News #2020

I nuovi obiettivi di Peter Sagan

I nuovi obiettivi di Peter Sagan

Piergiorgio Sbrissa, 10/02/2020

Quest’anno ho rinunciato ad iniziare la mia stagione in Australia e mi sono allenato a Monaco. Per me è più o meno lo stesso. Le basi si fanno tranquillamente in inverno e si continua lavorando in intensità. Ormai so che posso mantenermi ad alto livello da gennaio a ottobre. Deve essere anche una questione d’età. Ho l’impressione di essere cambiato. Voglio concentrarmi innanzitutto sulle corse importanti e non andare più a cercare la vittoria su ogni corsa ed ad ogni costo.”

Così Peter Sagan, ormai 30enne, intervistato dopo l’inizio, peraltro non troppo brillante di questa stagione.

Dopo il Tour de San Juan, si è diretto in Colombia per un lungo stage in altitudine vicino Medellin, località ormai diventata molto frequentata dai vari pro. Il rientro in Europa per la Strade Bianche. Il primo vero obiettivo stagionale è la Sanremo: “il genere di corsa che vorrei aggiungere al mio palmarés“.

Dopodiché la campagna delle Fiandre, come d’abitudine.

Novità di questa stagione sarà la partecipazione al Giro d’Italia. Questo però non gli farà mancare il Tour, per la caccia all’8^ maglia verde, quindi olimpiadi e mondiali: “penso di avere i titoli per dire che su una corsa di un giorno può succedere di tutto. Dall’inizio della mia carriera sono sempre stato contento di quello che ho vinto e di come l’ho vinto. So che da dieci anni il ciclismo è molto cambiato, lo stile delle corse è più aggressivo, più anarchico (alla faccia di chi dice che radioline e powermeter hanno anstetizzato tutto -ndr-). Ma se continuo, se sarò ancora sulla bici sarà per una sola ragione: avrò voglia di vincere“.

 

 

Commenti

  1. Sagan secondo me è un talento assoluto...però in lui non vedo una passione smodata per il ciclismo come possono avere Nibali o Gilbert che vivono per la bici e hanno sempre la fame di vittoria di quando erano ragazzi,anche ora che la carriera volge al termine.
    Spero di sbagliarmi e che Sagan dia ancora spettacolo fino a 40 anni,anche xché sarebbe un vero peccato se a 30 anni non trovasse più motivazioni.
  2. Boltex:

    Guardando questa foto non posso non notare che, almeno a me, sembra che la bici che usa sia Sottodimensionata rispetto alla sua fisicità, ma soprattutto rispetto alle linee guida che ci sono sia sui siti dei produttori sia sa quelle date dai biomeccanici, va bene l'elasticità e il fatto che sono pro, però cambia totalmente tuttoView attachment

    Buongiorno,
    Quasi tutti i ciclisti hanno un pò di pancetta. Io che ho 65 anni e sono uno che fa le randonnée molto lunghe , la pancetta per me è un deposito di energia. Comunque la bici sembra veramente un pò piccola per lui, ma se vince, vuol dire che gli va bene.
    Anche i biomeccanici e i medici non le azzeccano tutte. A me è accaduto che un medico sportivo mi dava per spacciato ciclisticamente, poi ho fatto delle performance che neppure da giovane pensavo di poter fare. Il ciclismo è un mondo a parte.
    Scusate la divagazione e Buone pedalate a tutti.
    M