Giant chiede ai fornitori di allungare i termini di pagamento

81

Il titolo di Giant Manufacturing Co, uno dei principali marchi di biciclette al mondo, ha visto il prezzo delle sue azioni crollare ieri dopo una improvvisa vendita di titoli scatenata dalle notizie secondo cui l’azienda avrebbe chiesto ai suoi fornitori di rinviare i pagamenti a causa dell’indebolimento della domanda globale.

Le azioni Giant sono crollate dell’8,04% a 206,00 dollari taiwanesi (6,71 dollari USA). Il titolo ha continuato a scendere fino alla fine della sessione di negoziazione e il sell-off si è esteso anche alla rivale Merida Industry Co. le cui azioni hanno subito un brusco calo del 6,35% per terminare a 177,00 dollari taiwanesi durante la sessione.

Lunedì i media locali hanno riferito che Giant ha chiesto ai suoi fornitori di permetterle di posticipare i pagamenti di 45 giorni, citando una lettera firmata dal capo del centro di produzione globale di Giant, e inviata ai fornitori dell’azienda. Secondo quanto riportato, le richieste riguardano i fornitori che hanno spedito o spediranno i loro prodotti a Giant nel periodo compreso tra dicembre 2022 e marzo 2023.

Le richieste ai fornitori hanno sollevato preoccupazioni sulle condizioni finanziarie di Giant in un momento in cui il mercato globale delle biciclette ha risentito dell’indebolimento della domanda, con conseguenti crescenti aggiustamenti delle scorte. Questa lettera secondo Giant era coperta da un accordo di non divulgazione con i  fornitori, quindi Giant ha espresso il proprio rammarico per le speculazioni di mercato causate dalla fuga di notizie.

L’azienda di biciclette ha dichiarato che l’industria ciclistica mondiale ha visto gradualmente il ritorno alla normalità nella seconda metà di quest’anno, grazie all’affievolirsi degli effetti della pandemia COVID-19. Tuttavia, la domanda di modelli a basso prezzo ha continuato a diminuire, aumentando i livelli delle scorte e causando il caos nella catena di approvvigionamento.

Ma Giant ha anche ammesso che, a causa dell’indebolimento del mercato globale, è improbabile che i livelli delle scorte tornino alla normalità fino alla prima metà del prossimo anno.

La giapponese Shimano è una delle principali aziende produttrici di componenti di Giant, e non sarà un caso che pure lei ha subito la stessa sorte in borsa.

Giant ha dichiarato di aver completato un’emissione di obbligazioni societarie convertibili dal 24 novembre per raccogliere un totale di 6,75 miliardi di dollari taiwanesi come capitale circolante, aggiungendo che le sue operazioni sono rimaste normali.

Giant ha aggiunto di essere ottimista riguardo al mercato globale delle biciclette nel lungo termine, poiché i consumatori di tutto il mondo sono sempre più consapevoli dell’importanza della protezione dell’ambiente e della salute.

 

Commenti

  1. bomberos:

    Nel Gennaio del 1990 ho preso una Mino Denti costruttore bresciano montata campagnolo super record e l'ho pagata 1milione e 200 mila lire
    Prendevo di stipendio circa 950/1milione al mese quindi mi sembra che che una buona bici costasse piu' o meno uno stipendio
    Adesso una bici montata top quanto costa?
    Nel 1994 un telaio De Rosa Titanio (solo telaio) costava 3 milioni di lire.
    Nel 1988 il "top di gamma" di Colnago era questa:

    View attachment


    Che con lo stipendio medio col fischio che te la compravi....


    Comunque, memoria a parte, è chiaro che il mercato del ciclismo è cambiato molto negli ultimi 15 anni. Ancora di più rispetto 20-30 anni fa, quando il ciclismo in Italia era farsi le categorie giovanili e casomai, poi, mantenendo l'hobby, continuare a farsi delle uscite di gruppo, ma non c'erano i CEO delle aziende ad andare a farsi le GF, o i challenge su Strava, etc...

    Secondo me quello che è traumatico per molti è prendere coscienza che il "top di gamma" del ciclismo è diventato realmente esclusivo, come lo è nelle auto o moto ad es. E' proprio cambiato il target di quei prodotti (accessori compresi).

    E quella che una volta era l'alta gamma oggi è la "media".
    Fare i paragoni con la situazione degli anni '70-'80-'90 non ha senso...il ciclismo era una cosa diversa, completamente slegato dalle logiche che ci sono oggi. A cominciare proprio dal tipo di utilizzo, che oggi non è "da corsa". E' "sportivo" o come lo si vuole chiamare, ma non è "correre" come lo era 25-30 anni fa.
    E lo si vede dalle bici direi, basti vedere le geometrie. Un bici vintage pre anni '80 è un trabiccolo che l'utente X farebbe fatica ad utilizzare. Una moderna bdc, con gomme da 28', rapporti compact, geometrie moderne e freni a disco la puo' utilizzare anche quello che nella vita è solo salita su una olandesina.

    Poi è soggettivo credo considerare questo un'evoluzione positiva o no.
  2. bomberos:

    Nel Gennaio del 1990 ho preso una Mino Denti costruttore bresciano montata campagnolo super record e l'ho pagata 1milione e 200 mila lire
    Prendevo di stipendio circa 950/1milione al mese quindi mi sembra che che una buona bici costasse piu' o meno uno stipendio
    Adesso una bici montata top quanto costa?
    senza polemica ma solo per capire il punto di vista
    penso sia fuorviante fare paragoni con quello che costava una bici, o qualsiasi altra cosa, 30 anni fa, nel frattempo il mondo è cambiato più volte, sono diverse le richieste degli acquirenti e sono quindi diversi gli oggetti ed il loro processo produttivo.
    Non so ma probabilmente anche oggi non credo che un telaio in alluminio costi una follia, a meno che non venga saldato da qualcuno a cui vengono riconosciuti poteri elfici nel mettere insieme 8 tubi in alluminio, ma quelli costavano di più anche prima
    Lo stesso cambio che montava quella bici, oltre al fatto che come detto da altri aveva già 3 anni, non può essere paragonato ad un cambio moderno perché non può essere equivalente né nelle materie, né nella lavorazione né nella produzione ecc ecc.
    I prezzi poi di prodotti globali, come bici e componenti nel nostro caso, sono composti da una serie di fattori sempre più complessi ma tra questi fattori non si può pretendere che ci sia anche un rapporto diretto con il potere di acquisto di un italiano medio, dove gli stipendi, e non solo, sono fermi da anni, solo per fare un favore a noi che vogliamo solo il telaio top della marca top per non essere infamati al bar
    bomberos:

    Sara' pure cessata la produzione nel 87 come dici ma all'epoca era una bici top di gamma....
    Oggi un 105 che l'anno scorso costava 600 euro te lo propongono did a 1800...si e' smarrito il senso della ragione secondo me
    chiaro che anche il 105 è aumentato ma pretendere anche che il nuovo elettronico, che per altro si trova a 1.500, costi come il "vecchio" meccanico.....
    bomberos:


    poi come ripeto sempre ognuno spende i propri soldi come meglio crede ci mancherebbe ma sentire che un telaio BMC costa,solo il telaio,5500 euro e' una follia pura!
    sicuramente, ma tant'è, si può sempre cercare altro
  3. stambecco:

    non si pretende che costi uguali, però non puoi scegliere, c'è solo quello, quindi di fatto sei obbligato
    Boh, io tutti questi obblighi non li sento, e l'ultegra meccanico, per esempio, ancora lo vedo online senza problemi. Se poi la nuova offerta dei nuovo prodotti non piace si può sempre cambiare comportamento d'acquisto e cercare altro rispetto al nuovo delle solite marche e pedalare felici lo stesso
Articolo precedente

Si vendono più bici da corsa o più MTB?

Articolo successivo

Muc-Off lancia i tappi manubrio Disco Bar End

Gli ultimi articoli in Magazine

Quintana non si ritira

Nairo Quintana non si ritira. Curioso dare questa notizia “all’inverso”, quando di solito si annunciano i…