Rohan Dennis è campione nazionale a cronometro 2022

Rohan Dennis è campione nazionale a cronometro 2022

Piergiorgio Sbrissa, 12/01/2022

Il nuovo campione nazionale a cronometro australiano è, per la quarta volta, Rohan Dennis (Jumbo-Visma).

In un campionato nazionale di specialità in cui praticamente aveva come solo avversario Luke Durbridge (Bike Exchange-Jayco), visto che il parco partenti era composto praticamente da soli giovani corridori continental (Luke Plapp della Ineos non è partito per un contatto con un covid-positivo), l’ex campione del mondo a cronometro ha rifilato 1’13” al 2° classificato, Durbridge appunto, sui 37,5km del percorso di Ballarat, e 1’47” al 3°, il 22enne Conor Leahy. Già il 10° classificato è stato distanziato ad oltre 5′.

49,5km/h la velocità media di Dennis, per un tempo finale di 30″ inferiore a quello vincente stabilito da Plapp lo scorso anno e 48″ inferiore a quello stabilito da Durbridge nel 2020, sempre sullo stesso percorso.

Un Dennis in ottima forma dunque, che pare pronto a dare manforte ai compagni della sua nuova squadra, la Jumbo-Visma, in particolare al Tour de France per il quale è già stato selezionato. Dennis ha già lodato la propria nuova squadra (nel proprio stile non proprio tra i più accorti), definendola “una squadra tecnicamente migliore” della Ineos, e rivelando che quest’ultima “copierebbe” molte cose dalla Jumbo e che pertanto ha preferito andare direttamente nella squadra “che sta un passo avanti”.

Commenti

  1. Gran motore, ma quante sono le squadre con cui ha litigato o delle quali ha dichiarato cose al limite della diffamazione?
    Dopo la Jumbo non gliene rimangono molte altre per concludere la carriera.
  2. Alla Ineos se non erro si è comportato da scolaretto modello, al Giro è stato super.
    Devo però dire che i paragoni con i tempi degli anni precedenti denoti una mancanza cronica di avversari credibili per questa specialità. Proabilmente con un po' di allenamento Cadel Evans avrebbe fatto podio :-)
  3. Motore super, testa decisamente meno.

    Vedete l la sua ultima dichiarazione sul perché ha lasciato la Sky per la Jumbo. Se (ripeto, se) è vera, ovviamente, perché mi pare abbastanza assurda, stupida e offensiva per una squadra col palmares della Sky, per quanto oggi la Jumbo appaia forse superiore.