Fox 32 TC

Fox 32 TC: la forcella ammortizzata per il gravel

38

Fox presenta la sua prima forcella da gravel, la 32 TC (taper cast) con 40 o 50mm di escursione, steli da 32mm  e diverse opzioni di cartuccia idraulica e offset.

Fox 32 TC Gravel

Dettagli Fox 32 TC Gravel

  • Escursione: 40mm o 50mm
  • Cartuccia: FIT4 o Grip
  • Perno passante: 12 x 100mm Kabolt
  • Attacco freno a disco: Flat mount compatibile con dischi da 160 o 180mm
  • Dimensione massima gomma: 700c x 50mm (Optimized for 700c – not 650b compatible)
  • Attacco integrato per il parafango (700c x 45mm max tire with fender)
  • Cannotto extra lungo per telai grandi o con tubi sterzo lunghi
  • Cannotto conico 1 1/2” – 1 1/8”
  • Offset: 45mm o 50mm
  • Axle-to-crown 435.5mm – 445.5mm
  • Peso rilevato con cannotto da tagliare: 1.340 grammi
  • Prezzo: 1.259€

Chi l’avrebbe mai detto un paio di anni fa? Forcelle ammortizzate per la gravel. Insieme a reggisella telescopici e gomme sempre più larghe questa tipologia si sta pericolosamente avviciniando alle frontine minimaliste che si vedono in tante granfondo.

Fox prende la tecnologia delle sua forcelle da mountain bike e la porta nel mondo gravel. Step cast non è un termine nuovo per chi segue il mondo del XC, infatti la 32 ha anch’essa i foderi “scavati, anche se non nella misura della 32 TC.

Fox 32 TC Gravel

Sullo stelo destro troviamo la leva del lockout e la regolazione della compressione.

Su quello sinistro c’è la valvola per l’immissione dell’aria, oltre alla ghiera con cui aprire la camera ed inserirci più o meno token.

La regolazione del ritorno è ben protetta dentro gli anfratti dei foderi scavati.

Nel caso non l’abbiate notato, l’archetto è posto dietro ai foderi, ed è predisposto per l’attacco del parafango.

Fox 32 TC Gravel

Certo, per un mountain biker vedere quest’escursione microbica è strano. Al contrario per uno stradista montare una forcella del genere su un telaio con manubrio da corsa può fare il suo effetto.

Appena troviamo una bici su cui montarla vi racconteremo delle nostre sensazioni sul campo. O sull’argine.

Fox

 

Commenti

  1. 77bebe77:

    In fondo non è che sia una soluzione così nuova, è solo più ampio il numero dei possibili clienti e le possibili applicazioni in ambito gravel, per chi piace. View attachment

    Se la memoria non mi inganna, "qualcuno" l´ha pure vinta la PR con la forcellona...
  2. Corvo Torvo:

    Io ne ho uno che monto e smonto in base all'esigenza (su sterrati e pavè fa il suo) solo per smorzare vibrazioni, non ammortizzare.
    Il limite di questi oggetti che ammortizzano è che danno sollievo soltanto alle braccia, ma la botta sulla forcella anteriore si trasmette sul resto del telaio. Anche lo stesso sistema della Specialized Roubaix ha lo stesso limite.

    Sarebbe interessante qualcosa che si possa mettere e togliere tra la testa della forcella e la serie sterzo inferiore, un po' come la vecchia forcella Cannondale in MTB: non più di 1-1.5cm di escursione. Oltre, su sterrato non serve, o meglio passare ad MTB.
    Si, hai centrato il punto. Secondo me dal punto di vista estetico renderebbe molto bene una forcella ammortizzata a steli rovesciati stile Rock Shox RS1, in foto sotto. In pratica a livello estetico sembrerebbe identica ad una forcella tradizionale, tranne per la parte inferiore dove ci sarebbe bisogno di inserire gli steli. Tra l'altro, sarebbe tecnicamente possibile costruire tutta la parte superiore in carbonio, lasciando soltanto gli steli in alluminio. Il risultato sarebbe una linea molto pulita e tradizionale, ma con un minimo di ammortizzazione (con la possibilità di bloccare il tutto, ovviamente).

Articolo precedente

La nuova Cannondale Topstone

Articolo successivo

La corsa all’oro dei punti UCI

Gli ultimi articoli in News

Attenzione ai siti fake

Nelle ultime settimane sono apparsi online dei falsi siti web creati da truffatori desiderosi di fare…