[Test] GT Grade Carbon Pro

[Test] GT Grade Carbon Pro

27/08/2019
27/08/2019

[et_pb_section bb_built=”1″ background_color=”#4a4e51″ _builder_version=”3.0.86″ parallax=”on”][et_pb_row background_color_1=”#4a4e51″ _builder_version=”3.0.86″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_divider admin_label=”Divider” height=”60″ _builder_version=”3.0.86″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” custom_margin=”-190px|||” /][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/1-1.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_direction=”bottom” animation=”bottom” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/10/8503E9BC-4ACB-44C4-9EBF-D420447E7FB0-6498-0000078BA8F796B5-16.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][et_pb_blurb admin_label=”dettaglio 1″ icon_color=”#2ea3f2″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center” url_new_window=”off” use_icon=”off” use_circle_border=”off” icon_placement=”top” use_icon_font_size=”off”]

La piastrina sui forcellini per variare l’offeset spostando l’asse del perno passando da 55 mm a 70 mm. Questo per rendere l’avantreno più stabile o più reattivo, in particolare se caricato con borse.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/10/6EE1481E-41C5-4BB4-A56F-9CF156176E72-6498-0000078B90357CE7-3.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][et_pb_blurb admin_label=”dettaglio 2″ icon_color=”#2ad4e0″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center” url_new_window=”off” use_icon=”off” use_circle_border=”off” icon_placement=”top” use_icon_font_size=”off”]

Attacco manubrio e manubrio sono in alluminio forgiato. Il manubrio ha un Flare di 16°, ovvero l’inclinazione dei comandi verso l’esterno. Una caratteristica che sta diventando lo standard nel mondo Gravel.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/BC1D2F1C-1BC7-416D-997E-7723F02715C6-6498-0000078BA34E8DC9-13.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][et_pb_blurb admin_label=”dettaglio 3″ icon_color=”#9633e8″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center” url_new_window=”off” use_icon=”off” use_circle_border=”off” icon_placement=”top” use_icon_font_size=”off”]

I copertoni WTB Riddler da 37mm hanno un disegno della tassellatura che risulta un buon compromesso tra utilizzo On ed Off Road. Non sono Tubeless però, a dispetto dei cerchi.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_4″][et_pb_image src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/DCE8F69C-9362-4886-95C7-C5D314DDC22B-6498-0000078B95807FEB-6.jpg” show_in_lightbox=”on” _builder_version=”3.0.86″ url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][et_pb_blurb admin_label=”Dettaglio 4″ icon_color=”#d85fd6″ use_circle=”on” circle_color=”#0d2035″ background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ text_orientation=”center” url_new_window=”off” use_icon=”off” use_circle_border=”off” icon_placement=”top” use_icon_font_size=”off”]

La guarnitura FSA Adventure 46/30. Un’ottima scelta per ogni tipo di utilizzo. Il 30-34 come ultimo rapporto è sensato su rampe ripide e bici carica di borse.

[/et_pb_blurb][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ module_id=”builder” _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” _builder_version=”3.0.86″ background_position=”top_left” text_orientation=”center” module_alignment=”center” background_layout=”light”]

Top di gamma della linea Gravel di GT, la Grade Carbon Pro è una bici che punta alla versatilità in campo On ed Off-road con un telaio in carbonio con specifiche atte a renderlo molto capace a livello di assorbimento vibrazioni, asperità e guidabilità; oltre ad un montaggio molto efficace grazie alla guarnitura microcompact e gruppo elettronico.

Il montaggio è appunto affidato al gruppo trasmissione Ultegra DI2 con cambio RX e con freni a disco idraulici con rotori 160mm. Cassetta 11-34.

Le ruote sono assemblate con cerchi WTB KOM Light i23 TCS, tubeless ready, 28 raggi, ma montati nell’esemplare specifico con copertoni WTB Riddler 37mm. I mozzi non sono specificati e non riportano scritte.

L’attacco manubrio è GT in alluminio con frontali 4 viti. Il reggisella è in carbonio, 27,2mm per 35cm di lunghezza (40 nella taglia 61). Il manubrio è in alluminio con 16° di Flare, ovvero l’inclinazione della parte dei comandi verso l’esterno. Caratteristica molto apprezzata e quasi standard in ambito gravel.

Il tutto è montato sull’ottimo telaio in carbonio con movimento centrale PF30, standard perni passanti 142x120mm e 12x100mm alla forcella. Forcella che ha una piastrina avvitata sulla parte terminale dei forcellini per poter variare il Rake della stessa e quindi la guidabilità.

La caratteristica principale sono i foderi alti del carro flottanti, ovvero non toccano e non sono solidali col piantone, in modo da lasciare quest’ultimo libero di flettere per tutta la sua lunghezza. Per facilitare questo nella parte in cui si raccorda col movimento centrale è rastremato dal lato posteriore.

Sia sul telaio che sui foderi della forcella sono presenti numerosi attacco per parafanghi e borse.

 

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/D39A81E2-4B1F-480B-9819-F8B81484AF5E-6498-0000078B8C219BBE-1.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”right” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”right” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ background_color=”#4a4e51″ module_id=”mobile” _builder_version=”3.0.86″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″ background_position=”top_left” text_orientation=”center” module_alignment=”center”]

Il gruppo è l’eccellente Ultegra DI2 con cambio RX con frizione e freni a disco idraulici. 160mm i rotori.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2018/10/8963AAAC-D0E4-44C6-80B0-BFA7A6BDC74C-6498-0000078B97CD9F48-7.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”left” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”left” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ module_id=”layouts” _builder_version=”3.0.47″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/2-2.jpg” _builder_version=”3.0.86″ background_color=”#7cda24″ animation_style=”slide” animation_direction=”right” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”right” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″ background_layout=”light”]

Salita

La Grade è un’ottima arrampicatrice, complice la posizione raccolta e la rapportatura che consente di affrontare ogni tipo di rampa anche con bici carica di borse. Ovviamente si tratta di una bici Gravel da 8,2kg in taglia 58, con coperture tassellate da 37mm, quindi non un mezzo con cui fare a gara su salite asfaltate con lo scalatore di turno.

Il sistema dei foderi flottanti non si avverte minimamente in piedi sui pedali, mentre seduti è realmente efficace. Un sistema molto simile nella pratica all’IsoSpeed di Trek, seppur non regolabile. Solo ad alte cadenze su asfalto liscio si sente flettere decisamente il piantone, ma è chiaramente una situazione limite solo per evidenziarlo. Nella realtà è appunto un sistema efficace per smorzare le asperità del terreno.

Come detto ottima scelta la rapportatura microcompact 46/30 per la guarnitura accoppiata al 11/34 della cassetta. In ottica Bikepacking è una scelta che consente grande agio su qualunque pendenza. Un po’ poco simpatica la scelta di montare una cassetta 105 su gruppo Ultegra (DI2), ma è una tendeva diffusa tra le grandi aziende recentemente.

 

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″ background_layout=”light”]

Discesa

 

In discesa la GT mi è piaciuta molto. È una bici facile e divertente. Il manubrio con flare 16° da un ottimo controllo. I freni sono gli ottimi Shimano Ultegra (derivazione XT da Mtb) assolutamente a prova di fatica.

Le coperture sono molto buone in termini di aderenza e disegno del battistrada, non penalizzante nemmeno su asfalto. Peccato non siano Tubeless Ready. I cerchi lo sono, e le valvole sono fornite, e su una bici del genere consentirebbero di avere quel comfort in più che non guasta, oltre a grip ulteriore in fuoristrada.

Le ruote sono costruite con mozzi non specificati né riportanti scritte, ma sembrano di buona qualità e sicuramente robuste. Anche maltrattandole su singletrack non proprio “gravel” non hanno battuto ciglio.

Il telaio consente di montare anche reggisella telescopici con passaggio cavo dedicato, consentendo di fare della Grade una macchina da singletrack.

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/3-3.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”left” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”left” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://www.bdc-mag.com/wp-content/uploads/2019/08/IMG_3207-1.jpg” _builder_version=”3.0.86″ animation_style=”slide” animation_direction=”right” animation_duration=”500ms” animation_intensity_slide=”10%” animation=”right” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” use_overlay=”off” always_center_on_mobile=”on” force_fullwidth=”off” show_bottom_space=”on” /][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text _builder_version=”3.0.86″ background_layout=”light”]

Comodità

 

La Grade è costruita attorno all’ottimo telaio con foderi flottanti, e la scelta tecnica si rivela molto azzeccata. È un sistema efficace e poco pesante. O meglio non aggiunge per niente peso rispetto un telaio “normale”.

L’efficacia c’è tutta e di fatto è un sistema che GT usa anche per le proprie MTB Hardtail. Ovvio che si apprezzi soprattutto su asfalto molto rovinato e salite fuoristrada, dove si resta seduti. Il resto lo fanno le coperture da 37mm. In ogni caso i passaggi ruota sono abbondanti e si può sicuramente montare anche qualcosa di più generoso. La tassellatura delle coperture fa abbastanza la differenza sulla destinazione d’uso, dipendentemente dalle preferenze su asfalto o fuoristrada. Nel primo caso forse degli Schwalbe G-One sono più adatti, nel secondo i WTB Riddler sono preferibili.

In ogni caso la GT Grade sembra essere una bici con un orientamento più Off che On-Road.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section][et_pb_section bb_built=”1″ background_color=”#4a4e51″ _builder_version=”3.0.86″][et_pb_row _builder_version=”3.0.47″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text background_layout=”dark” _builder_version=”3.0.86″]

Conclusioni

Ottima bici da Gravel con un occhio più al versante fuoristradistico, con buone capacità di arrampicatrice. Il montaggio è praticamente perfetto, gruppo elettronico compreso, a parte le coperture non tubeless, ma è un dettaglio a cui si può facilmente ovviare. Il mezzo ideale per chi ama il bikepacking visto il numero di attacchi predisposti, in particolare lungo i foderi della forcella.

Eccellente il sistema dei foderi flottanti che danno comodità senza aggiungere peso.

Prezzo: 3799eu

Sito GT

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

19
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
17 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
13 Comment authors
DOVGS Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
B
Member
bastianella31

Hai fatto tutte le foto in Croazia?
Bel report, si impara sempre qualcosa, mi piace molto la rapportatura della bici, la mia Ciclocross è troppo “stradale”, questa GT invece è pensata proprio bene…

gasht
Member

sembra la lapierre

G
Member

è già in programma l'unificazione dei forum in MTBDCforum?

B
Member
bastianella31
Ser pecora

Slovenia e Italia:-)

Ho confuso il Vršič con l'Učka, scusa Piergiorgio, sono fuso:-)
Bellissimi posti!!!

G
Member
Ser pecora

All'inizio bdc era solo una sezione del forum Mtb…

eee pardon son troppo giovane non ho seguito gli albori..ma a naso i tempi sono maturi per una riunificazione. troppi segnali. dischi perni passanti gommoni le 12velocità i monocorona le bdc gravel. le corone che si fanno piccole e i pignoni grandi..i ciclocrossisti che vincono le gare su strada..ci siamo ci siamo:-P

G
Member

Bel mezzo.. pare studiato a dovere anche se, visto che c'erano e va di moda, avrebbero potuto integrare il fermo cannotto sella e per il prezzo anche la minima centralina del cambio (sempre ammesso esista per quella versione)

S
Member

"Il gruppo è l’eccellente Ultegra DI2 con cambio RX con frizione e freni a disco idraulici. 160mm i rotori."

che cos'è il cambio con frizione?

B
Member
bicilook

Per renderla più appetibile avrei messo a catalogo anche l’opzione Ultegra meccanico…che per chi fa bikepacking sarebbe forse la soluzione migliore…e ridurrebbe anche un po’ il prezzo.

S
Member
Ser pecora

Una frizione meccanica per evitare che si muova molto su terreno sconnesso. Sram ne usa una idraulica.

Che, tra l'altro, monto sulla mia gravel e funziona davvero egregiamente.

Questa GT Grade mi piace molto. Mi piaceva anche la precedente ed in fase di acquisto l'avevo valutata deviando poi su Ridley per comodità d'acquisto (il mio usuale rivenditore è concessionario Ridley)

G
Member
Gabrireghe

ho letto da qualche parte che il telaio dovrebbe essere tutto sommato leggero, per caso si hanno info sul peso in una data taglia? l’hai smontato/pesato (immagino di no..)?
se così fosse sarebbe interessante perché montando un accoppiata ruote+gomme light/stradali e magari un altro manubrio uno avrebbe anche una stradale con pesi ottimi
mi sbaglio?

V
Member

Io ho una SC Stigmata e con le doppie ruote ci faccio sia asfalto che fuoristrada senza nessun problema…Riguardo a questa bici la trovo sgraziata, il telaio con quei tuboni davanti contrapposti a quelli fini del posteriore non si può guardare….

O
Member
oldschool

i mozzi delle ruote WTB di solito sono dei Formula. I Ridler non dovrebbero essere TCS e quindi latticizzabili ???
Sull’estetica non mi pronuncio perchè son gusti. Peso del telaio ottimo per avere anche una BDC alternativa e comoda con secondo paio di ruote (fatto per qualche anno con NinerBSB9rdo)

D
Member

8,2 kg in taglia 58 e' un peso piuma !! Stasera ho aggiunto il sigillante alla mia Revolt 0 in taglia ML e ho sforato i 9kg,il sigillante ha insomma dato la mazzata finale…

 

POTRESTI ESSERTI PERSO