Andrea Vendrame (Ag2R) aggredito in allenamento

91

Andrea Vendrame, della AG2R La Mondiale (AG2R-Citroën nel 2021) è stato vittima di un’aggressione durante un’uscita in allenamento da parte di un automobilista nella zona di Conegliano (TV).

Secondo il quotidiano Il Gazzettino un’auto avrebbe superato Vendrame rischiando di farlo cadere, quindi si sarebbe fermata ed il conducente sarebbe sceso, si sarebbe avvicinato al ciclista sferrandogli quindi un pugno prima di ripartire.

Vendrame, vincitore della Tro Bro Leon 2019, è riuscito comunque a fotografare la targa del veicolo prima di recarsi al pronto soccorso di Vittorio Veneto per farsi medicare e poi sporgere denuncia.

 

Commenti

  1. doublet:

    quanto io propongo è UN inizio... da cosa nasce cosa... cominciamo cominciamo cominciamo... ma se neanche tra di noi ci capiamo... allora non c’è speranza. auguri!
    Tra noi possiamo capirci ma il problema non siamo noi che in bici ci andiamo. Sono i 58 milioni di italiani che in bici non ci vanno che occorre raggiungere, non i due milioni che (nel migliore dei casi) guardano una tappa del Giro.

    Se no è come fare una campagna contro il fumo indirizzandola a chi non fuma.
  2. Per la mia limitata esperienza posso dire che è piu facile insegnare il rispetto delle regole ad un muro piuttosto che ad un italiano automobilista se restiamo in questo ambito...Ho dei colleghi di lavoro che sono persone intelligenti con una buona cultura, educazione ottimo status sociale, famiglia figli ecc...Beh quando ci salgo in auto insieme mi sembra di essere seduto di fianco ad uno senza patente che scappa a bordo di un auto rubata: 100km/h con limite 50, parcheggio selvaggio anche nei posti riservati a categorie svantaggiate sorpassi da tutte le parti ecc...Solo minacciando di non salire piu in auto con loro si limitano ma la cosa grave è che non se ne rendono conto o minimizzano...Quindi giusto invocare piu controlli ma con delle teste cosi ci vorrebbe un agente per ogni auto in circolazione
  3. Io ho la fortuna di possedere più bici: strada, mtb, eroica e gravel...in questi ultimi tempi mi sento più tranquillo nelle uscite gravel. Anche in mtb è finita la pace a causa degli escursionisti delle famiglie fi escursionisti piantate in mezzo ai single trek che bofonchiano e ti guardano malissimo...invece su di una bella strada bianca in inverno di sabato e domenica nn trovo proprio nessuno...
Articolo precedente

Il meccanico di Nibali e Ciccone svela i segreti per la corretta manutenzione della bici durante i mesi invernali

Articolo successivo

Nasce un nuovo sindacato di corridori professionisti

Gli ultimi articoli in News