[Test] Trek Madone SL7

63

Dopo la prova della Trek Madone SLR 7 di non tanto tempo fa, abbiamo avuto l’opportunità di utilizzare per un po’ di tempo la sorellina minore, la Trek Madone SL7.

La prova ha soddisfatto una curiosità in quanto i due modelli di bici sono pressoché identici per montaggio, a parte il manubrio e relativo attacco, in particolare per quanto riguarda il gruppo trasmissione e le ruote, differendo quindi solamente per la fibra di carbonio utilizzata per realizzare il telaio: OCLV 800 per la SLR e OCLV 500 per la SL. Queste denominazioni della fibra di carbonio sono quelle utilizzate commercialmente da Trek.

Il telaio quindi ha esattamente le stesse forme e dimensioni nelle due versioni, entrambe le bici erano in taglia 58, ma chiaramente cambia il peso, con la versione SL più pesante di circa 400gr totali. Questo peso superiore non è da imputare solamente al telaio, come vedremo, ma anche al diverso manubrio. Trek dichiara in 1050gr il peso del telaio SLR in taglia 56 (verniciato) con relativa forcella a 418gr, mentre 1200gr e 476gr per telaio e forcella della SL.Quindi una differenza di 200gr circa da imputare al diverso carbonio.

Dal punto di vista visivo le due versioni sono indistinguibili, come potete vedere dalle foto.

Oltre al carbonio l’altra differenza è appunto il posto di pilotaggio, con un manubrio e attacco manubrio in due pezzi in luogo del manubrio in un pezzo unico in carbonio della versione SLR.

Questa soluzione non nasconde completamente le guaine dei freni all’interno del manubrio, restando visibili sotto lo stem. Anche se il passaggio delle guaine è ben mascherato da uno sportellino, che rende la soluzione elegante e ben inetgrata.

In compenso apre un mondo di versatilità per quanto riguarda la scelta del manubrio stesso, essendo compatibile con qualunque modello da 31,8mm di diametro, consentendo di poter montare manubri a sezione tonda, che facilitano enormemente la possibilità di montare delle prolunghe per chi volesse farne un uso triathlon o affini, o accessori vari, come luci o altro, oltre, parere molto personale, ad essere molto più comodi da impugnare rispetto quelli a sezione piatta/alare. Senza contare la possibilità di variare facilmente la lunghezza dell’attacco e/o del manubrio o attingere all’aftermarket per preferenze di reach, flare, etc… Insomma, una scelta meno costosa, ma vincente sotto praticamente ogni aspetto rispetto ai costosi manubri in un pezzo unico (più belli da vedere, ok).

Il gruppo trasmissione è lo Shimano Ultegra DI2 12V, lo stesso che era montato sulla SLR, con la guarnitura 52-36, scelta ideale per questa tipologia di bici, chiaramente dedicata ad una platea con ambizioni di prestazione, in particolare in pianura. Poco da dire sulla funzionalità ed affidabilità di questo gruppo, provato già su varie bici.

Identiche tra le due versioni anche le ruote, le Bontrager Aeolus Pro 51, gommate con copertoni Bontrager R3 da 25mm per camera d’aria. Ottime ruote con mozzi di DT 350. Anche se il peso non è dei più leggeri, attestandosi a 1600gr circa.

Bella la verniciatura bordeaux-brillante chiamata “Dark-Carmine”.

 

Per venire all’utilizzo devo dire che le differenze praticamente sono inesistenti tra le due versioni. Chiaramente c’è quella ponderale, ma 400gr distribuiti su telaio e manubrio non sono certo qualcosa che si possa percepire nella guida, ed anche da misurare nelle prestazioni risulta in differenze microscopiche. Allo stesso tempo, come già avrete capito, la mia preferenza va nettamente per il manubrio della SL per i motivi già spiegati, anche se il trend privilegia le soluzioni integrate.

Le caratteristiche dinamiche della SL sono praticamente identiche a quelle della sorella maggiore, con elevata rigidità in ogni frangente, idem quella verticale, quindi resta un telaio non certo votato alla comodità, d’altronde la destinazione di utilizzo di questa bici è molto orientata alla prestazione.

Veniamo quindi all’ultima grande differenza tra le due versioni, ovvero il prezzo. A parità di montaggio l’acquisto della SLR prevede l’esborso di 10.999eu, contro i 7999eu della SL. La differenza è principalmente da imputarsi alla fibra di carbonio, dato che i framekit sono venduti relativamente a 5999eu e 3999eu. Prezzi elevati che avrebbero meritato almeno un powermeter integrato (fosse anche il criticato 4iii che montano le guarniture Shimano). Vista la tipologia di bici, che certamente non strizza l’occhio a grammomaniaci e salitomani, la versione SL ci pare avere un rapporto qualità/prezzo più vantaggioso.

Sito Trek

Commenti

  1. longjnes:

    vacca boia, 8.20kg senza pedali per comodi 8K. roba da manzi del pedale, i ranzani della palestra. col cayenne

    mi viene da ridere pensando a tutti i watt presunti promessi risparmiati con questo telaio

    poi l'amatorino medio da 4w/kg tira fuori una bilancia che gli certifica nero su bianco senza appello che dal giorno dell'acquisto ne avrà quasi una decina in meno :mrgreen:, ti invecchia di una categoria:-)xxxx
    Per 8000 euro è un peso inaccettabile in effetti, pesa come la mia ma l'ho pagata 2900
  2. andry96:

    è pur sempre il parametro tecnico più facilmente quantificabile e che influisce di più quando si va con il naso all'insù, per quanto poco influisca, se per avere dei vantaggi( freni comodità ecc.) si può scendere a compromessi per avere un buco sotto alla sella alla modica cifra di 8k€ resta un kg di troppo sulla bici secondo me.
    poi capisco che non sia la bici da salita eccetera eccetera ma è un bel mattone quando altri han fatto bici aero più leggere
    il "piu'', moltiplicato per "pochissimo", fa comunque molto poco. :mrgreen:
  3. Ipercool:

    La speranza, vana, era che in questi 120 anni il livello medio della conoscenza si fosse elevato.
    Beh, insomma, se pensi che nel 1972 per il record dell'ora di Merckx la convinzione era che la bici migliore fosse la più leggera possibile....
Articolo precedente

Ganna vince la cronometro, Kuss resta maglia rossa

Articolo successivo

Herrada centra la fuga buona per la propria terza vittoria alla Vuelta

Gli ultimi articoli in Test