Alarcon e Marquez non sono sotto indagine

Alarcon e Marquez non sono sotto indagine

05/06/2019
Whatsapp
05/06/2019

È stato smentito quanto scritto dal quotidiano portoghese Record riguardo le anomalie nel passaporto biologico di Alarcón e Marque.

L’UCI ad oggi non li haha inseriti nei corridori sospesi provvisoriamente, e la federazione spagnola avrebbe smentito che siano sotto indagine.

Raul Alarcón sarà oggi al via del Giro del Lussemburgo.

5
Rispondi

Devi fare il Login per commentare
5 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
ASer pecoraMaxfire Recent comment authors
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Maxfire
Member

Della serie prima di diffondere controllo delle fonti, importante azione per chi fa informazione giornalistica.
Sulla carta bastava la smentita ma con Internet purtroppo no.
Oggi con internet per sputtanare basta un click ma per riparare non e possibile in quanto non c e il "diritto all'oblio," voglio vedere quanti si scomoderanno a far cancellare la notizia fake dalla rete, sui motori di ricerca, il risultato persone sputtanate a vita senza fondamento.

Maxfire
Member

Ser pecora Non si tratta di "fake". C'è un quotidiano (cartaceo) che ha citato "proprie fonti" nel dare la notizia dell'indagine. La smentita è arrivata dalla federazione e dal fatto che a distanza di 1 mese non solo non è stato sospeso dall'UCI, ma prenderà il via al giro del Lussemburgo. Su internet si può smentire tanto quanto su carta. Infatti eccoci qua. la mia riflessione era in generale, leggo volentieri questo spazio in quanto condivido e mi piace lo stile sobrio e pragmatico delle linee editoriali. Il mio e un sollevare un problema piu' ampio ossia il fact checking,… Read more »

A
Member
Airone del Chianti

Detto questo (e io concordo) è indubbio che negli ultimi anni abbiamo assistito a performance insolite di ciclisti di squadre professional nelle corse del proprio paese: mi riferisco non solo ai portoghesi al giro del Portogallo, ma anche agli argentini alla corsa a tappe che fanno da loro a gennaio, agli iraniani e anche a qualche italiano nel recente Giro. Performance che poi non trovano riscontro una volta fuori paese.