TdF 2021: Tadej Pogačar vince la 17^ tappa

72

Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto la tappa regina del Tour de Fance con arrivo al Col du Portet, a 2215mt di altitudine, davanti a  Jonas Vingegaard (Jumbo-Visma) e Richard Carapaz (Ineos Grenadiers), gli unici che siano riusciti a tenere il ritmo dello sloveno nella parte finale della salita.

La UAE ha tenuto alto il ritmo per tenere cucita la corsa sino alla salita finale ed evitare attacchi, con Rafal Majka che ha tenuto altissimo il ritmo sino ad un allungo di Pogačar che ha definitamente scremato il gruppo dei migliori riducendolo appunto ai tre che poi si sono giocati la vittoria. Il terzetto ha visto collaborare solo Pogačar e Vingegaard, con Carapaz che ha bluffato a suon di denti digrignati sino ai -1500mt quando ha piazzato un attacco con cui ha staccato di una decina di metri il danese, il quale poi però è rientrato. Negli ultimi 50mt facile scatto di Pogačar che si è portato a casa la tappa, l’abbuono e 40 punti per la classifica maglia a pois.

Pogačar nell’intervista dopo tappa ha dichiarato sorridendo che Vingegaard durante la salita gli ha detto che Carapaz stava bluffando e lui gli ha risposto che lo sapeva.

Vittima di questa dinamica è stato Rigoberto Uràn, il quale ha perso il 2° posto in classifica a favore di Vingegaard. Carapaz sale al 3°. Vingegaard e Carapaz sono ora a +5’39” e +5’43” rispettivamente da Pogačar, il che presumibilmente fa pensare che l’ecuadoriano dovrà tentare qualcosa nei confronti del danese nella tappa di domani, con arrivo in quota a Luz Ardiden, ultima chance prima della cronometro della penultima tappa, che vede favorito sulla carta Vingegaard su Carapaz.

Pogačar ha confortato la propria posizione in classifica, ha portato a 5 il numero di tappe vinte al Tour in carriera e dimostrato di essere in controllo totale degli avversari. Inoltre è salito al 2° posto nella classifica per la maglia a pois, a 11 punti dal leader Wout Poels. Poels che dovrà andare in fuga o tentare qualcosa se vorrà conservarla, perché visto il profilo della tappa e quello dello sloveno domani sarà difficile difenderla. Va detto che gli 80 punti in palio in queste due ultime tappe di montagna per la vittoria in quota sbilanciano decisamente l’equilibrio di questa classifica, dopo che i vari contendenti (Poels, Woods, Quintana) hanno passato una settimana a contendersi traguardi intermedi per un totale di punti inferiore.

 

Commenti

  1. bianco222:

    Titolo: il forumendolo perennemente insoddisfatto. :mrgreen:

    Quando uno tira e ha la maglia gialla a ruota si leggono commenti del tipo "ma la Ineos (o Movistar o JV) corre per Pogacar?" Poi se uno invece sta a ruota si legge "ma doveva tirare".
    Se uno che ha già il Tour (o il Giro) in tasca vince "non è sportivo". Poi se invece lascia vincere gli altri "non ha rispetto per gli avversari e i compagni".
    Ho scritto prima e lo confermo ora che tra i 3 quello che ha collaborato di meno è stato Carapaz, pertanto son contento che ha fatto 3° su 3; resto del parere che se forse Pogacar fosse stato a ruota di Vingegard e Carapaz senza collaborare, forse avrebbe lasciato la tappa ma visto che si è fatto un bel mazzo proprio lui in maglia gialla a tirare con pochi cambi, ha giustamente vinto la tappa.
  2. danieletesta79:

    Basta togliere dalle emotion il ";:ka;: " altrimenti c'è chi lo usa; il tuttologo saprà come fare :-x
    Avanti con i flame. Oggi sei in forma
    Ps non serve togliere cose che a seconda del modo d'uso possono essere simpatiche o sgradevoli...come le persone che le usano......ça va sans dire
  3. bughy:

    A me, 25 anni fa, piaceva un certo signore spagnolo che, in maglia gialla con n minuti di vantaggio, lasciava la tappa ai suoi compagni di fuga...
    Lo faceva quando ancora non aveva vinto una tappa al Tour nemmeno lui? Stesse circostanze in tutto?
    bughy:


    E finiamola di dire che nello sport bisogna impegnarsi fino all'ultimo metro o all'ultimo secondo, l'umiliazione che oggi tocca a me, domani potrebbe toccare a te, magari se oggi non mi segni il 5 gol domani te lo risparmio io questo affronto (ho citato il calcio per essere chiaro).
    È invece rispetto per l'avversario lasciargli il contentino all'ultimo metro come si fa con i bambini dopo aver combattuto? Credi davvero che gli altri due si siano offesi?
    Credo che essendo professionisti ai massimi livelli si sarebbero forse offesi del contrario
    Credo invece che abbia avuto anche rispetto per tutta la squadra che ha lavorato per lui e che beneficerà (insieme a tutto lo staff che sicuramente ci tiene di più economicamente) del premio tappa. Cosa avrebbe raccontato alla squadra?
    Hei ho fatto come Indurain!
    bughy:

    Personalmente non mi è molto simpatico pur essendo indubbiamente un fenomeno.
Articolo precedente

TdF 2021: Patrick Konrad vince la 16^ tappa

Articolo successivo

“Non è Pogačar ad essere un alieno, ma gli altri che sono sotto le aspettative”

Gli ultimi articoli in News