È record dell’ora per Filippo Ganna: 56,792km

176

Filippo Ganna ha battuto il record dell’ora UCI, nel velodromo Tissot di Grenchen (CH), con l’incredibile distanza di 56,792km.

Ganna ha battuto di 1,244km il precedente record stabilito da Dan Bingham (Ganna lo avrebbe doppiato 3 volte), ma soprattutto ha battuto lo storico record di Chris Boardman del 1996 di 56,375km, poi declassato dall’UCI a “miglior prestazione umana” , prima che l’UCI cambiasse poi i regolamenti del record. Ganna avrebbe doppiato Boardman di 1 giro e mezzo.

Soddisfatto, ma non del tutto l’italiano, che sembra aver già in mente un nuovo assalto verso i 57km. In ogni caso un record storico, che da grande prestigio non solo a Ganna, ma al record stesso.

Commenti

  1. sartormassimo:

    Chiaro che 10/15Watt risparmiati sugli attriti vanno a migliorare la prestazione ma ogni tanto, leggendo i messaggi, sembra che il risultato di Ganna sia da imputare più ai guadagni marginali rispetto allo sforzo dell'atleta e, lasciatemelo dire, è quello che vogliono far risaltare i produttori delle varie componenti (ad es.1400 catene testate e lubrificazione agli ULTRASUONI...)
    Mi dicono che la bici dovrebbe avere un costo di 75mila €, quindi i costi di progettazione, assemblaggio, test... riprogettazione, ri-assemblaggio,ri-test.. saranno n-volte superiori (non ne ho idea). Solo questo "taglia fuori" il 99% degli atleti che vorrebbero/potrebbero cimentarsi nella prova ma che non hanno alle spalle un capitale da investire sulla tecnologia come fatto da Ineos e soci. So che è anacronistico e non in linea con le leggi di mercato ma negli annali del Record dell'ora non rimane nessuna traccia della catena della bici o del "Vibranio :mrgreen: " utilizzato per il telaio e se non ho compreso male, anche il ragazzone non voleva condizioni favorevoli (leggasi altitudine) quindi credo che tali estremizzazioni le abbia subite piuttosto che cercate.
    Tutto ciò come espressione del mio punto di vista.
    Anche Graham Obree fece il record dell'ora perchè era si un buon ciclista, ma soprattutto per la posizione estremamente aero che poteva assumere su Old Faithful (la sua prima posizione, quella a uovo). Oggi le posizioni sono limitate dal regolamento, limano su altri campi (purtroppo molto più costosi).
  2. filixeo:

    È vero che le bici rimangono nella storia, ma penso che ci si ricorderà di più di Ganna e del chilometraggio che della bici o del velodromo svizzero (senza nulla togliere alla tecnica, sono un progettista meccanico e figurati se non ne sono affascinato).
    Cioè, ci ricordiamo di più Merckx imbattuto per anni o che la bici l'avesse saldata e alleggerita Colnago?
    Assolutamente ed è giustissimo che si ricordino prima di tutto gli atleti, ma appunto si ricordano anche le bici e gli sviluppi tecnologici
  3. Bigham ha appena vinto l'oro con la nazionale britannica nell'insegnamento a squadre....davanti all'Italia.
Articolo precedente

Super Pogacar concede il bis

Articolo successivo

[Test] Scarpe Specialized Torch

Gli ultimi articoli in News