Campionati del mondo 2020: Filippo Ganna ha vinto la cronometro maschile

116

Filippo Ganna, 24 anni, è il nuovo campione del mondo a cronometro. Primo italiano ad imporsi in questa prova. Sul piatto percorso di Imola ha coperto i 31,7km in 35’54″10, a 52.98 km/h di media.

Argento al belga Wout van Aert a 26”72 dall’italiano. Lo svizzero Stefan Küng, campione europeo, completa il podio a +29”80. Ai piedi del podio due comapgni di Ganna alla Ineos: Geraint Thomas (+37″) ed il campione uscente Rohan Dennis (+30″).

L’altro italiano in gara, Edoardo Affini, è 14° a +1’31”.

Filippo Ganna: “Per me è un sogno. Ora si festeggia e poi devo preparare il Giro, dove Geraint Thomas punta alla classifica generale. Dopo la Tirreno mi sono allenato in altitudine, non avevamo connessione internet. È stata molto intensa.”

 

 

 

Commenti

  1. Mauro1988:

    Perchè invece quello che è arrivato secondo? non so...ultimamente vince a crono, in salita, in pianura, nel fango che siano gare di tre settimane, di un giorno o al computer. Va bene tutto, ma...

    Ganna in questo periodo della sua carriera è totalmente dedicato a pista e crono, e va fortissimo solo li.
    Van Aert e' un alieno
  2. FDG:

    Non è che sia normale, è il più forte al mondo.

    Hai mai giocato con gente che poi è andata in serie a o è stata in serie a? Sono su un altro pianeta. Così i ciclisti che vincono gare mondiali.

    Ad es io riesco a tenere i 43-45 per una 20ina di minuti in giornata buona. Non mi pare tanto strano che il migliore al mondo tenga i 53 per 35 minuti...
    43-45 con bici da crono o bici std?
  3. cbr70:

    io i mezzi con piu' offset e quindi meno avancorsa li ho sempre trovati piu' nervosi . una volta 'e un bene (quando troppo diciamo stabili per troppa av ) ma molte volte un male (per via di uno sterzo troppo reattivo per poca AV)
    nello specifico le pinarello a me sembrano sembrano sempre al limite della poca AV , non gli toglierei mai le mani dal manubrio . ma magari e' un effetto ottico non avendo mai visto le geometrie
    Tanto male non sembra andare la bici...
Articolo precedente

Campionati del mondo 2020: Anna van der Breggen ha vinto la cronometro

Articolo successivo

[Video] “In Constant Competition” mini-documentario

Gli ultimi articoli in Gare

Il caro vecchio doping

Il ciclismo è cambiato moltissimo negli ultimi 20 anni, ormai è una constatazione che viene fatta…