Intervista a Fabio Aru

fabio-aru-640

Nella sede milanese di Specialized abbiamo potuto incontrare e fare qualche domanda al giovane Fabio Aru, corridore 23 enne della Astana che dopo il podio al Giro d’Italia è diventato il corridore italiano del momento.

Fabio, ultimamente, in attesa di quello de France si è sottoposto ad un vero tour de force di interviste ed ha concesso a noi una delle ultime prima di volare in Kazakistan per incontrarne il presidente e poi fare un po’ di vacanza al mare con la fidanzata.

BDC-Mag: Visto che ultimamente ti sei sottoposto a molte interviste sarai anche un po’ stufo…com’è pagare il prezzo del successo?

Fabio Aru: Non si sta mai fermi, ci sono mille impegni, aerei da prendere…

BDC-Mag: La gente ti riconosce per strada ora? Ti chiedono autografi?

Fabio Aru: Si, mi capita. All’aeroporto per esempio. Ma va bene, in fondo lo si fa anche per quello. E’ una bella sensazione.

BDC-Mag: Però ora ci sarà anche maggior pressione, per i risultati ad esempio, o no?

Fabio Aru: No, la pressione c’è sempre, te lo assicuro. La squadra, i giornali…quest anno ne ho avuto più di quanta ne meritassi…erano tutti li a dire “aspettiamo Aru, aspettiamo Aru”…e se avessi fallito…però l’ambiente è così, ci sono abituato…è un ambiente dove devi sempre dimostrare.

BDC-Mag: Quand’è che ricominci con gli allenamenti a pieno regime?

Fabio Aru: Dal 20 ricomincio. Mi allenerò in montagna, a Sestrière, a 2100mt si sta alla grande, percorsi perfetti, e poi c’è poca gente in giro…prima andavamo a Livigno, ma ora c’è troppa gente, un macello…c’è una quantità di amatori, ce ne saranno 50…mi tocca fermarmi in continuazione a parlare, a volte non riesci nemmeno a fare bene i lavori. Prima non era così.

BDC-Mag: E sul Teide che ora va così di moda?

Fabio Aru: Sul Teide ci vado ad inizio stagione e basta. Febbraio-Marzo.

BDC-Mag: Com’è la?

Fabio Aru: E’ un tugurio.Non c’è niente. Fai il monaco. Però non essendoci niente sei più concentrato…anche se dopo un po’ vai via di testa…

BDC-Mag: Tu come sei nell’allenamento? Scientifico o più a sensazioni?

Fabio Aru: No, a me piace essere professionale, quindi uso tutti i dati, SRM, tabelle….vado anche a sensazioni, ma solo se un giorno non mi sento di fare un lavoro specifico e allora non lo faccio. Io l’SRM lo uso anche in gara.

BDC-Mag: In gara come lo usi?

Fabio Aru: Nella cronoscalata al Giro l’ho usato tantissimo seguendo i watt e la pianificazione. Ma io non riuscirei senza, in particolare ad allenarmi.

BDC-Mag: Alcuni tuoi colleghi della vecchia guardia non sono tutti dello stesso avviso…

Fabio Aru: Mah, la vecchia guardia….forse non erano abituati, ma ora come fai…

senza titolo-1

BDC-Mag: Riguardo la lettera dell’Astana a Nibali cosa ci puoi dire? Com’è il clima?

Fabio Aru: Io Vincenzo non lo vedo da un sacco…da 2 mesi…ma non mi sembra ci siano problemi…io non ne ho visti…e poi Vincenzo al Tour saprà dimostrare quello che vale.

BDC-Mag: E per il Tour com’è la preparazione?

Fabio Aru: Per il Tour abbiamo una squadra forte. Si, forte. Grivko, Westra, Kangert…e poi Vincenzo (Nibali)…Vincenzo è Vincenzo (ride)

BDC-Mag: In squadra è un po’ un tuo punto di riferimento?

Fabio Aru: No, io ho Tiralongo. Abitiamo a 2km di distanza. Per ogni cosa ho Tiralongo.

BDC-Mag: E dopo il Tour cosa ti aspetti personalmente?

Fabio Aru: Io ho la Vuelta, ma non ho obiettivi precisi. Ho poca esperienza. Questo è stato il mio secondo Giro e non ho mai fatto due corse a tappe, quindi vado alla Vuelta non sapendo come terrò per 3 settimane…è tutto nuovo…ti potrei dire qualunque cosa…ma non avendola mai fatta… Certamente darò il massimo.

BDC-Mag: Il tuo sogno almeno per il futuro?

Fabio Aru: Io sono corridore da corse a tappe, quindi un grande giro…(fa un sorriso trattenuto)

BDC-Mag: E per le classiche come ti vedi? Un Lombardia o una Liegi…

Fabio Aru: (Si fa serio) …si, si certo.Penso che potrei fare bene…anche se sei un corridore da corse a tappe non devi screditare queste corse…sono corsoni…magari non un Amstel, ma una Liegi…

BDC-Mag: Però in queste corse serve anche spunto veloce…tu lo stai un po’ migliorando?

Fabio Aru: Mah, lo spunto veloce o ce l’hai o non ce l’hai…ed io non ce l’ho! (ride)

BDC-Mag: E per le cronometro invece? Sei andato abbastanza bene al Giro.

Fabio Aru: Si, ci sto lavorando, sia come posizione, con il team del Body Geometry Specialized, sia con il reparto Racing con Mondo (Gianpaolo Mondini, ex pro, specialista a cronometro ed ora uno dei responsabili di Specialized Racing -ndr-)

BDC-Mag: Il Delfinato lo stai seguendo? Come li vedi i tuoi prossimi avversari al Tour?

Fabio Aru: Li sto imparando a conoscere ora. Sono le prime volte che li vedo da vicino. Da ognuno c’è da imparare.

BDC-Mag: Ed i favoriti come li vedi? Nibali sembra un po’ faticare.

Fabio Aru: Al tour i protagonisti saranno Froome, Contador e Vincenzo. Si stanno tutti preparando…io conosco Vincenzo e posso dirti che lo vedo bene, in crescita. So come si è preparato e sarà pronto…sono tutte preparazioni…anche io alla Tirreno non andavo…Vincenzo lo vedo bene. Gli altri non lo so. Non so che preparazione abbiano fatto ed a che punto siano.

A questo punto Fabio è scappato verso altri impegni.

Molto gentile, cortese e “bravo ragazzo”, ma anche molto deciso e convinto dei propri mezzi, a tratti persino aggressivo, da l’idea di uno con un bel carattere da vincente.

Pertanto, i nostri migliori auguri.

senza titolo-8
Con Mike Sinyard, fondatore e patron di Specialized
Articolo precedente

[Training Mix] giugno 2014

Articolo successivo

Omar di Felice ha vinto la Raid Provence Extreme

Gli ultimi articoli in Magazine

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…