In bici contro la tempesta

In bici contro la tempesta

09/02/2020
Whatsapp
09/02/2020
YouTube video

 

Oggi è previsto l’arrivo di Sabine. Non è una biondona olandese dalle curve da capogiro, bensì quello che i tedeschi chiamano un “Winter Orkan”, tradotto letteralmente “Uragano invernale”. Chi ha avuto l’occasione di provarne uno, sa che non si scherza. Nei miei anni trascorsi in Baviera ho sperimentato sulla mia pelle Kyrill, nel 2007, e mi ricordo ancora la notte passata in bianco per il rumore spaventoso del vento, oltre a oggetti di ogni tipo che volavano nel vicinato. Le scuole rimangono chiuse, treni e aerei non si muovono, le strade in mezzo ai boschi vengono bloccate.

Arrivando dall’atlantico, colpirà anche l’Olanda. Come da tradizione, al primo vero Orkan dell’anno è stata organizzata la NK Tegenwindfietsen. È la versione olandese della nostra cronoscalata, che prevede l’attraversamento di una delle tante dighe che tengono il mare fuori dai Paesi Bassi. Rigorosamente contro vento, con una bici “olandese”, senza cambio. Si può fare come cronomentro singola o a squadre.

Le tribune per il pubblico sono ancorate al terreno, probabilmente gli spettatori si dovranno mettere la cintura di sicurezza per non volare via. C’è anche la band da uragano, con strumenti ben fissi per terra. Non mancano i secchi per vomitare, pensati per i ciclisti allo stremo delle forze. Se riusciranno a fare centro non si sa.

 

Commenti

  1. Io vado in bici pure d'inverno, ed in genere esco nella notte piu' fredda dell'anno. Il dettaglio importante, e' che abito a Mosca. L'elettronica in queste condizioni non funziona (le batterie muoiono all'instante), il cambio deve essere rigorosamente meccanico ed il cellulare va tenuto attaccato al corpo, non in tasca. Passamontagna e calzettoni, un portaborraccia col termos, se si incontra un altro ciclista si batte cinque. Il vorticare del vento costringe a fermarsi di tanto in tanto, le medie sono ridicole, ma ciononostante non e' difficile infilare i record strava dell'anno uno dopo l'altro. Poi a marzo torna la normalita'.
  2. IO C'ERO!!!!
    Ero/sono in Olanda per lavoro. Quando ho saputo che era IL GIORNO non ho potuto mancare l'appuntamento!
    Evento divertentissimo. Una follia su due ruote come è giusto che sia. Gente di tutti i tipi: da semi-professionisti (qualche anno fa vinse Jhonny Hogerland) che studiano posizioni incredibili per essere aerodinamici sulle grazielle (alcuni ricordano O'Bree) a vecchietti che camminano per metà del tempo. Musica e pubblico delle grandi occasioni. Divertentissimo!
    A dire il vero di venti ne ho visti di peggio. Si pedalava abbastanza bene in gran parte del percorso. I primi hanno fatto medie superiori ai 25 orari. Io alla fine ho fatto più di 18 di media su una graziella (nonostante due minuti fermo a cercare gli occhiali che il vento mi aveva portato via), in Patagonia ricordo di pedalate a 6-7 km/h...

    P.S. Per la cronaca: alla fine la gara è stata sospesa. Non perché non si potesse più pedalare ma perché per riportare le bici alla partenza usano dei furgoni telonati ed era troppo pericoloso guidarli.
  3. Alberto Baraldi:

    Grazie della testimonianza, ti invidio!
    Ma è obbligatorio non usare il casco?
    Non è obbligatorio non usarlo. Io lo avevo e me lo volevo mettere (io mi metto il casco anche per andare a fare la spesa a un km da casa) però tutti i miei amici olandesi mi hanno dissuaso. E in effetti nessuno lo aveva. Io alla fine mi sono messo un cappellino colorato per dare un tocco di originalità. Va detto che è su una ciclabile chiusa al traffico. E da un lato se sbandi finisci nelle dune e non ti succede nulla. Dall'altro se sbandi finisci giù dalla diga nel mar del nord e il casco è l'ultimo dei tuoi problemi...