Tim Merlier vince la terza tappa. Pogačar semina il panico

47

Tim Merlier (Soudal Quick-Step) ha vinto la terza tappa del Giro d’Italia 107, la Novara-Fossano di 166 km. Al secondo e terzo posto si sono classificati rispettivamente Jonathan Milan (Lidl-Trek) e Biniam Girmay (Intermarché – Wanty).

Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) rimane in Maglia Rosa di leader della classifica generale, dopo aver seminato il panico seguendo un attacco di Mikkel Honoré a i -3km dal traguardo, costringendo tutto il gruppo e Geraint Thomas in particolare, ad inseguire.

ORDINE D’ARRIVO
1 – Tim Merlier (Soudal Quick-Step) – 166 km in 3h54’35”, media di 42.458 km/h
2 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) s.t.
3 – Biniam Girmay (Intermarché – Wanty) s.t.

CLASSIFICA GENERALE
1 – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
2 – Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) a 46″
3 – Daniel Felipe Martinez (Bora – Hansgrohe) a 47″

LE MAGLIE UFFICIALI
Le Maglie di leader del Giro d’Italia sono disegnate e realizzate da CASTELLI.

  • Maglia Rosa, leader della Classifica Generale, sponsorizzata da Enel – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
  • Maglia Ciclamino, leader della Classifica a Punti, in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ITA Italian Trade Agency – Tim Merlier (Soudal Quick-Step)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, sponsorizzata da Banca Mediolanum – Tadej Pogacar (UAE Team Emirates)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica Giovani, nati dopo il 01/01/1999, sponsorizzata da Eataly – Cian Uijtdebroeks (Team Visma | Lease a Bike)

Il vincitore di tappa Tim Merlier, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Questa è la vittoria più difficile della mia carriera. È stato un finale emozionante. Sull’ultimo strappo non mi sentivo bene ma Julian Alaphilippe mi ha aiutato a passare il momento critico. Ad un certo punto credevo che non saremmo riusciti a rientrare su Pogacar e Thomas ma il lavoro del team è stato eccellente. A metà corsa ero in fuga con gran parte dei velocisti. C’era anche Luke [Lamperti], ma non mi sembrava una situazione ideale quindi abbiamo preferito desistere”. 

 

Commenti

  1. Franz Pepper:

    Bettini viene da un altro ciclismo è dunque valuta con il suo metro. Il ciclismo è cambiato.
    Mi pare che uno dei pochi che possa essere paragonabile oggi a Pogi sia Vinge che non corre alla stessa maniera. E devo dire, a me lo scorso anno Vinge ha emozionato. Più chiuso e meno esuberante, ma quando pedala ....
    Poi io non sono particolarmente tifoso di uno o dell'altro, mi piacciono tutti i campioni, e anche quelli meno campioni che ci provano.
  2. loiety:

    Mi pare che uno dei pochi che possa essere paragonabile oggi a Pogi sia Vinge che non corre alla stessa maniera. E devo dire, a me lo scorso anno Vinge ha emozionato. Più chiuso e meno esuberante, ma quando pedala ....
    Poi io non sono particolarmente tifoso di uno o dell'altro, mi piacciono tutti i campioni, e anche quelli meno campioni che ci provano.
    a mio parere non sono paragonabili. pagacar oltre ad aver vinto 2 tour come vinge (e andato a podio in altre 2 edizioni, + podio alla vuelta) ha vinto 6 classiche monumento (3 diverse) + altre semiclassiche (2 strade bianche, freccia)
    Vinge se le sogna di vincere le classiche, con tutto il rispetto per quanto sia forte in un gc
    come pogacar c'è solo pogacar (attualmente)
Articolo precedente

Tadej Pogačar vince ad Oropa e si veste di Rosa

Articolo successivo

Jonathan Milan di prepotenza al Giro

Gli ultimi articoli in Gare

Cinquina di Pogačar al Giro

Santa Cristina Val Gardena/St. Christina in Gröden (Monte Pana), 21 maggio 2024– Tadej Pogacar (UAE Team Emirates) ha vinto…

Finalmente Ganna!

Desenzano del Garda, 18 maggio 2024 – Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) ha vinto la quattordicesima tappa del Giro…

Milan mette la terza

Cento, 17 maggio 2024 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) ha vinto la tredicesima tappa del Giro d’Italia 107, la Riccione-Cento…