Roglic, Vingegaard e Pinot al Tour de France

46

Primoz Roglic e Jonas Vingegaard sono stati designati capitani della Jumbo-Visma al Tour de France. Lo sloveno ed il danese sono stati presentati oggi in videoconferenza dalla squadra olandese come i corridori che punteranno alla vittoria o al podio finale nel grande giro francese. Ad accompagnarli ci saranno Rohan Dennis, Steven Kruijswijk, Sepp Kuss e Wout van Aert, mentre i due corridori restanti saranno comunicati dopo le classiche primaverili. Van Aert punterà alla maglia verde.

In questi giorni si stanno delineando anche altre formazioni per il Tour de France, tra cui quella della Groupama-FdJ, che ha annunciato il ritorno alla grande boucle di Thibaut Pinot. Il francese cercherà il riscatto dopo i problemi fisici causati da cadute che lo hanno condizionato nella passata stagione, spalleggiato da Michael Storer, Stefan Küng, oltre ai fidati Valentin Madouas e David Gaudu.

Per rimanere in tema di queste due squadre, Tom Dumoulin punterà al Giro d’Italia, mentre Arnaud Démare alle tappe del Giro d’Italia, che tanto lo aveva visto vincente nel 2020 (5 vittorie). E sempre per tentare di bissare i successi di quell’edizione la squadra francese punterà per la classifica generale su Attila Valter, il quale aveva indossato la maglia rosa.

Commenti

  1. pedalone della bassa:


    perchè è "scanzonato?"
    perchè ama vivere in mezzo alla natura?
    Più che scanzonato mi pare proponga un'immagine meno "ossessionata" dei corridori più giovani e più "rustica": niente residenza a montecarlo, hobby della fattoria, pesca, etc...

    Ma, caprette a parte, riassume un po' il profilo del tipico corridore della ormai generazione passata, che si lamenta dei nuovi usi impostisi recentemente: sensori per ogni cosa, vita monacale, analisi di ogni dato, etc...
  2. Ser pecora:

    A me sembra logica la scelta della Jumbo di presentare Vingegaard come co-capitano dopo il Tour dello scorso anno. Toglie pressione al solo Roglic e gli avversari dovranno comunque tenere d'occhio il danese.
    Poi penso che Roglic sia chiaramente il capitano unico.
    Meno sensata invece, portare Wout van Aert per prendere maglia verde e magari vincere qualche tappa...
    Che riassumendo le ambizioni degli Olandesi...
    Maglia Gialla, Maglia Bianca, Maglia a pois miglior scalatore, Maglia verde, Classifica a Squadre..
    Metti che per vincere Maglia Gialla e Verde, vinci un paio di tappe ciascuna... e una per la maglia Bianca la devi pure mettere in preventivo.. Gli altri possono venire a prendere il sole a Jesolo...:==
    Condito con il fatto che poi tutto sti gran strateghi in ammiraglia non sono.... 2020 ne hanno fatto di ogni in ammiraglia.... Per la felicità di Podgcar...

    Poi magari non sarà cosi... e adotteranno una politica più' realistica e democristiana.. interpretata in tanti anni dalle squadre del buon Eusebio ( prima della conversione tattica alla @Doctor Speck :clown: )
    E al belga riserveranno il compito di buon gregariato.... Anche se vederlo fare il gregario è una bestemmia...
  3. jan80:

    infatti tutta questa simpatia non la capisco...simpatico era Sagan( adesso un po' piu' cupo) oppure Scarponi o Formolo.....ma Pinot bah
    La simpatia è una cosa oggettiva, Pinot per me molto più di Sagan
Articolo precedente

Barbieri NXT, camera d’aria leggere in TPU

Articolo successivo

Rohan Dennis è campione nazionale a cronometro 2022

Gli ultimi articoli in News