Nuovo Schwalbe Pro One

Nuovo Schwalbe Pro One

28/08/2019
Whatsapp
28/08/2019

[Comunicato stampa]

La Souplesse fa la differenza: il nuovo Schwalbe Pro OneLa tecnologia Tubeless in una nuova dimensione: il nuovo Schwalbe Pro One
entusiasma sin dal primo metro con valori straordinari quanto a velocità, tenuta e sicurezza. Ma lo pneumatico offre ancora di più: la
Souplesse, quella scorrevolezza continua che si percepisce, ma quasi non si riesce a spiegare. Il nuovo pneumatico da corsa di alta gamma, risultato di una riprogettazione radicale, è disponibile nelle versioni Tubeless, TT e Tube Type. 
“Uno pneumatico Tubeless che offre le stesse sensazioni di un tubolare”, così Peter Krischio, Product Manager Race di Schwalbe, sintetizza il carattere del nuovo
Pro One. L’obiettivo era sviluppare uno pneumatico veloce, leggero e sicuro che però al contempo offrisse il massimo della Souplesse. Uno pneumatico che recepisse rapidamente e con precisione le scelte del ciclista, fornendo un costante ed efficace feedback. In breve: uno pneumatico “vivo”. Accanto alla sensazione di grande scorrevolezza, questi pneumatici offrono un altro vantaggio tangibile: il ciclista si affatica più lentamente e può così ottenere performance più elevate.
“Per ottenere queste caratteristiche, abbiamo realizzato una carcassa completamente nuova, ottimizzato la mescola e modernizzato ulteriormente il
processo di produzione in tutte le sue sfaccettature. Pertanto, il nuovo Schwalbe Pro One non è il risultato di una evoluzione del predecessore, ma un concetto
completamente nuovo”, tiene a sottolineare Peter Krischio.
Struttura della carcassa agile e flessibile: la nuova progettazione Turn-Up integra la tecnologia Tubeless Easy in modo avanzato. Due strati di carcassa sotto il battistrada rendono lo pneumatico scorrevole, confortevole e meno soggetto a foratura, mentre lateralmente tre strati di carcassa conferiscono una elevata resistenza ai tagli.Protezione antiforatura V-Guard: la protezione è realizzata con una fibra polimerica high-tech sviluppata appositamente e utilizzata anche per i giubbotti
antiproiettili e antitaglio. Il materiale conferisce una protezione eccezionale da corpi taglienti e appuntiti, rimanendo comunque estremamente leggero. Né la resistenza al rotolamento, né l’elasticità dello pneumatico risentono della presenza della protezione. L’inserto da 14 mm di larghezza protegge l’intero battistrada, conferendo così una ulteriore protezione da forature.

La mescola Addix Race ha una composizione completamente innovativa: Addix Race è una mescola a più componenti realizzata con i polimeri più recenti e qualitativamente più pregiati. Poiché i livelli di riempimento di silice sono stati notevolmente incrementati, anche il processo di realizzazione della mescola ha
dovuto essere affinato. Al centro e sui fianchi vengono impiegate mescole speciali differenti. In questo modo si ottiene una migliore tenuta in curva, senza influire negativamente sulla resistenza al rotolamento e sulla durata.

Produzione: per ottenere livelli di qualità elevati e costanti, Schwalbe ha investito nuovamente in macchinari innovativi e nel training dei propri collaboratori. La migliore precisione e le minori tolleranze di produzione sono essenziali per garantire il montaggio semplice e rapido degli pneumatici, soprattutto per la categoria Tubeless. Il moderno impianto, completamente automatico, controlla in tempo reale il rapporto di miscelazione, mentre i nuovi estrusori consentono di ottenere uno spessore del battistrada uniforme evitando, in modo efficace, variazioni di peso. Per l’assemblaggio degli pneumatici invece, come sempre è necessario un lavoro manuale altamente qualificato. Lo staff, di grande esperienza, è supportato da nuove macchine assemblatrici semiautomatiche.

I modelli High-End (alta gamma): tre versioni del Pro One

Il nuovo pneumatico da corsa di alta gamma Pro One esiste nelle varianti Pro One Tubeless Easy, Pro One Tube Type e Pro One TT Tubeless Easy. I nuovi modelli Tubeless possono essere montati con la stessa facilità degli pneumatici con camera d’aria, senza dover ricorrere ai levagomme e ad un compressore.
Il Pro One Tubeless Easy è stato concepito specificamente per l’utilizzo senza camera d’aria e offre di gran lunga le migliori prestazioni. Specifiche tecniche:
mescola Addix Race Multi Compound, 245 g (misura 25 mm), resistenza al rotolamento inferiore del 13%, tenuta in curva migliorata del 22%, maggiore
protezione antiforatura e maggiore percorrenza chilometrica. I dati del confronto fanno riferimento al modello precedente.
Tube Type è lo pneumatico per tutti coloro che preferiscono (ancora) la camera d’aria. Specifiche tecniche: mescola Addix Race Multi Compound, 235 g
(misura 25 mm), resistenza al rotolamento inferiore del 13%, tenuta in curva migliorata del 22%, protezione antiforatura aumentata del 30% e maggiore percorrenza chilometrica. Importante: lo pneumatico Tube Type è stato concepito per essere utilizzato con camera d’aria e non può essere impiegato come Tubeless.
Pro One TT Tubeless Easy: essendo lo pneumatico Tubeless più leggero al mondo, è il riferimento per i velocisti e per gli atleti del triathlon. Con la mescola Addix Race Single Compound è stato spinto al limite per le gare a cronometro e per il triathlon. Lo pneumatico da 205 g (dimensione 25 mm), in confronto al Pro One Tubeless Easy, scorre più facilmente del 21%. Con un prototipo di questo pneumatico, Patrick Lange ha vinto l’Ironman World Championship 2018 alle Hawaii, facendo registrare un tempo record.

I più versatili (Allround): due nuovi modelli Schwalbe One 
Per la stagione 2020, l’upgrade riguarda anche lo pneumatico versatile Schwalbe One. Già questa estate ha guadagnato il primo premio: Schwalbe lo ha inserito nei test sugli pneumatici delle due più importanti riviste europee specializzate TOUR (7/2019) e RoadBIKE (6/2019). Risultato: Schwalbe One si è affermato vincendo due volte nei confronti degli pneumatici Tubeless di alta gamma della concorrenza! Il nuovo One si basa sul precedente modello top di gamma Pro One, che nel 2018 ha vinto tutti i test più importanti sugli pneumatici Tubeless (TOUR, RoadBIKE, RennRad). Ora viene lanciato sul mercato nelle nuove versioni One Tubeless Easy e Tube Type. Dotati di una struttura con carcassa MicroSkin brevettata, della protezione antiforatura RaceGuard e della mescola Addix, entrambi i modelli rappresentano delle vere e proprie alternative Allround rispetto alle corrispondenti versioni degli pneumatici top Pro One.
___________________
Intervista

Tubeless al posto dei tubolari

Il Product Manager Peter Krischio in Schwalbe è l’esperto per gli pneumatici da corsa. Lo contraddistinguono il know-how tecnico, l’esperienza pluriennale e, non da ultima, la sua passione per le bici da corsa. Nel 2018 lo Schwalbe Pro One ha vinto molti test. Perché avete comunque sviluppato  il nuovo pneumatico?
Volevamo sviluppare uno pneumatico che presentasse caratteristiche di guida simili a tubolari. La Souplesse, la particolare sensazione di guida sempre molto importante per il professionista, era un obiettivo centrale del nostro lavoro. Finora, nessuno pneumatico pieghevole era in grado di offrirla. Quindi abbiamo riprogettato da zero lo pneumatico.
In futuro, più professionisti passeranno al tubeless?
Si, ne sono convinto. Nell’era dei freni a disco e dei cambi elettronici, atleti professionisti giovani e innovativi come quelli del team Wallonie Bruxelles o del Team Canyon Sram del WorldTour Femminile non considerano più un tubolare con camera d’aria cucito a mano come opzione all’avanguardia. Gli pneumatici Tubeless risultano essere di gran lunga superiori in termini di resistenza al rotolamento, grip e comfort. Qui non si parla di differenze marginali, ma di un vantaggio che raggiunge il 20%! Inoltre, queste gomme offrono le migliori caratteristiche di comportamento in situazioni di emergenza. La validità del sistema è dimostrata dai grandi riscontri nello sport professionistico del triathlon, dove ogni secondo conta.
Il nuovo Pro One si monta come uno pneumatico con camera d’aria.  Come ci siete riusciti?
I nostri nuovi pneumatici Tubeless possono essere montati senza levagomme e senza compressore. Possiamo vantare una esperienza pluriennale con le gomme Tubeless nel mondo delle competizioni e collaboriamo da vicino con i produttori di cerchi e ruote. In primo luogo, testiamo continuamente il montaggio e la compatibilità dei nostri pneumatici con le loro ruote Tubeless, al fine di ottimizzare le tolleranze di produzione dei componenti. Inoltre, abbiamo sviluppato uno speciale tallone dello pneumatico. Dopo il montaggio, il tallone aderisce al bordo del cerchio e fissa ermeticamente lo pneumatico al cerchio. Pertanto, i nostri pneumatici Tubeless possono essere montati senza ricorrere ad attrezzi e possono essere gonfiati con una normale pompa da pavimento.

51
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
49 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
22 Comment authors
SharlosSer pecoraGDocste Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
fabiopon
Member

Speriamo abbiano risolto il problema della formazione di bolle sulla superficie…

I
Member
ilburchiello

Mai avute…

bomberos
Member
bomberos

io invece spero che abbiano risolto il problema della durata….a me il tubeless one precedente al posteriore durava 1000 km e basta…sono tornato a malincuore al copertoncino per un mero problema economico…non potevo spendere 60/80 euro al mese di tubeless

fabiopon
Member
bomberos

io invece spero che abbiano risolto il problema della durata….a me il tubeless one precedente al posteriore durava 1000 km e basta…sono tornato a malincuore al copertoncino per un mero problema economico…non potevo spendere 60/80 euro al mese di tubeless

Strano…il mio anteriore ha più di 5000 km e ne ha ancora parecchi fa fare.

bomberos
Member
bomberos
fabiopon

Strano…il mio anteriore ha più di 5000 km e ne ha ancora parecchi fa fare.

A parte che ho detto al posteriore….e cmq all'anteriore mai piu' di 2500/2800

claudio62new
Member
claudio62new

Ciao, si sa qualcosa del costo?

F
Member
fabbri82

Usati per due anni, delusione totale. Usura pazzesca, e foravo troppo facilmente. Sarà dura per loro, ormai ci sono i gp5000 tubeless !!

gasht
Member
bomberos

io invece spero che abbiano risolto il problema della durata….a me il tubeless one precedente al posteriore durava 1000 km e basta…sono tornato a malincuore al copertoncino per un mero problema economico…non potevo spendere 60/80 euro al mese di tubeless

1000 km sono un po' troppo pochi, neanche i supersonic mi durano così… ma vedi le tele o intendi che spiattellano?

un pro one a 6 atm mi dura sui 2300 km posteriore (tele).

oldschool
Member
oldschool

speriamo durino un po di più rispetto agli attuali…

C
Member
coffeeman

Tanto marketing.. Poi ti arrivano gomme che sembrano mitragliate da quanti microfori hanno..
Dalla rabbia le ho buttate dopo 50 km..

golias
Member
fabiopon

Speriamo abbiano risolto il problema della formazione di bolle sulla superficie…

Bolle con gli Schwalbe !!
Non è che ti confondi con gli Hutchinson ;nonzo%

golias
Member
fabbri82

Usati per due anni, delusione totale. Usura pazzesca, e foravo troppo facilmente.

Idem.. però mi rimane la buona impressione di sourplasse (come dicono anche loro nella loro pubblicità)

Vediamo se qualcuno qui ha voglia di fare l'early-adopter :mrgreen:

I
Member
ilburchiello

Sì, durabilità al posteriore, col rischio forature connesso, era il punto debole per chi voleva qualcosa di duraturo ma per quello ormai ci sono i conti. Se però hanno mantenuto la leggerezza e migliorato il grip sul bagnato, vale la pena provarli in ottica gara.

fabiopon
Member
golias

Bolle con gli Schwalbe !!?
Non è che ti confondi con gli Hutchinson ;nonzo%

Si scusate…avevo appena postato sugli Hutchinson ;pirlùn^
Confermo anche io: mai avuto bolle sui Pro One.

Maurolic
Member
Maurolic

“Ma lo pneumatico offre ancora di più: la
Souplesse, quella scorrevolezza continua che si percepisce, ma quasi non si riesce a spiegare. ”

Ecco, bravi, non si riesce a spiegare….. che bello il marketing.

salomone
Member
salomone

Ma sono TL o TLR? Ovvero sarà indispensabile il lattice?

fabiopon
Member
Maurolic

"Ma lo pneumatico offre ancora di più: la
Souplesse, quella scorrevolezza continua che si percepisce, ma quasi non si riesce a spiegare. "

Ecco, bravi, non si riesce a spiegare….. che bello il marketing.

Ma perché non si ;pirlùn^sugli zebedei ogni volta che s'inventano ste :cac:??!

gasht
Member
golias

Bolle con gli Schwalbe !!?
Non è che ti confondi con gli Hutchinson ;nonzo%

no, è successo anche a me con temperature molto alte nel giugno 2017.
sostitite da hi bike.

si scolla la pellicola superficiale e si riempe d'aria formando bolle longitudinali.

non mi è più successo. quest'anno c'erano più o meno le stesse temperature.

bach7
Member
gasht

no, è successo anche a me con temperature molto alte nel giugno 2017.
sostitite da hi bike.

si scolla la pellicola superficiale e si riempe d'aria formando bolle longitudinali.

non mi è più successo. quest'anno c'erano più o meno le stesse temperature.

successa la stessa cosa a me, ben tre volte…

tutte sul posteriore e sostituite immediatamente dal venditore…

alla terza ho cambiato (continental).

sembola
Member
bomberos

io invece spero che abbiano risolto il problema della durata….a me il tubeless one precedente al posteriore durava 1000 km e basta…sono tornato a malincuore al copertoncino per un mero problema economico…non potevo spendere 60/80 euro al mese di tubeless

A me 1600 (tubeless). Ma rimane comunque una durata insufficiente anche considerando che è una copertura di alta gamma cui non si può chiedere la durata…

gasht
Member
sembola

A me 1600 (tubeless). Ma rimane comunque una durata insufficiente anche considerando che è una copertura di alta gamma cui non si può chiedere la durata…

comunque leggendo in giro ad uno dura x ad un altro y. apparte il peso del ciclista importante è anche il gonfiaggio. io tendo a gonfiarli al limite inferiore.
notavo gli anni passati (poi mi è passata la mania di gonfiare al massimo) che mettendo pressioni massimali sia i cop che i tubolari tendono a consumarsi prima e velocemente.

robeambro
Member
gasht

apparte il peso del ciclista importante è anche il gonfiaggio

ma anche fattori come l'altimetria dei giri (uno in pianura padana non consumera' mai veloce quanto uno che si fa discese tecniche ogni giro), la qualita' dell'asfalto, e come si usano i freni (a volte basta qualche inchiodata con annesso bloccaggio ruote per grattugiare il battistrada piu' del dovuto), per non mettere in mezzo fattori come temperatura ambientale e condizioni meteo..

Insomma questi paragoni tra persone diverse lasciano sempre il tempo che trovano..

sembola
Member

robeambro ma anche fattori come l'altimetria dei giri (uno in pianura padana non consumera' mai veloce quanto uno che si fa discese tecniche ogni giro), la qualita' dell'asfalto, e come si usano i freni (a volte basta qualche inchiodata con annesso bloccaggio ruote per grattugiare il battistrada piu' del dovuto), per non mettere in mezzo fattori come temperatura ambientale e condizioni meteo.. Insomma questi paragoni tra persone diverse lasciano sempre il tempo che trovano.. Vero anche questo, ma io il paragone lo faccio su me stesso. I GP4000 per camera mi duravano più di 4000 km, i Pro One 1600,… Read more »

I
Member
ivano58

Ma questa storia della scorrevolezza mi lascia sempre perplesso. Parlo da utilizzatore sia dei tubeless per circa un terzo dei km annuali che dei tubolari per il restante. Col tubeless a dir la verità non mi trovo ,lo utilizzo solo sul muletto quando piove o la brutta stagione,con cerchi in allumunio. Se vado a bassa pressione max 7 bar ok ,ma non scorre molto poco se gonfio di più scorre meglio ,è ovvio ,ma sembra una gomma piena. Provate varie marche. Col tubolare invece ,nessun problema ,gonfio a 10 bar e la bici vola ed è piu confortevole di un… Read more »

bomberos
Member
bomberos
gasht

comunque leggendo in giro ad uno dura x ad un altro y. apparte il peso del ciclista importante è anche il gonfiaggio. io tendo a gonfiarli al limite inferiore.
notavo gli anni passati (poi mi è passata la mania di gonfiare al massimo) che mettendo pressioni massimali sia i cop che i tubolari tendono a consumarsi prima e velocemente.

Non e' il mio caso…sempre gonfiato a minimi consentiti..i tubelessa a 6 i copertoncini a 7

bomberos
Member
bomberos

ivano58 Ma questa storia della scorrevolezza mi lascia sempre perplesso. Parlo da utilizzatore sia dei tubeless per circa un terzo dei km annuali che dei tubolari per il restante. Col tubeless a dir la verità non mi trovo ,lo utilizzo solo sul muletto quando piove o la brutta stagione,con cerchi in allumunio. Se vado a bassa pressione max 7 bar ok ,ma non scorre molto poco se gonfio di più scorre meglio ,è ovvio ,ma sembra una gomma piena. Provate varie marche. Col tubolare invece ,nessun problema ,gonfio a 10 bar e la bici vola ed è piu confortevole di… Read more »

robeambro
Member

ivano58 Ma questa storia della scorrevolezza mi lascia sempre perplesso. Parlo da utilizzatore sia dei tubeless per circa un terzo dei km annuali che dei tubolari per il restante. Col tubeless a dir la verità non mi trovo ,lo utilizzo solo sul muletto quando piove o la brutta stagione,con cerchi in allumunio. Se vado a bassa pressione max 7 bar ok ,ma non scorre molto poco se gonfio di più scorre meglio ,è ovvio ,ma sembra una gomma piena. Provate varie marche. Col tubolare invece ,nessun problema ,gonfio a 10 bar e la bici vola ed è piu confortevole di… Read more »

Ipercool
Member
ivano58

Ma questa storia della scorrevolezza mi lascia sempre perplesso. Col tubolare invece ,nessun problema ,gonfio a 10 bar e la bici vola ed è piu confortevole.

Azz, pensavo che non ci fosse più nessuno che gonfiasse un povero tubo a 10.

Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk

LukeP_4
Member

Anche io pompavo sui 7/7,5 fino a che così guardando sul sito vittoria ho visto che danno le pressioni in base al peso bici+ciclista! Beh per 75 kg mettono 8,4/8,7 che vi dirò si mi fanno rimbalzare di più di quando pompavo un bar in meno, però in piano mi hanno dato fin da subito sensazioni più felici a velocità sostenute, ma la vera differenza l’ho percepita in discesa dove, parer mio, i corsa danno sta sensazione di sottosterzo, la tenuta c’e pero mi fanno drizzare il pelo al rumore di sfregamento che fanno sui tornanti stretti, effetto diminuito con… Read more »

bomberos
Member
bomberos
robeambro

Mi accodo, hai fatto benissimo a specificare che e' un tuo parere, perche' contrasta con un bel po' di scienza.
Vari articoli e test scientifici hanno dimostrato che sebbene avere la pressione a mille e saltare su qualsiasi asperita' SEMBRI veloce, non lo e' affatto. E infatti i pro non vanno certo a pressioni altissime. (Che poi definire 7 bar "bassa pressione" ce ne vuole..)

vedo che mi dai ragione—grazie

I
Member
ivano58

robeambro Mi accodo, hai fatto benissimo a specificare che e' un tuo parere, perche' contrasta con un bel po' di scienza. Vari articoli e test scientifici hanno dimostrato che sebbene avere la pressione a mille e saltare su qualsiasi asperita' SEMBRI veloce, non lo e' affatto. E infatti i pro non vanno certo a pressioni altissime. (Che poi definire 7 bar "bassa pressione" ce ne vuole..) Ipercool Azz, pensavo che non ci fosse più nessuno che gonfiasse un povero tubo a 10. Inviato dal mio SM-A320FL utilizzando Tapatalk Allora, non volevo assolutamente far polemica, lungi da me, mi riferivo SOLO… Read more »

fabiopon
Member

ivano58 Allora, non volevo assolutamente far polemica, lungi da me, mi riferivo SOLO alla scorrevolezza. Quando leggo che a bassa pressione la ruota scorre meglio non è assolutamente vero a parte che sul pavé. Su asfalto liscio o anche granuloso (quello drenante per intenderci) l'alta pressione e la sezione ridotta del tubolare ti danno un Crr più basso, nel caso mio 10 bar sezione 22 mm Crr 0.0040. Tubeless 7 bar sezione 23 mm Crr 0.0048. Comunque sempre nell'ordine 0.0040 e 0.0050 che e' un ottima scorrevolezza. Ricordo che il parquet di un velodromo con pressioni 12 bar ha circa… Read more »

I
Member
ivano58
fabiopon

Scusa ma tu dici:
"Poi e' ovvio che l'alta pressione trasmette un sacco di vibrazioni, hai meno aderenza in curva, sul bagnato non parliamo, ma questo e' un altro discorso riguarda il comfort e la sicurezza in generale."
Non ho capito allora di cosa stiamo parlando…cosa rimane di importante per alzare la pressione di gonfiaggio?

Ciao, alzare la pressione restando nel range della casa costruttrice (che varia di molto da casa a casa e dal n di tpi del tubolare) in base al peso totale serve solo ed escusivamente a rendere piu' scorrevole la ruota a scapito però di comfort e tenuta.

fabiopon
Member
ivano58

Ciao, alzare la pressione restando nel range della casa costruttrice (che varia di molto da casa a casa e dal n di tpi del tubolare) in base al peso totale serve solo ed escusivamente a rendere piu' scorrevole la ruota a scapito però di comfort e tenuta.

Ok ma se mi fa cadere (tenuta) più facilmente…!!! chi me lo fa fare??

I
Member
ivano58
fabiopon

Ok ma se mi fa cadere (tenuta) più facilmente…!!! chi me lo fa fare??

ma si certo,hai perfettamente ragione , serve solo se cerchi la prestazione pura , ma non volevo assolutamente polemizzare ci tenevo a dire che le ruote NON sono piu' scorrevoli , semmai più confortevoli e con più grip. Tutto qua .

robeambro
Member

ivano58 Allora, non volevo assolutamente far polemica, lungi da me, mi riferivo SOLO alla scorrevolezza. Quando leggo che a bassa pressione la ruota scorre meglio non è assolutamente vero a parte che sul pavé. Su asfalto liscio o anche granuloso (quello drenante per intenderci) l'alta pressione e la sezione ridotta del tubolare ti danno un Crr più basso, nel caso mio 10 bar sezione 22 mm Crr 0.0040. Tubeless 7 bar sezione 23 mm Crr 0.0048. Comunque sempre nell'ordine 0.0040 e 0.0050 che e' un ottima scorrevolezza. Ricordo che il parquet di un velodromo con pressioni 12 bar ha circa… Read more »

I
Member
ivano58

robeambro Nessuno vuol fare polemica, si discute.. Posso chiederti la fonte di quei dati? Non dirmi byciclerollingresistance perche' ha zero attinenza con strade reali. E comunque, anche SOLO per la scorrevolezza, anche qui, pressioni altissime non sono sempre il meglio. Questo studio, se hai la pazienza di leggerlo, fa capire che misurare la resistenza al rotolamento sui rulli ignora alcuni fattori chiave. In base a cio', si nota come anche su asfalto perfetto non vale la pena di andare molto sopra i 100 psi (poco meno di 7 bar), e questo per un ciclista di circa 80kg, quindi non proprio… Read more »

golias
Member

ivano58 Ciao si l'ho letto, ma come ho scritto la casa da un range min di 8.5 max 15bar in base al peso, per cui in ogni caso sotto gli 8.5 e' meglio non andare e questo se pesi 60/65 kg . comunque i dati li ricavo dall'analisi del grafico che mi da il computer una volta a casa e scaricato il giro. Per tarare il ciclocomputer c'e' una procedura abbastanza lunga chiamata coast down che consistere in breve (ma molto) nel percorre un tratto di strada e lasciare che la bici si fermi. questo ripetuto almeno 7/8 volte per… Read more »

I
Member
ivano58
golias

Quindi in poche parole stai dicendo che tutto ciò che si è letto in fatto di scorrevolezza legato alla superficie di appoggio (21-23-25-28 mm) e alle varie pressioni sono tutte fanfaronate ?

I
Member
ivano58

Come ho scritto, è solo il mio personalissimo parere controllando i dati in mio possesso, per le mie ruote.Non credo al marketing delle basse pressioni , larghe sezioni, freni a disco ecc. Poi, per fortuna, ogni ciclista adotta e monta quello che vuole quello che a lui sembra "meglio".

Docste
Member

Io mi domando solamente come siano conciliabili le affermazioni di maggior grip e di minore resistenza al rotolamento.
Tutti siamo convinti che le maggiori sezioni, unite a pressioni via via calanti, restituiscano un grip maggiore dello pneumatico: lo dicono i forum, le prove in laboratorio e l'esperienza su strada di ognuno di noi. Come è possibile che contemporaneamente la stessa gomma abbia un minor attrito con l'asfalto? Le due caratteristiche non sono antitetiche?

Inviato dal mio LM-G710 utilizzando Tapatalk

fabiopon
Member

ivano58 Ciao si l'ho letto, ma come ho scritto la casa da un range min di 8.5 max 15bar in base al peso, per cui in ogni caso sotto gli 8.5 e' meglio non andare e questo se pesi 60/65 kg . comunque i dati li ricavo dall'analisi del grafico che mi da il computer una volta a casa e scaricato il giro. Per tarare il ciclocomputer c'e' una procedura abbastanza lunga chiamata coast down che consistere in breve (ma molto) nel percorre un tratto di strada e lasciare che la bici si fermi. questo ripetuto almeno 7/8 volte per… Read more »

robeambro
Member

ivano58 Ciao si l'ho letto, ma come ho scritto la casa da un range min di 8.5 max 15bar in base al peso, per cui in ogni caso sotto gli 8.5 e' meglio non andare e questo se pesi 60/65 kg . comunque i dati li ricavo dall'analisi del grafico che mi da il computer una volta a casa e scaricato il giro. Per tarare il ciclocomputer c'e' una procedura abbastanza lunga chiamata coast down che consistere in breve (ma molto) nel percorre un tratto di strada e lasciare che la bici si fermi. questo ripetuto almeno 7/8 volte per… Read more »

I
Member
ivano58

Docste Io mi domando solamente come siano conciliabili le affermazioni di maggior grip e di minore resistenza al rotolamento. Tutti siamo convinti che le maggiori sezioni, unite a pressioni via via calanti, restituiscano un grip maggiore dello pneumatico: lo dicono i forum, le prove in laboratorio e l'esperienza su strada di ognuno di noi. Come è possibile che contemporaneamente la stessa gomma abbia un minor attrito con l'asfalto? Le due caratteristiche non sono antitetiche? Inviato dal mio LM-G710 utilizzando Tapatalk Hai perfettamente ragione, non sono conciliabili , all'aumentare del grip dovuto per esempio ad una pressione più bassa aumenta di… Read more »

fabiopon
Member

ivano58 Hai perfettamente ragione, non sono conciliabili , all'aumentare del grip dovuto per esempio ad una pressione più bassa aumenta di conseguenza anche la resist. al rolamento dovuta ad una maggiore impronta a terra per una maggiore deformazione della gomma. Il grip non "va" d'accordo con la resistenza al rotolamento la prova l'ho avuta sulla pelle un paio di volte, affrontando una curva un po' allegro mi sono trovato a terra in una frazione di secondo senza capire il perché solo per un banalissimo sassolino cosa che sicuramente con una pressione più bassa non sarebbe successa o perlomeno non così… Read more »

G
Member
Guido72

Una disastro..penso di non aver mai visto tanti tagli e screpolature dopo solo 1.500 km!..Ora Pirelli Velo, altro pianeta.

I
Member
ivano58
harlos

Sperimentalmente risulta che a parità di pressione, un aumento della sezione corrisponde un aumento della scorrevolezza, ma dato che un aumento di sezione corrisponde generalmente ad una pressione di gonfiaggio consigliata inferiore, può essere inferiore anche la scorrevolezza. Questo a pari di altre condizioni. Fonte sito schwalbe.

Certo hai ragione , è inferiore la scorrevolezza

I
Member
ivano58

robeambro Nessuno vuol fare polemica, si discute.. Posso chiederti la fonte di quei dati? Non dirmi byciclerollingresistance perche' ha zero attinenza con strade reali. E comunque, anche SOLO per la scorrevolezza, anche qui, pressioni altissime non sono sempre il meglio. Questo studio, se hai la pazienza di leggerlo, fa capire che misurare la resistenza al rotolamento sui rulli ignora alcuni fattori chiave. In base a cio', si nota come anche su asfalto perfetto non vale la pena di andare molto sopra i 100 psi (poco meno di 7 bar), e questo per un ciclista di circa 80kg, quindi non proprio… Read more »

S
Member
LukeP_4

Dalla recensione web questi nuovi schwalbe mi avevano quasi convinto, il pubblico qui parla diversamente, a sto punto resta da scegliere se gp5000 o veloflex

Mmm… quind li scarti per i commenti di persone che non li hanno ancora provati?

I Veloflex esistono tubeless?