[Test] Assos Zegho

[Test] Assos Zegho

24/03/2013
Whatsapp
24/03/2013

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49838&s=576&uid=1850[/img]

La nota casa di abbigliamento svizzera Assos ha a catalogo degli occhiali specifici per ciclismo realizzati in collaborazione con Carl Zeiss per quanto riguarda la lente. Questi occhiali dall’aspetto molto “fashion” si basano infatti su una grande monolente brevettata che consente la massima protezione su un angolo di 180° senza però distorsioni. Questa lente, per scelta di Assos, non è né fotocromatica né polarizzata, caratteristiche secondo loro sconsigliabili per occhiali da ciclismo, visto che i cambiamenti di luminosità degli occhiali fotocromatici non sono abbastanza rapidi per le velocità e quindi esigenze tipiche del ciclismo; mentre l’opzione polarizzata sarebbe persino controproducente nel caso di discese “bagnate” a chiazze che grazie agli occhiali polarizzati diventerebbero difficili da riconoscere ed evitare.

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49839&s=576&uid=1850[/img]

Altra caratteristica studiata appositamente per il ciclismo degli Zegho è la lente che nella parte inferiore non è scura, ma trasparente, in modo che nelle gallerie senza illuminazione è sufficiente alzare la testa e guardare verso il basso per avere una visione “normale” in tempi più rapidi appunto che con degli occhiali fotocromatici. Questa lente Zeiss è montata su un telaio in plastica che porta il peso complessivo di questi occhiali a 27,5 gr. Gli occhiali sono fatti a mano in Italia.

Il procedimento della loro fabbricazione può essere visto in questo video:

Altra caratteristica degli Zegho è la possibilità di montare un laccetto elastico (fornito con gli occhiali assieme alla custodia in pelle) tramite due occhielli sulle estremità delle stanghette per fissare gli occhiali alla testa rendendo impossibile perderli.

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49840&s=576&uid=1850[/img]

Arrivando all’uso pratico appena indossati non si può non notare il peso praticamente nullo, che fa dimenticare di averlo addosso, e la qualità della lente. Pur con una lente così grande, e orientando lo sguardo anche ai lati (come nel caso qualcuno ci stia per superare) non si nota alcuna distorsione. Idem appena tolti. Con altri occhiali, anche di qualità, spesso si ha l’impressione che le lenti distorcano un po’ l’immagine, magari amplificando un po’ la sensazione “di distanza” rispetto gli oggetti più vicini.

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49843&s=576&uid=1850[/img]

Gli Zegho hanno uno speciale trattamento idrorepellente, ed anche questo sembra funzionare. Anche in condizioni di bagnato eventuali gocce d’acqua vengono evacuate molto rapidamente dalla lente. Un po’ più critico l’appannamento. A basse velocità o da fermi non è raro che l’interno dell’occhiale si appanni. Questo però è probabilmente dovuto alla grande dimensione della lente combinata con il “fitting” dipendente dalla forma del viso di chi li porta. Nel caso lo spazio tra lente e viso sia minimo qualche appannamento si avvera, ma per l’appunto è una situazione variabile e dipendente dalla conformazione del viso di chi li indossa.

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49844&s=576&uid=1850[/img]

La funzione “tunnel-tv” che consente di alzare la testa nelle gallerie per avere una visione non “oscurata” è veramente un’ottima idea. Funzionale anche senza dover ricorrere alla fotocromia. Unica eccezione quando si è in presa bassa e bisogna allora alzare la testa formando un angolo con il collo in una posizione non proprio comoda o indicata a chi ha problemi di cervicale.

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49846&s=576&uid=1850[/img]

Altra cosa da segnalare è la forma squadrata delle stanghette che può causare qualche fastidio nel caso “lo spigolo” della stanghetta vada ad appoggiare sul padiglione auricolare. Anche questo però dipende dalla forma della testa di chi li indossa. Ad ogni modo il peso davvero minimale di questi occhiali rende la cosa sopportabilissima rispetto altri occhiali.

[img]http://foto.bdc-forum.it/image.php?id=49848&s=576&uid=1850[/img]

In conclusione un paio di occhiali in cui la qualità è sicuramente al massimo, in particolare per quanto riguarda la lente, cosa di cui non è necessario sottolineare l’importanza nell protezione degli occhi. Gli Zegho non sono occhiali fatti al risparmio e sicuramente ben studiati, in particolare sono concepiti veramente per il ciclismo. Questo si riflette ovviamente sul prezzo, che di listino èdi 319 Euro, al netto degli eventuali soliti sconti. Un prezzo veramente elevato anche rispetto altri concorrenti che offrono comunque prodotti di alta qualità.

Gli Zegho sono disponibili in varie combinazioni di colori di montatura e lente. Quelli in test con lente scura e montatura bianca sono denominati Werkmannschaft.

Sito

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO