Lucie Jounier investita volontariamente

117

Gli incidenti stradali con coinvolti ciclisti in allenamento e automobilisti sono ormai da tempo all’ordine del giorno (proprio oggi cade l’anniversario di uno dei più nefasti purtroppo), ma quanto successo a Lucie Jounier (Arkéa Pro Cycling) è di un altro livello, in quanto la 23enne ciclista francese ha testimoniato di essere stata volontariamente investita da un automobilista:

Martedì ero in allenamento e sono stata volontariamente travolta da un’auto in discesa. Senza motivo siamo stati sorpassati e poi ci hanno stretto quindi l’autista ha frenato. Purtroppo non ho potuto evitare la caduta. Risultato: perdita di coscienza + frattura del trapezio. La stupidità umana non finirà mai…

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Lucie Jounier (@luciejounier)

La sua squadra ha comunicato che la Jounier è vittima di un trauma cranico senza emorragie e si è fratturata il trapezio della mano destra.

Un augurio di pronto recupero per la sfortunata ciclista bretone.

Commenti

  1. 4x16:

    La nostra mensa è in una zona dove ci sono due scuole e all'uscita tutti questi ragazzini prendono a tutte velocità vociando tra di loro totalmente incuranti del traffico una strada contromano che si immette in una strada urbana principale per attraversarla e rimettersi sempre in contromano sulla stradina dove si trova il nostro ristorante....la cosa triste è che a volte li vedo passare accompagnati dai genitori che ti guardano anche incazzati se passi in macchina e non puoi lasciargli più spazio perché alla tua dx ci sono auto parcheggiate nelle regolari strisce blu!!! Ecco questa è l'educazione che le scuole e certi genitori inculcano ai figli!!!!

    Mi domando dove andremo a finire se il mondo dell'auto continuerà a riempire di schermi touch le auto.....io a volte mi fermo a riflettere e penso.....che senso ha riempire di schermi enormi che replicano il cellulare sistemi di intrattenimento in auto per poi mettere sensori che ti avvisano se stai uscendo dalla carreggiata, se non stai frenando, se ti sta arrivando una macchina dietro.....per forza poi vedi gente perennemente al cellulare o che gioca con questi schermi....tanto, dice, se vado fuori carreggiata o se non vedo l'ostacolo la macchina mi avvisa o frena da sola!!! Bisognerebbe fare un passo indietro, tornare al solo vivavoce, fare multe stratosferiche a chi armeggia col cellulare e fare molti più controlli, e responsabilizzare l'uomo che guida .....quando guidi devi guardare la strada e chi ti sta attorno non un cazzo di tablet da 10/12 pollici che ti piazzano in plancia assieme a mille assistenti che ti spingono solo a distrarti e fanno costare le auto il doppio rispetto alle stessa auto di 10 anni fa!!!!!!!
    GRANDE !!! ...stessa riflessione facevo io poco fa fuori dall'ufficio : una Aygo versione "connect" !!! ma che stracacchio ti devi connettere !!!! in auto l'unica cosa a cui devi stare connesso sono il volante con le mani e la strada con gli occhi !!!! ...poi nessuno è perfetto , ho tamponato pure io ....
  2. mofo:

    Quello che scrivi sopra mi sembra poco condivisibile.

    Partendo dal presupposto che non penso tu stia criticando l'aggiunta di sistemi di sicurezza passivi (siamo tutti d'accordo che con e' meglio che senza vero?), senza sistemi di infotainement la gente farebbe le stesse cose, col cellulare in mano, che e' pure peggio. In piu' alcuni sistemi di questo tipo inibiscono l'uso di alcune funzioni mentre la macchina e' in movimento, tipo l'accesso al pannello settings di android auto. E i controlli vocali, altro aumento di sicurezza.

    Comunque l'articolo e il thread riguardano un caso di investimento volontario, quindi il fatto che uno potrebbe essere li' a premere pulsanti a caso su spotify non e' nemmeno troppo pertinente.
    Partiamo dal presupposto che stiamo andando OT..... è vero che una parte delle funzioni viene inibita durante la guida ma a me vengono i brividi quando sento parlare di INFOTAIMENT in un auto.....in auto non ti devi intrattenete, devi guidare cazzo!!! Aiuto alla guida ok......ma mille sensori che ti avvertono se la macchina è troppo vicina, se ti avvicini alla linea di mezzeria, se ti avvicini alla linea di margine portano (non tutti eh) a dire va beh do un occhio al cell tanto se vado fuori la macchina mi riporta in carreggiata o frena......avevamo tanti incidenti 10 anni fa quando non c'erano i megaschermi e mille aiuti tanti quanti ne abbiamo adesso.....io tra casa e lavoro faccio più di 30000 km all'anno e sai quanti ne vedo con macchinoni da 70k con quel cazzo di cellulare in mano anziché al vivavoce!?
    kekino:

    "si e no"... i miei han preso macchina nuova con display touch e tutto l'ambaradan...

    Se voglio semplicemente ascoltare la musica in furgone ho dei tasti fisici che sento e tocco senza problemi per andare avanti di brano e per il volume (certo, per questi ci sono anche comandi al volante) ma anche per esempio per andare avanti di cartella nel caso di cd con mp3 (si in furgone ho ancora il lettore cd) :mrgreen: e se ascolto la radio ho tutti i tasti fisici per cambiare stazione, tasti fisici per la ricerca delle stazioni e posso fare tutto senza staccare lo sguardo dalla strada.

    In macchina è tutto touch, qualsiasi cosa tu faccia che non sia semplicemente mandare avanti di un brano o alzare/abbassare il volume devi dedicare MOLTA più attenzione al display.

    L'integrazione col telefono son d'accordo che è più sicura, però tutto il resto secondo me è peggiorato dal punto di vistsa della sicurezza (poi dipende chiaramente da auto ad auto, ce ne sono che hanno anche alcuni comandi fisici oltre al display, non dico di no).
    RamboGuerrazzi:

    ma soprattutto, i monopattini hanno il limitatore di velocità integrato: quando entrano in certe zone pedonali, la velocità massima viene diminuita automaticamente a 6 km/h. Le auto, che costano 100 volte un monopattino e causano 3mila morti l'anno solo in italia, non hanno alcun tipo di limitatore. Se in città vuoi andare a 80 all'ora quando trovi il viale libero, ci vai in totale libertà.
    Ok ok allora se parliamo così mettiamo un limitatore alle auto che non facciano più dei 50 all'ora....... bisogna educare gli automobilisti alla sicurezza ma anche gli altri, ciclisti, monopattini, pedoni.....siamo tutti sulla strada, io giro tanto in città, sulle strisce e non mi fermo sempre ma sai quanti pedoni vedo girare non sul marciapiede? Sai quante bici fiondarsi contromano? Sai quanti monopattini (ben oltre i 6km/h......) vedo buttarsi ovunque in centro a Rovigo!!? È lo stesso discorso "l'auto è un'arma impropria" ; è una cazzata, l'auto è uno strumento indispensabile e sta nella testa di chi guida usarla al meglio e nel rispetto degli altri!!! Purtroppo da una parte viviamo in un mondo sempre più frenetico dove "vogliamo" che il corriere arrivi il giorno dopo però deve andare piano........
  3. Il fatto che tu abbia mandato "un veloce sms" mentre guidavi ti fa appartenere a quella categoria che io chiamerei "pericoli stradali e potenziali criminali" (tranquillo, tanto siete in tanti e tutti impuniti). Mai fatto in vita mia. In auto il telefono lo metto dentro una tasca chiusa. Se suona pazienza.
    (vi ricordate DJ FABO che chiese il suicidio assistito?...sapete perche' si ridusse in quello stato neurovegetativo tetraplegico?...per raccogliere il telefonino sotto al sedile dell'auto che stava guidando, perdendo il controllo e andandosi a schiantare...).
    Poi la gentile signora alla guida centra un ciclista e si mette a piangere disperata: vedi il tread di Ipercool sulla sua trek madone e il suo incidente...; alla signora mai piu' patente, please.

    E SI : l'utente alla guida di un auto (o qualsiasi veicolo a motore di grandi dimensioni) va super-responsabilizzato e deve passare il concetto che se stai guidando devi essere super attento; se ti distrai diventi un potenziale assassino (come se usi coltelli, seghe elettriche ,etc), in quanto con un veicolo a motore per la strada interagisci in zone in cui si mischiano soggetti molto DEBOLI a soggetti molto FORTI. Se non capisci questo sei un pericolo per gli altri oltre che per te stesso! Dovrebbero passare pubblicita' progresso sui mezzi di informazione in cui si avverte che guidare non e' uno scherzo o una divertente passeggiata, invece e' proprio in contrario...; pubblicita' in cui auto sfrecciano in citta' deserte (ma quando mai!) o su strade panoramiche......
    Il fatto di vivere in una societa' del genere come giustamente citi tu, non vuol dire che non si possa (con l'educazione, la scuola, etc, etc) uscirne e migliorare aumentando i comportamenti virtuosi a cominciare da chi e' genitore ed educatore in primis.
    Invece l'automotive e' un GROSSO business con tutto l'indotto che ne deriva: qualche pedone e ciclista ucciso che sara' mai in confronto al PIL che muove tutto il settore...
Articolo precedente

Colnago presenta la nuova C68

Articolo successivo

Tadej Pogacar non correrà la Liegi

Gli ultimi articoli in News

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…