Campagnolo introduce la Smart Disc Technology

68

[Comunicato stampa] Abbiamo lanciato il freno a disco sulle bici da corsa nel 2016 dopo anni di ricerca e sviluppo e oggi siamo pronti ad un’altra rivoluzione.

In collaborazione con Colnago e il team UAE Emirates abbiamo sviluppato la SmartDisc Technologyapplicabile alla forcella della nuova V3Rs DV (Double Ventoux). Questa tecnologia rivoluzionaria consente al ciclista di aggiungere o togliere un disco dalla forcella grazie ad un meccanismo semplicissimo e al tempo stesso affidabile, basta una banalissima chiave per attivarlo.

Sarà quindi possibile utilizzare un solo disco su percorsi classici e aggiungerne il secondo quando il percorso lo richiede.

Quest’anno il Tour de France percorrerà due volte l’ascesa al Mount Ventoux, i corridori saranno costretti a mettersi alla prova su discese pericolosissime, stressando enormemente mezzo meccanico e impianto frenante. Dunque, la scelta migliore sarà quella di aggiungere un disco alla forcella per ottenere una incredibile potenza frenante.

Grazie alla SmartDisc technology abbiamo compiuto un altro balzo in avanti in termini di sicurezza e prestazioni della bicicletta.

“La vittoria al Tour di quest’anno è stata un’enorme soddisfazione per Campagnolo ma anche un grande sprone a fare di più, abbiamo investito anni a migliorare le performance in salita e a cronometro ma probabilmente guardavamo il dito invece di guardare la luna. Abbiamo sempre tralasciato la discesa, dove invece si può fare la vera differenza! Quest’inverno abbiamo lavorato duramente con Colnago e gli atleti del Team UAE unendo ricerca scientifica e ricerca sul campo, il risultato è la rivoluzionaria Smart Disc Technology che oggi siamo orgogliosi di presentare!”

 

Sito Campagnolo

Commenti

  1. andry96:

    Anche con la pinza leggermente più stretta di vuole più spazio per farci stare tutto secondo me
    Okay.. ma se guardi una ruota disc odierna noterai che l'anteriore ha i raggi lato disco meno inclinati (tipo la posteriore anche se non così marcato lo scostamento) quindi se li hai uguali ed equidistanti anche in quel caso bilanci la ruota con una trazione raggi pressoche simile, con 2 dischi non ci scappi.. avresti tutto molto più bilanciamento ed equilibro generale di tutto l'insieme a scapito naturalmente di maggior peso.. per ora.
  2. golias:

    Okay.. ma se guardi una ruota disc odierna noterai che l'anteriore ha i raggi lato disco meno inclinati (tipo la posteriore anche se non così marcato lo scostamento) quindi se li hai uguali ed equidistanti anche in quel caso bilanci la ruota con una trazione raggi pressoche simile, con 2 dischi non ci scappi.. avresti tutto molto più bilanciamento ed equilibro generale di tutto l'insieme a scapito naturalmente di maggior peso.. per ora.
    Se li fai uguali al lato sx attuale devi aumentare i raggi a dx e aumentarne la tensione, non un gran miglioramento...
  3. Mauro85:

    sicuro a non aver preso tu un abbaglio?
    la bici con dppio disco esiste veramente (così come è conclamata la sua inutilità), di che fotomontaggio parli?
    vedi bene il disco destro.vedrai che alcuni raggi sono davanti il disco ed altri dietro. se non serve in down Hill non serve...fidati
Articolo precedente

Controllo analitico avverso per Matteo De Bonis (Vini Zabù)

Articolo successivo

Vinci un’illustrazione firmata MVDP!

Gli ultimi articoli in News