L’avvocato di Denifl: “Nel ciclismo c’è il 90% di dopati”

L’avvocato di Denifl: “Nel ciclismo c’è il 90% di dopati”

05/02/2020
Whatsapp
05/02/2020

Nel sito austriaco Tirol-Orf.at è apparsa un articolo che fa il punto sul caso di Stefan Denifl, ex corridore della AquaBluSport, imputato al tribunale regionale di Innsbruck per frode commerciale aggravata, dopo essere stato coinvolto nelle indagine dell’operazione Aderlass, durante la quale il 32 enne hha ammesso di aver fatto uso di doping ematico.

Questo processo è molto interessante perché si basa sull’accusa di frode commerciale dovuta al doping, e pertanto mette in luce tutta una serie di considerazioni sul contesto in cui si svolge il doping sportivo, il quale, come spesso si fa presente, non è semplicemente assumere una sostanza per vincere qualcosa, ma porta con se una serie di altri possibili reati.

La difesa di Denifl ha chiesto infatti che vengano sentiti come testimoni le persone che hanno firmato i contratti con il corridore, richiesta accolta dalla corte. In questo modo gli avvocati di Denifl vogliono sapere se e come i contratti siglati coi corridori sarebbero stati terminati una volta saputo dell’accusa di doping, e per conoscere la posizione della squadra in merito ai danni presunti cagionati dal loro assistito, visto che la squadra non ha deposto una denuncia o richiesto danni di immagine ad esempio.

Denifl ha ammesso di essere ricorso al doping ematico, trasfusioni nello specifico, con l’aiuto del Dott. Mark Schmidt, ma precisando di “non essere un criminale” e che nel ciclismo professionistico le prestazioni richieste sarebbero altrimenti impossibili senza doping. Denifl ha asserito che le squadre sanno e che molti atleti si dopano nel ciclismo: “non avrei avuto un contratto senza doping“, ha concluso.

L’avvocato di Denifl ha dichiarato che il suo assistito sarebbe in caso di condanna punito due volte, in quanto i titoli ed i premi in denaro vinti da Denifl sono già stati revocati, ed è stato squalificato: “ha rovinato la sua salute e a volte corso delle gare al rischio della vita. Nel ciclismo c’è un 90% di doping, non c’è nessun super atleta pulito”.

Secondo l’accusa il pagamento di bonus e di spese per la squadra ammonta ad un danno di circa 580.000eu.

Nel processo è imputata anche la persona che coordinava gli incontri tra Denifl e Schimdt, ma per lei è richiesto solo il pagamento di un’ammenda di 300eu.

 

Commenti

  1. Ser pecora:

    E’stato anche campione nazionale a cronometro. Ed ha molti piazzamenti. Non era proprio nessuno. Almeno con la benzina giusta. :-)xxxx
    Dici che rientrando a 37 anni, avrebbe ancora 5 anni di tempo per vincere la generale della Vuelta? Poesse :clown:
  2. garbino82:

    Tornando a Rebellin, la mia idea è che sia "costretto" ancora a correre poiché tra avvocati, restituzione dei titoli vinti e dei relativi premi, separazione, sia praticamente al verde e per campare continua a fare l'unica cosa che sa fare... finche può.
    Mi auguro per lui di sbagliare...
    credo che ognuno di noi faccia l'unica cosa che sa fare per campare, si chiama lavoro, è normale.
    anzi uno come lui potrebbe fare il preparatore atletico se volesse, penso che la sua sia proprio passione e sia encomiabile per questo
  3. garbino82:

    Tornando a Rebellin, la mia idea è che sia "costretto" ancora a correre poiché tra avvocati, restituzione dei titoli vinti e dei relativi premi, separazione, sia praticamente al verde e per campare continua a fare l'unica cosa che sa fare... finche può.
    Mi auguro per lui di sbagliare...
    siamo O.T.
    ma non credo corra per quel motivo. se non sbaglio è residente a Montecarlo (non proprio un posto "economico"), in più organizza (o almeno ha organizzato) anche dei Camp per amatori, oltre a vendere/sponsorizzare vari prodotti attraverso i propri profili social
    credo abbia proprio una gran voglia di fare la "vita da ciclista" e gli piaccia talmente tanto questo sport, che fintanto trova un ingaggio, fa bene a proseguire
    ci sarebbe da chiarire, come mai, su di lui ci sia una sorta di "allarme appestato" (esempio quando invitarono la sua squadra al Giro anni fa, ma chiesero gentilmente di non convocarlo...)
    ma come in altri casi, credo, ci siano sempre due pesi e due misure