Sette corridori della Bora-Hansgrohe investiti

Sette corridori della Bora-Hansgrohe investiti

Piergiorgio Sbrissa, 16/01/2021

Sette corridori della Bora-Hansgrohe in allenamento sulle strade del lago di Garda sono entrati in collisione con un’auto. Dei sette, Wilco Kelderman, Rüdiger Selig e Andreas Schillinger sono stati portati in ospedale, tutti erano coscienti ed hanno subito traumi che sono in corso di valutazione.

Marcus Burghardt, Anton Palzer, Maximilian Schachmann e Michael Schwarzmann sono rientrati in hotel con piccoli traumi e contusioni.

Aggiornamenti a seguire.

Commenti

  1. cheip:

    Che poi basterebbe leggere l'ultimo paragrafo dell'articolo che tu stesso citi per rendersi conto che sei un fanfarone borioso, ma tant'è.
    Quindi oltre a non comprendere l'italiano, sei anche così maleducato da ricorrere agli insulti. Un classico. Io non ti ho offeso, non capisco perchè tu lo fai.
    L'ultimo paragrafo dice che: anche in presenza di una colpa di uno dei due conducenti un giudice deve verificare se anche l'altro ha commesso infrazione al CdS. Tutto qui. Nulla di diverso da ciò che ho detto io.
  2. jan80:

    capisco che non bisogna mettere autista alla sedia elettrica,ma sta passando per tanti che e' una cosa che puo' capitare e quasi non e' nulla di grave......con questa filosofia possono solo peggiorare le cose,dove alla base manca il rispetto verso il mezzo piu' debole( la bicicletta).
    Finche' non tocca a noi e' facile parlare,ma vorrei vedere se eravate uno dei Bora cosa dicevate??se siete la moglie di Scarponi cosa dite??se siete una qualsiasi moglie,marito o genitore che non vede rientrare il proprio caro cosa dite??puo' capitare??no bisogna dire non deve capitare,perche' non e' normale mettere sotto 7 ciclisti!!!
    Può capitare inutile girarci intorno. Può capitare e capita, tutti i giorni qualcuno muore per incidente e non solo in Italia si muore in macchina in bici in moto a piedi e anche con un mezzo pesante ,so benissimo che ci sono troppi criminali al volante ma anche fatalità malori e distrazioni e noi ciclisti siamo i più esposti, ma siamo anche noi automobilisti e italiani non è che tutti i ciclisti siano dei santarellini e chi guida un mezzo a motore un criminale