Nuove scarpe Specialized S’Works Ares

38

[Comunicato stampa] Quando arriva il momento di attaccare in salita, quando vai in fuga solitaria oppure se ti trovi a sprintare sul traguardo, ogni watt conta. Ecco perché abbiamo progettato le S-Works Ares per essere le scarpe più efficienti e performanti sul mercato. Decenni di esperienza con lo sviluppo Body Geometry, innovazione ossessiva e la collaborazione con i migliori atleti al lavoro hanno contribuito a creare una scarpa da gara completamente nuova. Un nuovo sistema di chiusura (in attesa di brevetto), interno rinforzato in Dyneema® senza linguetta e una suola in carbonio molto rigida FACT PowerlineTM prevengono il gioco del piede all’interno della scarpa, riducono lo sforzo sui tendini e fanno sì che ogni watt impresso sui pedali si traduca in movimento. Queste scarpe sono 1% più veloci di qualsiasi altro nostro modello, e sul traguardo, è tutto quello che conta.

Massimo trasferimento di potenza grazie alla rigida e leggerissima suola FACT PowerlineTM in fibra di carbonio: indice di rigidità 15.0. Le bussole filettate in titanio possono essere invertite per arretrare maggiormente la tacchetta fino a 5mm.

 

Le caratteristiche Body Geometry, come l’arco longitudinale, il bottone metatarsale e il varus wedge sono fondamentali per un comfort maggiore, prestazioni ottimale e minore possibilità di subire traumi. L’allineamento corretto dell’anca, piede e ginocchio riduce il movimento laterale/mediale del ginocchio e salvaguarda la circolazione fino alla punta dei piedi.

 

l sistema di chiusura, in attesa di brevetto, assicura un’ottima tenuta per gli sforzi fuori-sella. Sono state create zone non-elastiche dove il materiale Dyneema® si trova inserito in strati di materiale sintetico e TPU per una connessione perfetta e un comfort ottimale.

 

Sistema BOA® Li2 Fit con registri indipendenti e microregolazione, con garanzia Boa®. La talloniera PadLockTM mantiene sempre in posizione il tallone per una migliore accelerazione. Tacchetta posteriore antiscivolo e facilmente sostituibile. Calzata Form Fit con avampiede ampio per una perfetta connessione ed un comfort eccezionale.

Disponibile in 4 colorazioni. NB: Il colore rosso sarà disponibile solo in fase di lancio, dopo il primo lotto non verrà più offerta.

Prezzo: 419eu

 

 

Commenti

  1. vado controcorrente
    vedo molti spendere cifre assurde per ruote, manubri o altro, che, alla fine, risultano abbastanza inutili sia per la prestazione assoluta che per quella relativa dettata da comfort, appagamento (che dura ben poco) ecc
    un paio di scarpe di alta gamma, nel mio caso le Fizik Infinito, hanno tangibilmente cambiato 2 anni fa il mio modo di pedalare rispetto a scarpe di medio gamma, in termini di comfort e di sensazione di spinta (sensazione!), come poco altro
    con questo non dico si debbano per forza spendere 400€ per un paio di scarpe, nè voglio entrare nel merito se sia un prezzo congruo o meno, se guardiamo al mondo delle bici come si stia trasformando risulterebbe un discorso troppo lungo e complesso, però sono convinto che molti, e ci metto anche il sottoscritto di 2 anni fa, sottovalutino quello che, invece, è un elemento essenziale dello stare in sella (la scarpa, ovviamente)
  2. Corvo Torvo:

    Aggiungerei "in Cina" a "roba prodotta in fabbrica". Stiamo parlando, rimanendo estremamente cauti, di almeno 300 euro di mark-up rispetto al costo di produzione, che finiscono in marketing, logistica, catena distributiva, e ovviamente nelle tasche di Specialized.

    Sinceramente il fatto di non potere provare le Luigino mi frenerebbe nell'acquisto, al di la' del costo che non è proprio per tutti...
    Assolutamente, 400€ io li trovo una pazzia... Avevo trovato una ottima offerta, ho passato 2 giorni a cercare info sulla calzata ed alla fine mi son buttato, per fortuna mi stanno perfette... la colorazione dorata è un po’ un azzardo, ma le ho prese veramente ad un prezzo ottimo e avevo bisogno di un altro paio di scarpini.

    Per quanto riguarda la produzione delle Specy non ho detto nulla in quanto non so dove vengono prodotte, ma anch’io penso provengano dall’oriente.
    Al di là del fatto estetico che è soggettivo.

    Tra 2 anni vedremo come saran andate le vendite, le 7 han avuto un successone.
Articolo precedente

Elia Viviani da notizie rassicuranti

Articolo successivo

Tom Dumoulin mette la propria carriera in pausa

Gli ultimi articoli in News