Specialized presenta la nuova Crux

13

[Comunicato stampa] Molto di più della bici gravel più leggera al mondo

La Crux è la bici da gravel più leggera al mondo, con un eccezionale spazio per gli pneumatici e una geometria per alte prestazioni. Non è solo la massima espressione in termini di Gravel Performance, è il tuo biglietto di sola andata per il divertimento su sterrato.

Abbiamo utilizzato le tecnologie rivoluzionarie che hanno reso la Aethos la bici più leggera al mondo, e le abbiamo applicato nella realizzazione della CruX. Il risultato è una bici gravel che è agile in salita e che affronta i terreni più impegnativi con leggerezza. Il tutto con un telaio che pesa meno della tua borraccia piena.

Un’illuminazione ha portato Peter Denk a reinventare quello che è possibile fare con le fibre di carbonio, creando così la leggerissima bici da corsa su strada Aethos con un telaio di soli 585 grammi. Quando Stewart Thompson – responsabile dei settori Road e Gravel – ha visto questa rivoluzione, sapeva che avrebbe cambiato anche la disciplina del gravel per sempre. Nasce così la nuova CruX.

Più spazio per gli pneumatici significa più possibilità. Con la stessa luce per copertoni della Diverge, la Crux ti porta ovunque tu possa immaginare, a tutto gas.

Introduciamo il “Rapporto Passaggio ruota / Peso”, perché sappiamo tutti che il settore ha sempre bisogno di un nuovo standard! Scherzi a parte, niente sblocca il pieno potenziale di una bici gravel come la combinazione di un telaio ultraleggero e un enorme spazio per gli pneumatici. Come si regola la concorrenza?*

Reattiva sui pedali, comoda in sella. Con una geometria Gravel Performance e una vocazione all’agonismo ispirata dall’iconica storia della Crux nel ciclocross.

Sito Specialized

Commenti

  1. gabbia:

    ma il senso di avere un telaio da <600g per poi riempirlo di borse da bikepacking quale sarebbe? :-x
    Mi pare che sia una proposta per la nascente "vague" del gravel-racing. In Usa non parlano d'altro.
  2. Ser pecora:

    Mi pare che sia una proposta per la nascente "vague" del gravel-racing. In Usa non parlano d'altro.
    A tal proposito, l'UCI ha già diramato il regolamento delle gare sotto la sua egida?
    Ps. non ricordo dove l'ho letto, ma nel nuovo contratto di Sagan con i francesi, ci dovrebbe essere anche la libertà di partecipare a manifestazioni Gravel e Mtb. Mi gioco un fiorino che Peter sarà sia alla DirtyKanza con la nuova Crux che alla Leadville con la mtb.
Articolo precedente

Van Aert e MvdP corrono troppo?

Articolo successivo

Jonathan Milan oro agli europei in inseguimento individuale

Gli ultimi articoli in News

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…