News #Mark Schmidt

Operazione Aderlass: 4 anni e 10 mesi al Dott. Schmidt

Operazione Aderlass: 4 anni e 10 mesi al Dott. Schmidt

Piergiorgio Sbrissa, 15/01/2021

Il dottor Mark Schimdt, 42 anni, è stato condannato a 4 anni e 10 mesi di reclusione, e 3 anni di interdizione dalla professione medica per il suo ruolo nella Operazione Aderlass. È il primo caso penale di rileivo in Germania da quando è stata introdotta la legge antidoping nel 2015. Il tribunale regionale di Monaco ha condannato anche i 4 aiutanti del Dr. Schmidt.

Schmidt in tribunale, foto: Rainer Fromm

Schmidt era accusato di aver fornito assistenza per doparsi “ad un numero non conosciuto di casi” dal 2011, ma ne sono stati portati indizi nel dibattimento per almeno 208. 23 atleti hanno confessato di aver usufruito dei suoi servizi in pratiche dopanti. Principalmente Schmidt praticava trasfusioni sanguigne, e molte di queste le ha praticate in appartamenti in affitto, ma è stato anche provato che ne ha praticate in stazioni di servizio sulle autostrade, e persino una in un parcheggio di un Burger King. In un caso un atleta si è sentito male subito dopo aver assunto dei medicinali, con disturbi circolatori e sangue nelle urine. Per questo caso Schmidt è stato giudicato colpevole di lesioni colpose (gefährliche Körperverletzung).

Quattro aiutanti di Schmidt sono stati condannati: l’aiutante Dirk Q. 2 anni e 4 mesi, l’infermiera Diana S. 1 anno e 4 mesi, mentre solo delle sanzioni pecuniarie per i paramedici Sven M. e Ansgard S.

 

 

 

 

Commenti

  1. scusate ma si parla di 23 atleti hanno confessato, e di altri (208-23=185 casi, magari gli stessi hanno fatto più trasfusioni per cui saranno meno di altri 185, augurandolo), i loro nomi quindi sono secretati dall'agenzia di stampa o dalla giustizia tedesca? CI saranno altri sviluppi o ramificazioni dell'inchiesta?
  2. ...grazie per la risposta, forse era già scritto in altri post e magari questa condanna arriva a valle di altre che non ho letto. Ho capito infatti che questa è una condanna per lesioni personali, cioè il dottore e l'equipe medica ha danneggiato il corridore (che forse è pure quello che li ha chiamati in giudizio se tanto mi da tanto). Allora formulo meglio la domanda le varie WADA e sotto agenzie e l'UCI con le sue diramazioni hanno gia'proceduto sullo stesso soggetto ed eventuali atleti?