News #Tadej Pogacar

TdF 2021: Tadej Pogačar vince la 17^ tappa

TdF 2021: Tadej Pogačar vince la 17^ tappa

Piergiorgio Sbrissa, 14/07/2021

Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto la tappa regina del Tour de Fance con arrivo al Col du Portet, a 2215mt di altitudine, davanti a  Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma) e Richard Carapaz (Ineos Grenadiers), gli unici che siano riusciti a tenere il ritmo dello sloveno nella parte finale della salita.

La UAE ha tenuto alto il ritmo per tenere cucita la corsa sino alla salita finale ed evitare attacchi, con Rafal Majka che ha tenuto altissimo il ritmo sino ad un allungo di Pogačar che ha definitamente scremato il gruppo dei migliori riducendolo appunto ai tre che poi si sono giocati la vittoria. Il terzetto ha visto collaborare solo Pogačar e Vingegaard, con Carapaz che ha bluffato a suon di denti digrignati sino ai -1500mt quando ha piazzato un attacco con cui ha staccato di una decina di metri il danese, il quale poi però è rientrato. Negli ultimi 50mt facile scatto di Pogačar che si è portato a casa la tappa, l’abbuono e 40 punti per la classifica maglia a pois.

Pogačar nell’intervista dopo tappa ha dichiarato sorridendo che Vingegaard durante la salita gli ha detto che Carapaz stava bluffando e lui gli ha risposto che lo sapeva.

Vittima di questa dinamica è stato Rigoberto Uràn, il quale ha perso il 2° posto in classifica a favore di Vingegaard. Carapaz sale al 3°. Vingegaard e Carapaz sono ora a +5’39” e +5’43” rispettivamente da Pogačar, il che presumibilmente fa pensare che l’ecuadoriano dovrà tentare qualcosa nei confronti del danese nella tappa di domani, con arrivo in quota a Luz Ardiden, ultima chance prima della cronometro della penultima tappa, che vede favorito sulla carta Vingegaard su Carapaz.

Pogačar ha confortato la propria posizione in classifica, ha portato a 5 il numero di tappe vinte al Tour in carriera e dimostrato di essere in controllo totale degli avversari. Inoltre è salito al 2° posto nella classifica per la maglia a pois, a 11 punti dal leader Wout Poels. Poels che dovrà andare in fuga o tentare qualcosa se vorrà conservarla, perché visto il profilo della tappa e quello dello sloveno domani sarà difficile difenderla. Va detto che gli 80 punti in palio in queste due ultime tappe di montagna per la vittoria in quota sbilanciano decisamente l’equilibrio di questa classifica, dopo che i vari contendenti (Poels, Woods, Quintana) hanno passato una settimana a contendersi traguardi intermedi per un totale di punti inferiore.

 

Commenti

  1. Kaiser Jan:

    Per me ha fatto bene,se la sono giocata in 3 la vittoria. ........
    Quoto, hanno corso tutti bene, nell'ambito delle loro possibilità. Uno si è vinto una tappa e consolidato il primato, Carapaz si è tenuto quelle poche energie per uno scatto alla fine velleitario, segno che non è che avesse tutte queste energie e non vedo in base a quale logica se non quella da divano, dovesse collaborare rischiando di staccarsi che già così ha fatto 3 su 3. Vingegaard è giovane, ha corso bene e con testa, non cuocendosi sullo scatto di Carapaz ma rientrandogli regolare e pure rubandogli 1+2 secondi.
    Tre avversarsi diretti (ammesso che Pogacar sia della partita) di 3 squadre diverse, ognuno con interessi contrapposti. Non si capisce perchè uno non dovesse vincere, l'altro dovesse collaborare e cuocersi ecc.ecc.ecc. Si lascia la vittoria al gregario, al più al fuggitivo di giornata che magari ti dà una mano, uno per la classifica e uno per la tappa, non si lascia la vittoria all'avversario....nè si tira per lui se sai che poi in volata ti batte e magari ti stacca prima.
  2. golias:

    Perchè non c'era bisogno di allungare e poi chiedere con il gomitino agli altri di fare altrettanto quando in realtà volevano, come lui, farsi la tappa e di conseguenza salire del loro passo e poi magari tentare l'allungo prima del traguardo.
    Che bisogno aveva lui di vincere la tappa.. dimostrare che è il più forte quando ha già un vantaggio notevole sul secondo ?
    eh però adesso uno che ha già la maglia non può più vincere?1 tappa è il massimo se no si è sadici? era il più forte, lo pagano per vincere, la sua squadra ha tirato, lui ha tirato per quasi tutta la salita, e deve rendere conto in primis a loro che non agli avversari. che poi che fai lasci la tappa?a chi a carapaz che non ha tirato un metro?che c'era pure l'opzione che andasse lui davanti
  3. golias:

    Perchè non c'era bisogno di allungare e poi chiedere con il gomitino agli altri di fare altrettanto quando in realtà volevano, come lui, farsi la tappa e di conseguenza salire del loro passo e poi magari tentare l'allungo prima del traguardo.
    Che bisogno aveva lui di vincere la tappa.. dimostrare che è il più forte quando ha già un vantaggio notevole sul secondo ?
    Credo che cerchiamo in questi ragazzi una maturita che non possono avere. Un ragazzo poco piu che ventenne non fa (giustamente) tutti sti calcoli. Tra 4-5 Tour magari li fara, ma ora va come una moto e gasato come nessuno e cerca di vincere tutto quello che puo. Il politically correct non credo sia molto piu di moda nel ciclismo. E poi Pogačar, ma anche i vari Van Aert o VdP ricordanu piu Merckx che Indurain, vanno fortissimo su ogni tipo di percorso. Merckx cosa avrebbe fatto?