Specialized presenta la nuova Crux

Specialized presenta la nuova Crux


Piergiorgio Sbrissa, 07/10/2021

[Comunicato stampa] Molto di più della bici gravel più leggera al mondo

La Crux è la bici da gravel più leggera al mondo, con un eccezionale spazio per gli pneumatici e una geometria per alte prestazioni. Non è solo la massima espressione in termini di Gravel Performance, è il tuo biglietto di sola andata per il divertimento su sterrato.

Abbiamo utilizzato le tecnologie rivoluzionarie che hanno reso la Aethos la bici più leggera al mondo, e le abbiamo applicato nella realizzazione della CruX. Il risultato è una bici gravel che è agile in salita e che affronta i terreni più impegnativi con leggerezza. Il tutto con un telaio che pesa meno della tua borraccia piena.

Un’illuminazione ha portato Peter Denk a reinventare quello che è possibile fare con le fibre di carbonio, creando così la leggerissima bici da corsa su strada Aethos con un telaio di soli 585 grammi. Quando Stewart Thompson – responsabile dei settori Road e Gravel – ha visto questa rivoluzione, sapeva che avrebbe cambiato anche la disciplina del gravel per sempre. Nasce così la nuova CruX.

Più spazio per gli pneumatici significa più possibilità. Con la stessa luce per copertoni della Diverge, la Crux ti porta ovunque tu possa immaginare, a tutto gas.

Introduciamo il “Rapporto Passaggio ruota / Peso”, perché sappiamo tutti che il settore ha sempre bisogno di un nuovo standard! Scherzi a parte, niente sblocca il pieno potenziale di una bici gravel come la combinazione di un telaio ultraleggero e un enorme spazio per gli pneumatici. Come si regola la concorrenza?*

Reattiva sui pedali, comoda in sella. Con una geometria Gravel Performance e una vocazione all’agonismo ispirata dall’iconica storia della Crux nel ciclocross.

Sito Specialized

Commenti

  1. gran bel mezzo.

    probabilmente la "meno gravel" in giro, in quanto se non fosse per le ruote e relativi adattamenti al telaio, potrebbe benissimo passare per una disc top di gamma.
  2. Roba da ricchi ormai......poi per bontà del progetto e della bici non si discute. A questo punto si può anche pensae ad usarla quale bici unica, magari con una coppia di ruote con pneumatico strdale.
  3. con buona pace di quelli che dicevano che il telaio della aethos era fragilino e sottodimensionato per una bici con i dischi...con piccole modifiche ci hanno fatto una gravel da competizione!