l’8 dicembre pellegrinaggio al Santuario Mariano del Divino Amore (Roma)

l’8 dicembre pellegrinaggio al Santuario Mariano del Divino Amore (Roma)

07/12/2012
Whatsapp
07/12/2012


[COMUNICATO STAMPA]
Sabato 8 dicembre si rinnoverà il tradizionale appuntamento con il ciclo-pellegrinaggio al Santuario Mariano del Divino Amore (Roma) in occasione della giornata del ringraziamento alla Santa Patrona del Ciclismo del Centro-Sud Italia.

La manifestazione, sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana-Comitato Regionale Lazio, è organizzata dal Bici Club Divino Amore in memoria dello storico presidente del comitato regionale Domenico Maurizi che ha dedicato in prima persona anima e corpo all’organizzazione nelle prime 25 edizioni.

Dal 1988, il Bici Club Divino Amore, in seno all’omonima polisportiva, ereditò la macchina organizzativa del pellegrinaggio ciclistico aperto a tutti gli appassionati, gli sportivi, le vecchie e nuove glorie del ciclismo romano, laziale e non solo.

L’appuntamento è fissato alle 8,30 presso l’ex Velodromo Olimpico all’Eur in viale della Tecnica con partecipazione completamente gratuita. I “ciclo-pellegrini” dal Velodromo Olimpico (partenza ore 9,45) attraverseranno in successione a passo turistico Viale dell’Oceano Pacifico, il Palalottomatica, il laghetto dell’Eur, Viale Cristoforo Colombo, Piazza dei Navigatori, Porta Ardeatina, Piazzale Numa Pompilio, Porta San Sebastiano, Via Appia Antica, Via Ardeatina, Fosse Ardeatine e Santuario del Divino Amore per 25 chilometri complessivi. L’arrivo dei partecipanti, previsto nel piazzale dell’oratorio all’ingresso della Torre del Primo Miracolo, sarà allietato da un caldo e invitante ristoro con prodotti biologici.

Con la presenza di Monsignor Pasquale Silla, rettore e parroco del santuario. seguirà la tanto attesa benedizione augurale ai corridori e a tutti presenti: in via di definizione un collegamento diretto con il celeberrimo Santuariodella Madonna del Ghisallo (Como) in cui il Rettore Don Luigi Farina sancirà lo stretto “gemellaggio” nella giornata del ringraziamento alle venerate Madonne (Ghisallo per il Nord Italia; Divino Amore per il Centro-Sud Italia e isole) protettrici dei ciclisti.
Verranno assegnati alcuni riconoscimenti alle tre società più numerose, all’atleta più giovane e a quello meno giovane partecipante.

IL SANTUARIO DEL DIVINO AMORE

Alle porte della Capitale, il Santuario della Madonna del Divino Amore è composto da due chiese: quella antica è del 1745, quella nuova è invece del 1999. Il santuario è sede della parrocchia di Santa Maria del Divino Amore a Castel di Leva, eretta il 1º dicembre 1932 con il decreto del cardinale vicario Francesco Marchetti Selvaggiani “Cum Summus Pontifex”, in vigore della lettera apostolica “Quamdiu per agri romani” del 24 maggio 1912 di papa Pio X.

È una meta di pellegrinaggio molto cara ai romani: ogni sabato, dal primo dopo Pasqua all’ultimo di ottobre, si tiene un pellegrinaggio notturno a piedi con partenza a mezzanotte da Piazza di Porta Capena, nei pressi del Circo Massimo. All’alba, dopo aver percorso 14 km si giunge al Santuario dove si celebra la messa del pellegrino.

Ogni anno, la Domenica delle Palme e il Venerdì Santo, il Santuario della Madonna del Divino Amore mette in scena una spettacolare rappresentazione teatrale all’aperto: la Sacra Rappresentazione della Via Crucis. Più di duecento persone, senza compenso, recitano in questa suggestiva rappresentazione, che si tiene di notte sulle colline che circondano il santuario.

Lo spettacolo narrato mostra gli ultimi eventi della vita di Gesù: la trionfale entrata in Gerusalemme, l’ultima cena, il tradimento di Giuda e la cattura di Gesù, il processo di Gesù davanti ai sommi sacerdoti, l’interrogatorio di Gesù da parte di Ponzio Pilato, la flagellazione e la coronazione di spine, la salita di Gesù sul monte Calvario sotto il peso della croce, gli incontri con la Madonna, le pie donne e la Veronica, ed infine la crocefissione, la morte, la resurrezione e l’ascensione di Gesù. La scena è resa ancora più suggestiva dalla presenza dei soldati romani a cavallo, dai fuochi che illuminano la notte, dalla luna piena, dai numerosi effetti speciali e dai sofisticati costumi indossati dagli attori. Migliaia di persone, da tutto il mondo, accorrono ogni anno per assistere a questa rappresentazione ispirata alla Sacra Sindone.

Rispondi

Devi fare il Login per commentare

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Notificami
 

POTRESTI ESSERTI PERSO