Nathan Van Hooydonck in gravi condizioni dopo un incidente

116

Nathan Van Hooydonck, corridore 27enne della Jumbo-Visma, è rimasto gravemente ferito in un incidente stradale avvenuto questa mattina nel centro di Kalmthout, nelle Fiandre. Il corridore, fidato gregario di Wout van Aert, si sarebbe sentito male mentre era alla guida della propria auto e ne avrebbe perso il controllo. Ha dovuto essere rianimato sulla scena ed è stato portato in ospedale in condizioni critiche. La moglie, in stato di gravidanza avanzata, era seduta accanto a lui nell’auto, ma non ha riportato ferite gravi.

L’incidente è avvenuto stamattina alle 8.30 circa, quando l’auto guidata dal corridore olandese era ferma ad un semaforo ad un incrocio. Il conducente, che si è sentito male (alcune fonti riferiscono un infarto, ma non è confermato), ha improvvisamente accelerato andando ad occupare l’incrocio, andando contro cinque auto sul lato opposto che erano in coda.

Van Hooydonck è stato rianimato sulla scena ed è stato trasferito in ospedale cosciente. Si dice che sia in pericolo di vita (la squadra non può confermare). Anche la moglie Alicia, incinta di otto mesi, è stata portata in ospedale per essere monitorata. Un altro conducente e un bambino occupante hanno riportato ferite minori.

 

Commenti

  1. Maverik89:

    Faccio un esempio estremo: se capita un disastro come quello avvenuto il terremoto in Marocco o l'inondazione in Libia la notizia arriva a prescindere dai cookie.


    stai mischiando un po' di cose però.
    Su FB ci entri solo con il profilo ed hai "un'agenda" molto personalizzata, per quanto poi arrivano anche inserzioni sponsorizzate buttate malamente.
    Banalmente con google puoi utilizzarlo anche senza account, vedi quanti hanno fatto la stessa ricerca, se vai su google news hai una rassegna stampa abbastanza neutra (e vedi tutte le testate giornalistiche), sicuramente i cookies interferiscono meno.
    Ok, il discorso è molto complesso, qui rischiamo di banalizzarlo.

    Diciamo che in generale più fonti si hanno e più si è consapevoli dei vizi specifici di ognuna di esse meglio è
  2. martin_galante:

    Dati alla mano, gli ultimi ciclisti morti per problemi cardiaci sono
    Michael Goolaerts (2019)
    Robert de Greef (2019)
    Niels De Vriendt (2020)
    poi basta. Dove sarebbero i caduti come mosche dopo il 2021?
    Nei cookies... :yoga:
Articolo precedente

[Test] Canyon Endurace CFR AXS

Articolo successivo

La nuova Roubaix SL8: Hell below, heaven above

Gli ultimi articoli in News