Jérôme Pineau sospetta la Jumbo di doping meccanico

65

Dopo essere stato protagonista in negativo con il fallimento della B&B Hotels e del progetto di una squadra della città di Parigi, Jérôme Pineau torna a far parlare di se per via di alcune opinioni da lui espresse in televisione, durante la trasmissione “Les grandes gueles du sport” (più o meno “le grandi bocche dello sport), in cui ha lanciato pesanti sospetti sulla squadra olandese Jumbo-Visma.

Come noto la Jumbo-Visma non solo ha già vinto due dei 3 GT della stagione, il Giro d’Italia con Primoz Roglic ed il Tour de France con Jonas Vingegaard, ma sta marciando a grandi passi verso il tris con Sepp Kuss leader della classifica generale della Vuelta, e come se non bastasse con Roglic e Vingegaard al 2° e 3° posto.

Già nel mondo del ciclismo chi vince fa sollevare un sopracciglio, se vince spesso due, figurarsi se vince sempre….Pineau è andato dritto al cuore della questione accusando la formazione olandese di usufruire di doping meccanico:

L’accelerazione di Sepp Kuss al Tourmalet, due giorni fa, è stata di 10 km/h più veloce del gruppo di testa, dove c’erano taleti come (Juan) Ayuso […] C’è uno spettatore che fa un passo avanti, frena e riparte 10 km/h più veloce. Nel Tourmalet. Come si spiega? […] Sul Col de Spandelles, l’anno scorso, Sepp Kuss, senza pedalare, ha guadagnato 10 secondi, non so come faccia

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da La Vuelta (@lavuelta)

Pineau poi è tornato anche su exploit del recente passato della Jumbo, come la tripletta nella tappa di apertura della Paris-Nice 2022:

I tre buffoni (sic – Christophe Laporte, Primoz Roglic e Wout Van Aert -ndr-) sono partiti sulla salita di 800 metri nei pressi di Yvelines con il gruppo WT che era con loro..e alla Parigi-Nizza non c’erano già stati tre mesi di gare prima…. tutti abbiamo fatto stages di allenamento prima, (ma) loro fanno quattro pedalate e prendono 10 metri….Come fanno?“.

Per poi concludere con un argomento principe dei social:

“Alcuni organi hanno bisogno di soldi per vivere, hanno bisogno di grandi squadre. […] Ho paura, sono molto preoccupato. […] “io ci ho corso fino a poco tempo fa nei professionisti e queste cose non me le spiego. Ed anche negli autobus delle squadre non è che si chiedono cos’hanno fatto negli stages…e non solo le piccole squadre….ma poi alla fine nessuno dice niente…perché non ci sono le prove, ma anche per Armstrong non ne avevamo, ma tutti lo sapevano. Sta succedendo la stessa cosa. Aspetti di andare a colpire il muro con la faccia faccia e poi dici: Oh sì, certo era evidente…Ma sarà troppo tardi”.

 

Commenti

  1. Doctor Speck:

    Dici che i motorini Lidl da 9,99€ non vanno bene uguale?
    Si rompono tutti. Ha funzionato quello di Skjelmose al giro di Svizzera, poi fine. Ora stanno provando con le mozzarelle blu, ma le digerisce male :clown:
  2. non credo proprio al doping meccanico, troppo facile da scovare e danno d'immagine troppo grande per la squadra.

    Se un ciclista viene trovato dopato, la squadra si dissocia, lo licenzia, dice che non ne sapeva nulla e finisce lì.
    Se viene trovato un motorino nella bici è chiaro che la squadra sia colpevole, non rischierebbero mai ora che ci sono i controlli per questo.
Articolo precedente

Vittoria di Rui Costa alla Rui Costa alla Vuelta

Articolo successivo

[Test] Canyon Endurace CFR AXS

Gli ultimi articoli in News