Report antidoping 2018: Italia il Paese con più positivi

45

È uscito stanotte il report dell’agenzia antidoping WADA riguardante i controlli fatti nel 2018 (lo trovate qui). Come riferisce il Corriere:

delle 1.459 positività accertate in quella che è l’ultima stagione scrutinata dagli analisti dell’Agenzia, commesse in 93 sport da atleti di 114 nazioni, ben 171 sono attribuite ad atleti italiani. La Francia ci segue ben staccata a quota 128 seguita da Stati Uniti (103), Brasile (84), Russia (82), Cina (62), India (57). Ancora più staccati Belgio, Spagna e Sudafrica. Due le ragioni di questo poco invidiabile primato. La capillarità dei controlli in Italia sugli sport cosiddetti minori da parte dei Nas e di Nado Italia e, purtroppo, la grande quantità di positivi a livello amatoriale sia negli sport di resistenza che in quelli di forza, sia a livello giovanili che tra atleti molto maturi. Le positività globali sono in forte crescita rispetto al 2017 ma non arrivano ai livelli record del 2015.

Magra consolazione: il body building precede l’atletica leggera e il ciclismo nel triste primato .

Commenti

  1. Number of the beast:

    L'Italia è finalmente prima nell'ambito sportivo.

    Il giorno che inizieranno a controllare anche i ciclisti delle garette domenicali, faremo il botto. Primi con distacco.
    Number of the beast:

    Non dico che all'estero siano dei Santi, ma l'Italiano ha la "scorciatoia" nel sangue...In tutti i sensi.
    Il solito esterofilo.
    Già sentita. Passiamo oltre.
  2. Ci sono ancora Stati che il doping non lo cambattono, lo favoriscono! Come facevamo noi negli anni ‘80. Non é minimamente credibile che Stati come Russia e Cina, giusto per fare i nomi più eclatanti, non foss’altro per ragioni quantitative, abbiamo meno casi dell’Italia. É evidente che la nostra politica attuale é quella di combattere il fenomeno, anche a livello amatoriale. Non so quanti altri Stati, sotto questo punto di vista, siano a livello nostro, credo molto pochi.
  3. jan80:

    siamo primi perche' da noi fanno i controlli anche ad amatori.......vorrei vedere in Belgio per fare un piccolo esempio se li facessero,se avrebbe ancora pochi casi....
    La Wada fa i controlli agli amatori? Col sistema Adams?

    ...
Articolo precedente

Giro d’Italia 2020: ecco le nuove Maglie

Articolo successivo

Maglie mitiche: Flandria

Gli ultimi articoli in News