Campagnolo presenta le ruote Levante da gravel

26
Il rinomato marchio italiano di componenti Campagnolo annuncia oggi il suo primo modello di ruote gravel: le Levante.
Questo nuovo modello di ruote in carbonio, che prende il nome dal vento orientale che soffia sul Mediterraneo, introduce  il marchio vicentino nel mondo delle ruote specifiche da gravel completando il gruppo gravel Ekar a 13 velocità di Campagnolo, anche da un punto di vista estetico. Dal punto di vista tecnico le Levante beneficiano della collaudata tecnologia H.U.L.C (Hand Made Ultra-Light Carbon), ovvero il carbonio lavorato a mano di Campagnolo. L’H.U.L.C viene utilizzato nella costruzione del cerchio ed è un’evoluzione dell’esclusivo processo proprietario di stampaggio del carbonio di Campagnolo in grado di creare cerchi direttamente nello stampo senza lavorazioni ulteriori e che non richiedono strati di verniciatura aggiuntivi. L’ottimizzazione del rapporto tra fibra di carbonio e resina, ottenuta grazie ai miglioramenti del processo di stampaggio, garantisce affidabilità per un peso complessivo della ruota di soli 1485 g, senza compromessi in termini di robustezza.
Il cerchio sfoggia anche una splendida finitura Campagnolo Luxury (C-LUX) a specchio. Questa finitura C-LUX è così perfettamente liscia che non richiede verniciatura, permettendo di risparmiare peso. Applicata al canale del cerchio, come visto per la prima volta nelle ruote top di gamma Bora Ultra WTO, le precisee tolleranze di C-LUX aiutano anche a garantire il posizionamento più sicuro possibile degli pneumatici tubeless, migliorandone la tenuta, la facilità di installazione/montaggio e riducendo il rischio di danneggiamento ai talloni delle coperture. Come per le Bora WTO, le Levante abbinano a questa elegante finitura una grafica sul cerchio incisa al laser.
Le Levante utilizzano il tradizionale e familiare sistema di mozzi cono/calotta, che garantisce una facile manutenzione, mentre i nippli esterni consentono il ritensionamento dei raggi in qualsiasi momento, se necessario, senza la necessità di strumenti dedicati. Idem l’adozione sulle Levante di una raggiatura tradizionale, con l’utilizzo di raggi a testa dritta che rendono più facili le eventuali sostituzioni.
Il profilo dei cerchi 2-Way Fit Campagnolo assicura la compatibilità sia con pneumatici tubeless che copertoncino, mentre la larghezza interna del cerchio di 25 mm può ospitare un’ampia gamma di pneumatici da 38 mm a 76 mm (1.5-3.0”). Con un’altezza del cerchio di 30mm.

I cerchi sono costruiti con dei “Mini Hook” all’interno per la ritenuta dei copertoni. Questi piccoli denti del cerchio sono stati disegnati appositamente per queste ruote e sono conformi agli standard per copertoncino e tubeless ETRTO. Il mini-hook fornisce un abbinamento perfetto tra lo pneumatico, indipendentemente dalla marca, e il cerchio.

Complemento ideale del gruppo Ekar di Campagnolo, la ruota Levante utilizza il corpetto ruota libera Next 3 Ways (N3W) di Campagnolo. N3W è uno standard brevettato per corpetto ruota libera progettato per ospitare cassette Campagnolo a 11, 12 e 13 velocità. La coppia di ruote è disponibile anche in versione con corpetto ruota libera Shimano HG e SRAM XDR.

SPECIFICHE TECNICHE
  • Ruote specifiche per il gravel – ASTM 2
  • Peso della coppia: 1485 g
  • Altezza profilo cerchio 30 mm, larghezza interna 25 mm, larghezza
  • esterna 30.6 mm
  • Grafica laserata su cerchio e mozzi
  • Cerchio asimmetrico in carbonio con Mini-Hook
  • Carbonio H.U.L.C. UD, cerchio 2-Way Fit, finitura C-LUX
  • Mozzo in alluminio, cuscinetti registrabili cono/calotta
  • 24 (12+12) raggi sfinati, nippli esterni auto-bloccanti in alluminio
  • Compatibilità coperture: da 38 a 76 mm
Abbiamo potuto utilizzare le Levante montate su una BMC URS e ne abbiamo apprezzato vari aspetti. Innanzitutto la facilità nel montaggio dei copertoni.
Abbiamo montato sia dei Vittoria Terreno Dry 38mm, sia degli Schwalbe G-ONE Ultrabite da 2.00″ senza nemmeno l’ausilio delle levette. Entrambe i copertoni sono stati montati con del lattice Vegetalex di Mariposa, ed una volta gonfiati non hanno mai perso pressione. Essendo il canale del cerchio chiuso poi non c’è stato nessuno problema con eventuali nastrature. Le Levante hanno assicurato veramente un montaggio rapido e senza alcun problema.
Le ruote sono leggere considerando le dimensioni del cerchio e la ragione di utilizzo. Montate con i Vittoria Terreno Dry sono ruote decisamente equilibrate per un utilizzo misto con prevalenza asfalto.
Mentre con gli Schwalbe da 2.00″, al limite del passaggio ruota della URS, diventano utilizzabili anche in sentieri più impegnativi come fondo.
Davvero molto bella la finitura, identica a quella delle Bora WTO top di gamma Campagnolo, che ne fanno delle ruote anche molto belle da vedere e aggiungono un tocco “di pregio” ad ogni montaggio.
Le ruote Levante sono ora disponibili al prezzo di € 1.575 (con corpetto RL N3W).

Commenti

  1. alespg:

    da quanto ho visto, nei nuovi modelli di bici gravel il 650B sta sparendo, si va direttamente al passaggio ruota da 50mm anche con le 700. potrebbero tornare utili solamente nelle misure piccole (xs).
    Parere personale ma faranno la stessa fine che hanno fatto nelle MTB o-o
  2. alespg:

    da quanto ho visto, nei nuovi modelli di bici gravel il 650B sta sparendo, si va direttamente al passaggio ruota da 50mm anche con le 700. potrebbero tornare utili solamente nelle misure piccole (xs).
    Ah… può essere!
  3. 123lorka:

    Belle sono belle,ma per come la vedo io spendere 1500€ per delle ruote da gravel non ha senso....
    Spenderli x fare mtb o bdc si.....gravel no ?.. .perche ? Ps : gravel non è solo andare alla scoperta in modo tranquillo di paesaggi con borse e affini tra sterrato e asfalto...wilier rave , basso palta 2022, 3t exploro racemax....ecc....sono bike con cui girar forte , leggere e reattive . Ruote carbon " doverose" ...
Articolo precedente

Sonny Colbrelli può tornare in bici con moderazione

Articolo successivo

La Ineos al Giro con Carapaz

Gli ultimi articoli in News