Cosa vorreste vedere dal settore delle biciclette nel 2024?

118

Con il 2023 ormai quasi terminato possiamo dire che quest’anno è stato senza dubbio un anno senza precedenti per l’industria del ciclismo. Ormai è chiaro a tutti che dopo essere usciti dalla pandemia di covid il settore della bicicletta sta attraversando un momento difficile. I motivi sono ormai noti e continuano a sommarsi: il calo della domanda ha coinciso con l’arrivo in ritardo delle scorte ordinate durante il “boom ciclistico” della pandemia, che ha messo in difficoltà molte aziende, le quali nel tentativo di svuotare i magazzini e mantenere attive le entrate hanno abbassato significativamente i prezzi con sconti superiori al 40% sulle nuove biciclette, mandando a loro volta in crisi in rivenditori, etc..

La situazione ovviamente si risolverà, ma non da un giorno all’altro. E porterà cambiamenti notevoli, basti vedere la quantità di aziende, mailorder, media e rivenditori che stanno uscendo dal settore.

Considerato tutto questo, chiediamo a voi le vostre previsioni, aspettative e aspirazioni per i prossimi 12 mesi.

Cosa ti piacerebbe vedere dai brand il prossimo anno? Quali tendenze ti aspetti di vedere emergere nel 2024? Quali consigli o suggerimenti vorresti far arrivare alle aziende ed ai rivenditori?

Le vostre risposte ci aiuteranno a programmare anche delle interviste e report, quindi non siate timidi!

Commenti

  1. Bileygr:

    Mi trovo d'accordo, non sarebbe nemmeno male il nome stampato dietro la schiena come in molti sport di squadra.
    La AG2R dovrebbe metterli sulla schiena, così dall'alto in tv potrebbe essere utile
  2. mlv:

    Io vorrei vedere un italiano che lotta per vincere Tour, Giro e Vuelta. O almeno una delle 3
    Prenotati questa risposta per il thread 2034 forse..
  3. Fitzcarraldo:

    BMC URS, 3T Exploro, Specialized Diverge, Rose Backroad, Open wi.de, Giant Revolt X sono già sei... per lo più roba costosetta, questo sì, ma non solo.
    Sulla BMC hai barato!!! exploro, diverge e openwide non hanno il senso del prezzo....la Giant mi piaceva ma la sospensione anteriore non mi piace sulla gravel. La Rose con lo shimano e il pacco pignoni 10-51 non sapevo che l'avessero fatta, grazie della dritta, anche il prezzo è umano.

    P.S.
    Per capire perché si meritano di avere i magazzini pieni Diverge STR Expert, 7.000 € di bici, e monta il pacco pignoni 11-50 nx? Dai ragazzi così è assurdo....
Articolo precedente

Il ciclomercato 2024 tra acquisti top e meno

Articolo successivo

[Test] Ruote Carbon Core

Gli ultimi articoli in Magazine