricetta

80 g farina d’avena (farina di riso per chi è celiaco)
150 g albume d’uovo – banana schiacciata per vegani
40 g cacao amaro in polvere
50 g miele – sciroppo d’agave per vegani
30 g burro di arachidi – o altra crema di frutta secca o nulla
200 g proteine del siero di latte gusto cioccolato – proteine vegane in polvere per vegani
Scorza di 2 arance
Cannella
Latte o bevanda vegetale q.b. per regolare la consistenza

In una ciotola versare tutti gli ingredienti e mescolare bene con un cucchiaio. Regolare la consistenza con bevanda vegetale o latte di vacca per ottenere una crema. Versare il composto in una teglia foderata con carta da forno ed appiattire per dare lo spessore di 1 dito in altezza. Infornare per 10-15 minuti a 180 °C.
Le barrette proteiche fatte in casa si conservano in frigorifero per una settimana: meglio incartarle singolarmente e conservarle in un contenitore ermetico. Per conservarle di più (un paio di mesi), si possono congelare.

Se volete invece fare in casa delle barrette energetiche, qui trovate ricetta e video tutorial.

Qui trovate il sito di Gaia dove poter chiedere programmi personalizzati.
Seguiteli anche su IG.

 

Commenti

  1. salomone:

    Non voglio far inutili polemiche nei confronti di ottime e disponibili persone, che offrono il oro apprezzabile (non da me) contributo ma, queste sono tutte banalissime e sorpassate valutazioni degli anni 70 del XX secolo. Invito i meritevoli estensori della discussione ad aggiornarsi, rispetto all'importanza della dieta e nutrizione chetogenica
    A prescindere dal merito della questione, con le barrette fatte in casa piuttosto che comprate già fatte, che c'entra?;nonzo%
  2. Ser pecora:

    C'è già un bel ? nel titolo, per cominciare....

    Comunque, aldilà che sia vero o meno (io di alimentazione so niente) il fatto che ci sia uno o più articoli su Pubmed vuol dire zero. Si tratta solo (relativamente) di un contenitore di articoli di ricerca. Perché una cosa sia "vera" deve essere sancita da tutta la comunità scientifica ufficialmente. Se no, "c'è uno studio che" per qualunque cosa...

    Certo, di sti'tempi, col nobel Melòn....
    Non e' un semplice studio in peer quello e' una Review significa che e' la sintesi degli studi ,quindi sancito dalla comunità, ovviamente parliamo di fruttosio estratto concentrato e non quello che troviamo nella frutta assieme a mille altre cosine.....
    Non assumerlo e' buona cosa....Se siete interessati ad una sana alimentazione andatevi a vedere le conclusioni dello studio EPIC ,500mila persone seguite x 15anni in tutta europa non esiste di meglio al mondo ;)
    [MEDIA=youtube]rPoE820g9wg[/MEDIA]
Articolo precedente

Cresce il mondo della bici, ma crescono anche i prezzi

Articolo successivo

Ciclomercato: Jakub Mareczko alla Alpecin-Fenix

Gli ultimi articoli in Allenamento e preparazione

Alcool e bici

Alcool e bici: quanti ciclisti riescono a resistere al fascino di una birra in compagnia appena…