La triste storia di una corsa epica

La triste storia di una corsa epica

25/03/2014
Whatsapp
25/03/2014

ChristianSmith

Christian Smith era un cicloturista che aveva deciso di mettersi in sella per una giusta causa, come tanti, o forse pochi, fanno.

Il suo obiettivo era coprire la distanza di 400km in 24h attraverso il Kent ed il Sussex, in Inghilterra, al fine di raccogliere fondi per la fondazione MIND che supporta persone con problemi mentali. Lui stesso era affetto da un leggero ritardo cognitivo.

Il 22 Marzo scorso però, alle 4 di mattina è stato investito ed ucciso da un automobile guidata da 2 persone di 18 e 19 anni in stato di ebbrezza, che ora sono state arrestate, e subito rilasciate in attesa di indagini, sino al 26 Luglio prossimo. La polizia è ancora alla ricerca di testimoni del fatto.

Christian Smith ha lasciato una moglie e tre figli.

Una triste storia di qualcuno per che per fare del bene perde tutto e così la sua famiglia. Un solo risvolto positivo: la pagina delle donazioni legata alla sua “Kent Epic” ha raccolto oltre 66.000 sterline fino ad ora, in larga parte sull’onda della notizia della sua morte.