La nuova Colnago V4Rs

48

Colnago presenta la nuovaV4Rs, sviluppata in collaborazione con il Team UAE Emirates. Scopriamola nel comunicato stampa qui di seguito.

[Comunicato stampa] Colnago è lieta di presentare la nuova V4Rs, la monoscocca più veloce di sempre, bici unica per primeggiare su tutti i tipi di terreno, sviluppata in collaborazione con una delle squadre più forti di ciclismo World Tour. Il contributo del Team UAE Emirates è stato fondamentale nella lunga fase di prototipazione e successive prove su strada e poi direttamente in gara; gli input ricevuti dai corridori hanno permesso di lavorare su aree chiare e definite, quali: aerodinamica, peso, rigidità reale, geometrie, solidità e robustezza.

Aerodinamica

La V4Rs è stata studiata come sistema integrato, ovvero come bicicletta completa in configurazione “pronto-gara”. Il lavoro tecnico si è concentrato sulla riduzione dell’impatto dell’area frontale, fondamentalmente il tubo di sterzo, e la conseguente migliore integrazione con la testa della forcella. Pur essendo compatibile con l’uso di componenti di terze parti, V4Rs è stato concepito per offrire le migliori prestazioni aerodinamiche in combinazione con il manubrio Colnago CC.01 che si arricchisce anche di un supporto stampato 3d, compatibile con Wahoo Bolt V2 per il momento, in grado di garantire un ulteriore risparmio di 0.75 watt a 50km/h.

Peso

Non è stato facile migliorare questo aspetto facendo il confronto con il suo predecessore V3Rs, ecco perché abbiamo ragionato sul peso del modulo (telaio, forcella, serio sterzo e manubrio) invece che sui valori dei singoli componenti. Il risultato finale ci ha consentito di risparmiare 47 grammi comparando il frame kit V4Rs con manubrio CC.01 (+ serio sterzo) al V3Rs frame kit con attacco Colnago Sr9 e piega Colnago Hbr41 (+ serio sterzo).

Rigidità dinamica reale

Questo concetto, introdotto da Colnago, è il risultato combinato della rigidità misurata in modo statico (in laboratorio) e dinamico, ovvero sulla strada in condizioni di pieno utilizzo. Ottenere questo dato è stato possibile grazie ad una nuova metodologia di testing sviluppata all’interno dal nostro reparto di Ricerca e Sviluppo, che ha tenuto conto di entrambi i fattori di stress e che ha consentito di realizzare un telaio perfettamente bilanciato in quanto a rigidità e guidabilità in tutte le condizioni estreme che si possono affrontare durante le competizioni.

Taglie e geometrie

Sulla base degli input ricevuti dai ciclisti professionisti, la geometria (soprattutto reach e stack) è stata ridisegnata per riuscire ad ottenere prestazioni ancora più equilibrate nelle diverse taglie rispetto alla V3Rs. Ora la relazione tra la lunghezza del tubo sella e il reach è quasi lineare, il che significa una selezione della taglia più semplice e precisa e maggiori possibilità di regolazione della posizione in sella. Inoltre, il rapporto stack/reach è stato ottimizzato e armonizzato tra tutte le taglie e la lunghezza dei foderi orizzontali è stata ridotta.

Solidità e robustezza

La V4Rs (rispetto alla V3rs) può vantare una maggiore resistenza agli urti delle parti più esposte ad urti in condizioni di gara. Un esempio è dato dai foderi verticali dal design completamente nuovo, che, oltre alla forma più aerodinamica, migliorano sensibilmente la resistenza alla flessione e all’impatto. Robustezza significa, invece, poter ridurre al minimo la necessità di manutenzione. Esempio pratico è la nuova serie sterzo Ceramicspeed con tecnologia SLT (Solid Lubrication Technology), che grazie all’esclusivo polimero solido e ai componenti in acciaio inossidabile di cui è composta previene due delle cause più comuni alla base del cedimento dei cuscinetti: l’assenza di lubrificazione e la contaminazione del grasso dovuta all’ingresso di sporcizia.

La V4Rs, prima di consolidarsi nella sua versione definitiva, ha vissuto una lunga fase di studio in collaborazione con il Team UAE Emirates, Il quale ha corso nella stagione scorsa con la Colnago Prototipo, nome indicativo della fase di studio allora in atto. Sono stati provati diversi layup (la sovrapposizione di un numero specifico di strati di fibra di carbonio) prima di giungere alla versione definitiva e partecipare ad una corsa così dura e complicata come il Tour de France, per esempio, ci ha permesso di raggiungere un risultato di altissimo livello in termini di qualità e robustezza.

Tadej Pogačar, uno tra i primi corridori della squadra a provare la V4Rs, ha detto: “La V4Rs è una bici davvero leggera e rigida e anche molto reattiva. Io sono un attaccante in corsa e ho bisogno di un mezzo in grado di supportarmi quando spingo al massimo sui pedali. Il ciclismo moderno, soprattutto nelle corse importanti, non dà tregua, bisogna essere sempre pronti per difendersi e poi contrattaccare e, una volta davanti, a sprintare per la vittoria. Un altro aspetto di questa bicicletta che mi sento di evidenziare è il comfort. Prestazione significa anche esprimere il massimo delle proprie potenzialità dopo 5 o 6 ore di gara, se schiena e braccia sono distrutte, questo non è possibile”.

La stessa bicicletta verrà utilizzata dalle ragazze del Team UAE ADQ, che può vantare tra le sue fila anche l’italiana Sofia Bertizzolo, ciclista all-rounder in grado di primeggiare su una vasta tipologia di terreni. Sofia Bertizzolo, provando la V4Rs, ha detto: “La V4rs si adatta perfettamente alle mie esigenze. Io non ho nessuna specificità, sono una ciclista “tuttofare”. Non sono un velocista, non sono una scalatrice, non sono una passista, devo solo stare sempre concentrata e prendermi le occasioni quanto queste si presentano: in salita, in pianura e ogni qualvolta la corsa mi permette di giocarmi le mie carte. Devo solo saper cogliere il momento giusto e in quel momento la bicicletta mi deve dare il massimo dell’aiuto possibile. Cosa mi ha colpito dal punto di vista tecnico?  La grande sicurezza e facilità di guida che mi ha trasmesso in discesa”.

Prezzo suggerito al pubblico europeo (gruppo Shimano Dura-Ace Di2 con power meter, ruote ENVE 3.4, manubrio integrato Colnago CC.01, sella Prologo Scratch M5 nack, pneumatici Continental GP5000) €15.260.

Commenti

  1. Come si evince dal comunicato la UAE per la prossima stagione passa a Shimano per i gruppi, Enve per le ruote e Continental per i copertoni.
  2. Doctor Speck:

    A me l'unica versione che piace è quella UAE.. ma non sembra nemmeno una Colnago.

    Ps. video promozionale girato sul Passo Vršič (i locals l'avranno subito riconosciuto), ergo la V4rs va bene anche sul pavè :mrgreen:
    Quella Rossa mi aggrada, poi sicuramente dal vivo risaltano meglio che sul sito... Che a mio personale parere fa ...:cac: Roba Indecente per una Azienda Made in Italy...
    Ma Porc..:pork: Non hanno un commerciale che gli dice: " Abbiamo un sito inguadabile!!":roll:
    Colorazione LGBT boh.. Vale opinione che ho del sito...:roll:

    Per il resto mi sembra un bel prodotto, molto in linea con altri...
    Ma il prodotto identitario a mio avviso già ce l'hanno con la C68..
Articolo precedente

Strava si rimpicciolisce

Articolo successivo

Pinarello vendesi

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…