Specialized consegna direttamente a casa

142

Da oggi Specialized inizia a vendere direttamente le proprie biciclette grazie a due modalità: “Consegna a casa” e “Specialized Delivery“.

Specialized casa

Con l’opzione Consegna a casa la bici viene spedita a casa dell’acquirente pre-assemblata e “già testata, con poche componenti da assemblare, la tua nuova Specialized sarà pronta in alcuni minuti senza troppa fatica”, come recita la comunicazione di Specialized Italia. Questa opzione non vale per le ebike.

Mentre con l’opzione Specialized Delivery la bicicletta verrà consegnata da un professionista Specialized che si  occuperà di consegnare la bici assemblata direttamente a casa dell’acquirente, assicurandosi di metterlo in sella correttamente e “fornendogli consigli e strategie per ottenere il massimo dalla sua nuova bici”. La Specialized Delivery per ora è disponibile solo in provincia di Milano e zone limitrofe.

Queste due nuove modalità non sostituiscono la vendita tramite rivenditori, che continueranno ad essere presenti ed a fornire vendita e supporto post-vendita dei prodotti Specialized.

Sito Specialized

 

 

Commenti

  1. luccio50:

    Specy conosce il suo target. Non saranno mica tutti boomer come me che vuole andare a vedere, toccare, farsi corteggiate (e a volte fregare) dal rivenditore. Ai Z non interessa un tubo di queste cose, ma rapidità , costo corretto e stop. C’è da stringere i pedali e lo stem e me lo fa il tizio che me la consegna ? Dove sta la menata ? Io sono boomer e ho provato (con Rose). Tutto perfetto. Dal rivenditore l’avrei pagata uguale, e non e’ tipo da moine. Anzi mi manda a quel paese se necessario.
    Dal rivenditore Rose non l'avresti pagata uguale, perchè come minimo al guadagno di Rose, avresti dovuto aggiungere quello del rivenditore, moine o meno. Il discorso di Specy che non fila, è chi mai pagherebbe un prezzo di listino, persino più alto del rivenditore, senza manco avere le ipotetiche moine del rivenditore? Almeno Rose e Canyon ti risparmi le moine e ti risparmi anche un 20/30% a parità di montaggio, soprattutto sul modelli di media e alta gamma. Sul bassa gamma, il margine si riduce perchè il costo dei componenti, influisce poi troppo sul totale della bici a prescindere dal marchio sul telaio.
  2. Maverik89:

    CHAPEU!
    hai colto il segno.
    Che poi ognuno e´ ovviamente libero di pensarla come vuole.
    Io sono un operaio, spendo una volta ogni tot anni, deve essere un bel momento :-)xxxx
  3. samuelgol:

    Io ho sempre sentito negozianti che dicevano di avere molto più da guadagnare con l'officina soprattutto e la vendita di accessori piuttosto che con la semplice vendita di bici. Però c'è da dire che la vendita di bici faceva anche da traino al resto, nel senso che io compro la bici da te, il tuo margine non è chissà che, però poi compro il resto da te, porto la bici in manutenzione da te e quindi l'indotto poteva venire fuori. Senza la vendita di bici, almeno inizialmente, della clientela potrebbe venire meno.
    Va cambiata la mentalità anche li. Tanta gente è abituata al tradizionale "compro la bici e poi tutti i servizi sono gratis per sempre".
    Soprattuto nel mondo bdc mi pare. Già con le mtb che hanno bisogno di manutenzione più frequente mi pare valga meno.

    Se la componente vendita bici sarà meno presente il servizio andrà più "a listino" per ore di manodopera, come in mille altri settori.
    Altrimenti c'è il fai da te (ed il conseguente sempre maggiore incentivo al comprare online se dopo un po' le viti impari a stringerle da solo).

    Per quanto riguarda gli usati da 8000eu di cui leggevo prima ed un possibile modello di business: già adesso a me pare che la roba veramente bella nei mercatini duri molto molto poco...ma faccio l'esempio di questo negozio USA: https://www.theproscloset.com
    2 anni fa aveva sempre in vendita un centinaio di bici circa. Oggi viaggia a oltre 2000 costanti con turnover pazzesco.
Articolo precedente

Amy Pieters sempre in condizione “stabile, ma non buona”

Articolo successivo

Tadej Pogačar positivo al Covid

Gli ultimi articoli in News