Wout Van Aert rinuncia alla cronometro mondiale

Wout Van Aert rinuncia alla cronometro mondiale


Piergiorgio Sbrissa, 04/08/2022

Wout Van Aert (Jumbo-Visma) rinuncia alla cronometro mondiale, puntando tutto sulla prova in linea. Van Aert, due volte vice-campione della prova a cronometro mondiale, non sprecherà energie nel cercare di vincere le due prove australiane a Wollogong, ma punterà deciso sulla prova in linea, la quale sembra tagliata su misura per lui, con 12 passaggi su Mount Pleasant (1,1km al 7,7%) lungo 267km per un totale 3945mt di dislivello.

Wout

Scelta comprensibile, secondo Sven Vanthourenhout, commissario tecnico della nazionale belga: “con Wout Van Aert nella prova a cronometro le possibilità di una medaglia sono molto elevate, ma è una prova che va ben preparata e capisco che Wout abbia voluto fare le sue scelte“.

Le chances del Belgio per la cronometro non sono certamente nulle, visto che potranno contare sui servigi di Yves Lampaert (Quick-Step Alpha Vinyl), Victor Campenaerts (Lotto-Soudal) e soprattutto Remco Evenepoel (Quick-Step Alpha Vinyl).
Resta ora da vedere la selezione belga per la prova in linea, per capire se Wout Van Aert sarà il capitano unico o dovrà vedersela con concorrenza interna.

Commenti

  1. bradipus:

    Non capisco una cosa... se l'asperità del circuito è di 1,1km al 7,7%, con dodici passaggi sono in tutto 924 metri di dislivello.
    Dove caspita li fanno gli altri tremila metri?
    Non è per nulla piatto il resto:

    View attachment


    A botte di saliscendi, fai presto a fare dislivello, su quasi 270 km poi...
  2. Lucadb6:

    Chissà che entusiasmo fare 12 volte lo stesso circuito
    Il mondiale è praticamente così da tempo immemore. Non è corso per vedere i panorami ma per indossare la maglia iridata.
  3. Lucadb6:

    Chissà che entusiasmo fare 12 volte lo stesso circuito
    Fino a pochi anni fa tutte le prove dai mondiali ai campionati Italiani erano in circuito..per il pubblico una manna!
    Ricordo da adolescente un circiuto molto impegnativo ad Arezzo per i campionati Italiani dove vinsero Mascarelli e l'anno successivo Saronni...c'erano migliaia e migliaia di persone