Wahoo in cattive acque finanziarie

69

Si moltiplicano le notizie di aziende del mondo ciclo che stanno attraversando un periodo non florido. Wahoo Fitness si è vista abbassare il proprio rating dalle agenzie S&P Global Ratings e Moody’s sulla previsione che uno scenario di default sia probabile nei prossimi mesi. Per Wahoo sarebbe imperativo ristrutturare il proprio debito per via di una mancanza di liquidità.

S&P ha abbassato il rating della società a “CCC-” da “CCC” e nella sua analisi S&P ha dichiarato che “la struttura del capitale di Wahoo non è sostenibile, dato il suo EBITDA negativo e il suo flusso di cassa. Valutiamo la liquidità della società come debole perché le sue fonti di liquidità sono insufficienti a coprire il suo fabbisogno di cassa nei prossimi 12 mesi“. Alla fine del 2022 Wahoo aveva una liquidità minima in cassa e nessuna disponibilità nell’ambito del suo credito rinnovabile dopo aver finanziato i pagamenti trimestrali degli interessi e dell’ammortamento obbligatorio del debito. “Inoltre, prevediamo che le condizioni operative di Wahoo rimarranno sotto pressione nei prossimi mesi, poiché l’azienda perde la spinta della domanda legata al COVID di cui ha beneficiato lo scorso anno. Ciò la porterà a generare un flusso di cassa operativo libero (FOCF) negativo che, insieme all’aumento degli interessi passivi sul debito a tasso variabile, porterà probabilmente a una carenza di liquidità a breve termine. Prevediamo che Wahoo violerà anche il suo patto di leva finanziaria totale netta consolidata, entrato in vigore il 31 dicembre 2022, aumentando il rischio di default nella prima metà del 2023“.

L’analisi di S&P fa della situazione di Wahoo in generale potrebbe valere per molte aziende in questo periodo, ed infatti si moltiplicano i report di agenzie di rating e consulenza nel settore, che vanno tutti nella stessa direzione, salvo casi particolari:

Le vendite dell’azienda nel terzo trimestre dell’anno fiscale 2022 sono diminuite del 56% rispetto all’anno precedente e stimiamo che siano diminuite di un ulteriore 35% nel quarto trimestre del 2022. […]La domanda di prodotti Wahoo si è deteriorata perché i consumatori hanno modificato il loro comportamento d’acquisto, il che ha portato a un forte calo degli ordini di rifornimento delle scorte dei rivenditori. L’azienda continua a risentire degli alti costi legati alle materie prime, al trasporto e al magazzino, che non può compensare con un aumento dei prezzi data l’aggressiva attività promozionale dei suoi concorrenti. Inoltre, le attività promozionali per gestire gli elevati livelli di inventario, compresi gli sconti della Cyber Week, continuano a pesare sulla sua redditività. Pertanto, prevediamo che l’azienda registrerà un EBITDA negativo nel 2022. Inoltre, non ci aspettiamo che Wahoo sia in grado di migliorare significativamente la sua redditività e il suo flusso di cassa in un contesto macroeconomico debole, con la riduzione della spesa discrezionale dei consumatori e il continuo spostamento della spesa dei consumatori verso altre categorie”.

L’outlook negativo riflette la nostra aspettativa che le difficili condizioni operative persisteranno nel breve termine, facendo sì che l’azienda debba affrontare una carenza di liquidità nei prossimi sei mesi, in assenza di una transazione che aumenti la liquidità.”

Wahoo è stata fondata nel 2009, e da allora è costantemente cresciuta, anche tramite acquisizioni (pedali Speedplay), fornendo un ventaglio di prodotti sempre più ampio, dagli home-trainers, ai ciclocomputer agli smartwatch sino ad arrivare ad una piattaforma di ciclismo virtuale stile Zwift, RGT, ed alla sponsorizzazione degli UCI Cycling Esports World Championships, che ha necessitato di investimenti ingenti.

All’inizio di questo mese Wahoo ha annunciato un taglio del 15% del proprio personale.

Commenti

  1. Io posso parlare per il rullo Kickr e per la fascia cardio. Due prodotti di eccellente livello. Il rullo in particolare modo (15.000km percorsi in due anni con piena soddisfazione)
  2. leandro_loi:

    il punto è che giuste o meno, hanno fatto delle scelte. E il reale contenuto tecnico di wahoo c'è eccome, basta essere stato possessore di ciclocomputer garmin e poi di ciclocomputer wahoo per rendersi conto della differenza. solo che oggi, purtroppo, se sei piccolo e devi lottare contro un gigante, rischi di soccombere anche quando il contenuto tecnico è superiore. se verrà acquisita da un grosso gruppo, Garmin avrà di che tremare.
    Non so in quale attività Wahoo sta avendo i maggiori problemi, e non so quali siano i rapporti di forza tra Wahoo e i suoi principali concorrenti in altri paesi, ma in Italia è evidente quello che hai sottolineato. Io sono passato da Garmin a Wahoo e sto apprezzando ogni giorno di più la qualità dei suoi prodotti, eppure è difficile sentirne parlare, Garmin ha una specie di copertura totale nel nostro sport, sembra quasi che molti facciano fatica a lasciarla per un marchio "esotico".
    Questo con i ciclocomputer ma anche con i rulli. E senza differenze sostanziali di prezzo.
    A volte purtroppo il mercato non paga qualità e serietà...peccato.
  3. Adelmor:

    Qualità del Marketing?
    Salve,

    Oltre al marketing certe volte nonostante la parte tecnica possa essere superiore, il mercato non riconosce il plus nel prezzo e i prodotti nuovi o più giovani devono pagare un prezzo di vendita inferiore rispetto a brand di aziende più storiche e affermate da tempo.. Questo succede non solo nel ciclismo, anche se in questo settore ci sono diversi esempi. Nel mio campo quando operavo nel vendere altri prodotti, e quando le cose non andavano bene erano stati fatti sempre degli errori. Errori nel portare avanti il determinato progetto, ma anche errori di strategia commerciale, scelta degli agenti, advertising in un modo piuttosto che un altro e via discorrendo. Dagli errori si può imparare se il mercato e il tempo che scorre sempre molto veloce, poi ci concede un altra opportunità.

    Saluti

    Adelmo
Articolo precedente

Gare UCI World Tour di primavera di RCS Sport: ecco le squadre selezionate

Articolo successivo

Dentro la sede di Trek con il drone

Gli ultimi articoli in Magazine