Giro d’Italia 2023, presentato il Grande Arrivo a Roma

25

GIRO D’ITALIA 2023, PRESENTATO IL GRANDE ARRIVO A ROMA
Svelato il percorso dell’ultima tappa che partirà dall’Eur e si concluderà sui Fori Imperiali. Il Giro terminerà a Roma per la quinta volta nella sua storia (1911-1950-2009-2018).

Roma, 15 febbraio 2023 – Roma e il Giro d’Italia raccontano una lunga storia d’amore nata già nella prima edizione, nel 1909, quando la Città Eterna fu sede di arrivo della quarta tappa, il 20 maggio. La Corsa Rosa nel 2023 chiuderà il suo percorso nella Capitale per la quinta volta nella sua storia dopo quelle del 1911, 1950, 2009 e 2018.  Per la 49esima volta Roma sarà anche sede di un arrivo di tappa.

Alla presentazione in Campidoglio – sede del municipio della città – sono intervenuti il Sindaco di Roma, Roberto Gualtieri; il Presidente di RCS Mediagroup, Urbano Cairo; l’Assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda di Roma, Alessandro Onorato; l’Amministratore Delegato di RCS Sport, Paolo Bellino; il Presidente del CONI, Giovanni Malagò; il Direttore del Giro d’Italia, Mauro Vegni; il Presidente della Federazione Ciclistica Italiana, Cordiano Dagnoni; il Direttore Italia del gruppo Enel, Nicola Lanzetta; il direttore della Gazzetta dello Sport, Stefano Barigelli; il vicedirettore della Gazzetta dello Sport, Pier Bergonzi: il Direttore di Rai Sport Alessandra De Stefano e Giuseppe Saronni, vincitore di due Giri d’Italia (1979 e 1983) oltre a tante altre istituzioni, rappresentanti dei Media e dei partner della Corsa Rosa.

Partenza dall’EUR davanti al Palazzo della Civiltà Italiana (detto il Colosseo Quadrato). Tutta la prima parte si svolge in andata e ritorno lungo la via Cristoforo Colombo andando fino alla Fontana dello Zodiaco (Lido di Ostia) dove comincia la risalita prima verso l’EUR e poi verso il centro dove, appena passate le mura ardeatine, si entra nel circuito di 17.6 km da ripetere 5 volte.

Il circuito percorre tocca o sfiora molti dei luoghi simbolo di Roma. In successione si passa da Colosseo, Fori Imperiali, Lungo Tevere, Ara Pacis, Villa BorgheseCastel Sant’Angelo, Circo Massimo e Terme di Caracalla. Senza contare che si sfiorano luoghi come Piazza Navona, Piazza del Popolo e l’Isola Tiberina. Da menzionare in particolare che dopo Castel Sant’Angelo si percorrerà un tratto di via della Conciliazione con davanti la maestà della Basilica di San Pietro.
Ciclisticamente il circuito presenta poche difficoltà tecniche. I tratti con fondo in sanpietrini sono ridotti al minimo e sono tratti in buono stato. Il passaggio di Villa Borghese presenta una salita breve, ma secca, che potrebbe alterare i valori in campo. La maggior parte delle strade sono larghe e ben pavimentate. Non ci sono tratti particolarmente impegnativi per la guida del mezzo. Da segnalare un sottopasso lungo circa 200 m prima di svoltare verso Piazzale Flaminio e la salita di Villa Borghese.

Ultimi km
Ultimi chilometri sostanzialmente pianeggianti. Su strade larghe e rettilinee. Curve degli ultimi tre chilometri ampie. Rettilineo di arrivo di 700 m, largo 8 m fondo in “sanpietrini” in leggerissima ascesa.

Commenti

  1. Io sono super super contento e da romano spero vivamente che tutto vada per il meglio.
    Sarà il mio primo Giro al quale assistere. Qualche consiglio sul migliore spot dove posizionarsi?
  2. routa bucata:

    La solita retorica. Monumenti e storia ... storia e monumenti ... monumenti e storia ... storia e monumenti.

    Poi pero' la buccia di banana che ho appeno mangiato la devono spedire in Germania perche' non sanno come gestirla ... e questa e' la capitale di uno stato che si definisce moderno, sviluppato, industrializzato, tecnologicamente avanzato, occidentale e la rava e la fava. Le scene dei rifiuti per strada, a parte roma, le ho viste solo in africa, e non e' una battuta. Ma forse a pensarci bene e' proprio la capita che ci meritiamo.
    Però, e bisogna dirlo: la Gazzetta, RCS o perfino l'UCI, nessuno di questi è responsabile dei cinghiali, della gestione rifiuti, dei tafani di Roma nord.
    Cosa facciamo, se i nostri amministratori non sanno amministrare (per usare un eufemismo), eliminiamo ogni evento sportivo, culturale o generalmente la roba televisiva finché non ripuliamo l'Italia? Perché mi sembra lunghina, l'attesa. O, peggio, facciamo il Giro solo in Trentino perché la le strade e la gestione dei rifiuti sono migliori?
  3. SeeLallero:

    Io sono super super contento e da romano spero vivamente che tutto vada per il meglio.
    Sarà il mio primo Giro al quale assistere. Qualche consiglio sul migliore spot dove posizionarsi?
    Nella mia esperienza e se sei anche appassionato di fotografia, i punti migliori oltre all'arrivo sono i traguardi volanti o le salite (e uno strappo c'è).
    Però la folla sarà tanta, quindi perché non goderselo da punti più strategici. Forse la colonna di Traiano, vicino a dove il percorso curva per Piazza Venezia o dal Roseto Comunale (che mi sembra faccia da "tribuna" verso il Circo Massimo)?
Articolo precedente

Zwift passerà all’abbonamento annuale?

Articolo successivo

Pogačar fa 50

Gli ultimi articoli in News