Froome alla Movistar?

Froome alla Movistar?

15/05/2020
Whatsapp
15/05/2020

Da qualche giorno si sono moltiplicate le voci e indiscrezioni che vorrebbero Chris Froome passare dal Team Ineos ad altre squadre a metà di questa stagione.

Il motivo sarebbe legato alla volontà del britannico di cercare la 5^vittoria al Tour de France, raggiungendo così gli altri recordman detentori di vittorie nella grande corsa francese (Anquetil, Merckx, Hinault e Indurain). Cosa che sembra sempre più difficile per Froome rimanendo nella Ineos, per una questione di età (tra 5 giorni festeggerà  i 35 anni), di opportunità reali in una stagione sconvolta dal coronavirus, i dubbi sulla sua condizione fisica dopo il grave incidente dell’anno scorso ed il problema delle gerarchie interne alla squadra, che chiaramente privilegiano ormai il giovane talento colombiano Egan Bernal.

foto: Getty

Dopo la falsa voce di un trasferimento alla Israel Cycling Academy, lanciata da un account satirico (ma presa sul serio da molti), si moltiplicano però ora le voci di un avvicinamento tra Froome e la Movistar. Froome potrebbe svincolarsi dalla Ineos, dopo 11 anni di militanza, e passare alla squadra spagnola, la quale è sponsorizzata dal gigante delle telecomunicazioni latino-americano, che però recentemente si è fusa con Liberty Global, proprietaria di Virgin, con un progetto da 10 miliardi di sterline per farla diventare il primo operatore anche nel Regno Unito. Nell’economia di questa operazione l’acquisizione di Froome per la Movistar sarebbe oltre che fattibile anche positiva in termini di immagine per il mercato britannico.

Al momento nessuno degli interessati commenta queste voci, ma un corridore veterano della Movistar, Joaquin Rojas, quantomeno tende la mano a Froome via social:

Commenti

  1. alvan:

    ......
    Fenomeno come atleta incredibile, dalle prestazioni stupefacenti...
    ............
    Froome fenomeno? Certamente. Team o non team, 4 tour (più un secondo e un terzo posto), 1 Giro e 2 Vuelta (magari se ne vuole considerare uno solo, è lo stesso...), più una lunga serie di altre cosucce fanno il fenomeno (altrimenti non rimarebbe più nessuno...).
    Merckx fenomeno, Coppi fenomeno, Bartali fenomeno, Indurain fenomeno, Hinault fenomeno Pantani fenomeno, Anquetil fenomeno, Contador fenomeno (al limite, e solo perché le squalifiche mi lasciano sempre un indifferente...) etc ma non molti altri.
    Nibali fenomeno? Se sì, si porterebbe dietro un po' troppi altri.
    Pantani fenomeno nun se pò sentì. ma non esiste proprio. Nibali al limite. Forse si forse no, ma può starci definircelo. Ha comunque vinto molto e in molti anni, differenziando anche GT e classiche monumento. Si può disquisire sul come se lo è costruito il suo palmarès, in maniera secondo me intelligente. Però è un palmarès molto importante.
    Ma Pantani toglilo proprio da lì in mezzo.gandalf
    p.s. hai dimenticato LA. 7 Tour, consecutivi per giunta, doping o non doping è roba da fenomeno....vista anche la situazione doping dei suoi avversari.
    alvan:

    ......Quindi io ridimensionerei i fenomeni nello scenario attuale a quelli che hanno dimostrato di esserlo alla distanza, con una ripetizione di risultati.
    Con 2 giri, un Tour e 1 Vuelta sei un grande campione, ma in ampia compagnia...
    Non ho messo in conto le Monumento, ma continuo a immaginare che arricchiscano una corona, ma la base della corona rimangano i grandi giri...
    Come appunto Nibali, alla distanza e con ripetizione di risultati da cui le Monumento non possono essere tolte.
    Che poi """Con 2 giri, un Tour e 1 Vuelta sei un grande campione, ma in ampia compagnia...""" mi dovresti spiegare, numeri oggettivi alla mano, quanto ampia sia questa compagnia. Più di 4 GT (e tot podi) ce li hanno 8/9 corridori in 120 anni di storia.