Il Team Ineos cerca un nutrizionista

26

Occasione d’oro per mezzo forum: il Team Ineos assume un nutrizionista!

Contratto a tempo indeterminato con in più circa 8o-150h in Training Camp. Tra le qualifiche richieste: laurea, laurea magistrale o dottorato con lode in nutrizione sportiva, riconoscimento professionale da parte di associazione riconosciuta (es. associazione dietetica nazionale), essere accreditati al livello 1 dalla International Society for the Advancement of Kinanthropometry (ISAK), consulenze presso un’agenzia antidoping nazionale, 6 anni almeno di esperienza lavorativa nell’ambito della nutrizione sportiva di alto livello, essere fluenti in inglese e spagnolo.

Mandare CV entro il 6 gennaio 2020 a: [email protected] con oggetto: ‘Lead Nutritionist application’

Commenti

  1. samuelgol:

    Faccio solo fatica a credere che ci sia molta gente con tutti tutti quei prerequisiti tutti assieme. Magari ci sarà pure. Gente libera da altri lavori dai quali se ha tutte quelle competenze non ricaverà un tozzo di pane e disponibile a stare via per il mondo 6 mesi. Ci sarà, boh. Oppure caleranno le pretese e chiuderanno un occhio se manca qualche prerequisito meno importante.
    Lì dice 80-150 ore in training camp. Sono qualcosa come 2-4 settimane (a 40 ore a settimana). Quindi niente di così tremendo.
  2. bah c'è chi li fa per andare a montare macchinari nei paesi più sperduti....
    alla fine questo lavorerebbe in un ambiente sportivo, quasi un lavoratore di lusso
    e poi professionalmente credo sia il top per uno con una formazione del genere....
  3. a certi livelli non si va di pane salame prosecco e zollette di zucchero
    nel ciclismo moderno è fondamentale mangiare bene dormire bene e tranquillità assoluta, pertanto visto che pedalare questi lo sanno fare tutti e molto bene, la differenza sta sul resto, e chi meglio dei professionisti giusti e migliori possono aiutare i professionisti ciclisti più forti?
    e poi, saranno poche, ma sono sempre opportunità di lavoro d’elite che fanno comunque crescere tutto lo sport in generale e quindi che ben vengano
Articolo precedente

Il percorso della Vuelta 2020

Articolo successivo

Giro d’Italia 2020: ecco le nuove Maglie

Gli ultimi articoli in News