L’UCI pensa ad un mondiale Gravel

L’UCI pensa ad un mondiale Gravel

24/01/2020
Whatsapp
24/01/2020

Dopo l’incontro tra David Lappartient e Giancarlo Brocci, nel quale erano state sollevate alcune nuove proposte per un ciclismo “eroico professionistico”, il presidente UCI non ha perso tempo, ed ha recentemente dichiarato durante il Tour Down Under che dopo questi incontri l’UCI si è messa al lavoro per organizzare almeno un campionato mondiale Gravel.

È già qualche anno che si parla di questa possibilità, ma ora Lappartient ha detto che ora è qualcosa di cui stanno discutendo concretamente: “Non dirò molto oggi, ma posso dire che ci stiamo lavorando a livello UCI e crediamo che ci sia un vero futuro per questo…un grande, grande potenziale di sviluppo“.

“Prima di tutto devo dire che il gravel è nel DNA del ciclismo dal suo inizio. Ai tempi le strade non erano come sono oggi, erano più gare di gravel. È chiaramente molto popolare in tutto il mondo e c’è un grande potenziale di sviluppo“.

L’UCI quindi non vuole perdere il carro del momento, e cercherà di organizzarsi per portare sotto la propria egida le gare gravel. Questo tuttavia si scontrerà probabilmente con gli attuali organizzatori dei maggiori eventi gravel, i quali per la maggior parte sono americani, ma non affiliati alla federazione USA (a sua volta membro UCI). Cosa di cui Lappartient si è detto conscio, ma l’idea è quella di “fare squadra per essere più forti”.

 

Commenti

  1. ho dei grossi dubbi circa le inquadrature televisive, e il conseguente ritorno d'immagine/investimenti di costruttori e sponsor/partecipazione di corridori di livello che diano risalto alla cosa.
    in tutte le discipline "fuoristrada" si corre beneomale su circuiti chiusi e le inquadrature sono così così, non oso immaginare su spazi aperti.