Specialized licenzia l’8% dei propri impiegati

94

Specialized ha annunciato mercoledì il licenziamento dell’8% della sua forza lavoro in quella che l’azienda ha definito una “trasformazione”. I licenziamenti riguardano tutta l’azienda a livello globale, compresi i negozi al dettaglio di proprietà dell’azienda negli Stati Uniti e all’estero.

Questo il comunicato dell’azienda statunitense:

Negli ultimi tre anni, il settore è cambiato a un ritmo incredibile e ha dimostrato che il ciclismo è più forte che mai. È chiaro che è arrivato il momento di trasformarsi e di cambiare per il futuro.
La scorsa settimana Specialized ha preso la decisione incredibilmente difficile di dire addio all’8% dei suoi compagni di squadra in tutto il mondo. Con l’economia globale che cambia più velocemente del previsto e i rapidi cambiamenti nel ciclismo l’adeguamento dell’organizzazione consentirà al marchio di adattarsi continuando a investire nell’innovazione.
Stiamo trasformando l’azienda verso il nostro obiettivo di “Pedalare il Pianeta verso il futuro”. La nostra priorità è quella di servire meglio i ciclisti, i rivenditori e le comunità e di essere il posto migliore per i nostri compagni di squadra per innovare e crescere. È giunto il momento di adattarsi all’ambiente attuale e questo ci ha portato a prendere oggi alcune decisioni estremamente difficili. Voglio riconoscere gratitudine ai collaboratori che hanno lasciato l’azienda e ringraziarli per tutti i loro contributi, il duro lavoro e la dedizione a Specialized. Siamo impegnati a garantire loro il massimo sostegno in questo momento difficile. Può essere difficile da vedere in questo momento, ma il futuro del ciclismo e del nostro marchio è luminoso“. – Scott Maguire, CEO di Specialized

A marzo, il fondatore dell’azienda, Mike Sinyard, ha lasciato il suo ruolo di CEO e ha nominato Maguire, proveniente da Dyson. A maggio, Armin Landgraf (ex CEO di Pon Bike e Canyon Bicycles) è stato nominato responsabile dei mercati mondiali.

L’azienda ha presentato mercoledì un avviso di Worker Adjustment and Retraining Notification (WARN) allo Stato dell’Oregon, indicando che avrebbe licenziato sette dipendenti in Oregon nell’ambito di un taglio nazionale di circa 120 lavoratori. L’avviso diceva che i lavoratori sarebbero stati licenziati venerdì e che l’azienda avrebbe pagato loro 60 giorni di stipendio e benefit al posto dei 60 giorni di preavviso, come previsto dalla legge.

I licenziamenti di Specialized fanno seguito a una serie di tagli in tutto il settore, come già avvenuto in aziende come Zwift, Wahoo, Strava, Pearl Izumi e l’editore Outside (CyclingTips).

Tutti marchi che hanno registrato un boom di vendite e carenze di scorte a partire dal 2020, per poi iniziare a lottare con un eccesso di scorte in alcune categorie a metà del 2022.

Nel 2021 Specialized ha iniziato a reagire all’acquisizione da parte di Trek di molti negozi al dettaglio negli Stati Uniti (e recentemente in Europa) compresi alcuni dei maggiori rivenditori Specialized in alcuni territori. Per prima cosa ha offerto un’alternativa alla corsa all’acquisizione di Trek, dicendo che avrebbe aiutato a finanziare i rivenditori che stavano cercando di andare in pensione o di lasciare i loro negozi. Poi anche Pon.Bike (Cervelo, Focus, SantaCruz, etc.)  ha acquistato la catena Mike’s Bikes in California e Specialized ha ritirato le sue biciclette dai negozi Mike’s e ha iniziato ad aprire centri di distribuzione di proprietà dell’azienda. Da allora Specialized ha iniziato ad acquisire negozi in modo più aggressivo. Lo scorso gennaio l’azienda ha annunciato che avrebbe iniziato la vendita diretta al consumatore di biciclette complete.

Questo ha portato in breve tempo a molte assunzioni. Poi con i cambiamenti del mercato la reazione inversa, iniziata pubblicamente il mese scorso, quando Specialized ha posto fine ai contratti con diversi atleti ambassador, ponendo fine al proprio programma, anche se l’azienda aveva precisato che:  “Il nostro programma di ambasciatori social sta continuando a cambiare in base alle esigenze dei ciclisti, ma sicuramente non sta scomparendo“.

Commenti

  1. bonny92:

    Oddio altamente probabile che raggiunga livelli almeno doppi, se anche lontanamente si avvicinano al 5% di disoccupazione la fed stampa qualsiasi cosa possibile.
    Il messaggio è stato chiaro…continueranno in modo aspro e faranno di tutto per evitare i rimbalzi inflazionistici visti negli anni 70.

    il 5% non è male in senso assoluto.
  2. il mercato del lavoro USA e' a quel poco che ne so completamente diverso dal nostro , certamente piu' flessibile , con meno disoccupazione , con un turnover maggiore , che tuttavia tutela meno il lavoratore (e l'imprenditore) .
    e' molto difficile giudicare l'operato di un azienda americana , per come siamo abituati qui. loro non lo vivono come un onta od un crimine.
    detto questo, quello che penso io e' irrilevante . tanto finisco sempre per pensare che si vada sempre da un estremo all'altro.
  3. Vi seguo sempre, pur contribuendo pochino...Mi ritengo più "adatto" forse alla lettura. In questo caso, però, mi viene da intervenire "di getto".
    Leggere una notizia di questo tipo, unita all'assidua consultazione dei listini (FOLLI SENZA SE E SENZA MA NESSUNO ESCLUSO) dei vari marchi, da frutto ad un'amarezza importante. Non aggiungo altro, nemmeno su ciò che penso di questi supermega-manager, perchè non vorrei diventare sgradevole e rischiare querele.

    Ciao a tutti gli appassionati.
Articolo precedente

Il percorso della Vuelta Espana 2023

Articolo successivo

Thibaut Pinot inizia la propria ultima stagione

Gli ultimi articoli in News