Canyon lancia la Grizl AL, la gravel in alluminio

18

[Comunicato stampa]  A maggio 2021, Canyon ha lanciato la Grizl CF – metà bici gravel, metà coltellino svizzero tuttofare. Oggi il marchio tedesco di vendita diretta al consumatore sta completando la famiglia Grizl con la Grizl AL, una bici con le stesse caratteristiche di design che hanno reso la Grizl CF un successo, disponibile in un formato di alluminio accessibile, funzionale e versatile.

La recente rivoluzione Gravel ci ha insegnato che non c’è mai stato un così grande appetito per biciclette solide e funzionali che possono fare tutto. Questo è esattamente dove entra in gioco la Grizl AL. Inserendosi nella gamma gravel in alluminio di Canyon accanto alla Grail AL, l’ultimo membro della famiglia Grizl vanta una vasta gamma di caratteristiche uniche che lo rendono un vero e proprio modello “do-it-all” per tutto l’anno, dalle fughe durante il fine settimana al touring leggero, e molto altro.

Cominciamo da dove la gomma colpisce la strada. Per una guida ancora più bella a pieno carico, la Grizl AL ha tonnellate di spazio a disposizione – monta pneumatici fino a 50 mm, per aumentare il comfort e trasportare bagagli pesanti. Tutte le bici escono dalla produzione con moderni set di ruote off-road e pneumatici tubeless da 45 mm, facili da convertire. Oltre alla praticità e alla convenienza, il telaio in alluminio offre anche prestazioni e stile, presentando la stessa geometria Gravel Pro delle altre bici della famiglia Grail e Grizl.

Quando si tratta di capacità di trasporto, la Grizl AL ha tutto sotto controllo. In primo luogo, è una bici Canyon con manubrio da corsa e predisposizione per il portapacchi posteriore – il trasporto di carichi pesanti non è mai stato così facile: basta montare il portapacchi e riempire le borse. Una vasta gamma di punti di fissaggio extra rendono la Grizl ideale sia per brevi che per lunghe spedizioni di bikepacking: con opzioni per trasportare più idratazione, borse extra, e parafanghi a copertura totale appositamente progettati, la Grizl ha tutti i supporti necessari per qualsiasi tipo di viaggio. E per avventure più impegnative, ci sono opzioni di extra forcella a sospensione disponibili: i ciclisti possono fare la loro scelta tra la forcella in carbonio Grizl con supporti extra, o il comfort e il controllo aggiunto della sospensione RockShox Rudy gravel. Infine, per quanto riguarda le dimensioni, la Grizl AL ora copre una range di rider più diversificato che mai, con una taglia aggiuntiva, 3XS.

La gamma Grizl AL inizia con la Grizl 6 da €1.499, con cambio Shimano GRX 400, ruote in lega DT Swiss Gravel LN, e reggisella SP0057 progettato da Canyon. L’ammiraglia è la Grizl 7 Suspension da €1,999, con trasmissione e freni Shimano GRX 600 e 810, e una forcella RockShox Rudy XPLR con 30 mm di escursione. 

La gamma completa Grizl AL è disponibile da giovedì 21 ottobre 2021 su canyon.com.

Commenti

  1. awaballo:

    Sempre la stessa roba, mi sarebbe piaciuto un reach più contenuto... La categorizzano da bikepacking e poi è spianata come una una bici da corsa
    hanno reach lungo perchè usano attacchi manubrio molto corti ;-)
  2. In effetti le geometrie sono molto strane, c'è da studiarle bene. A me consigliano la L che è quasi 59 di orizzontale quando solitamente io uso una 57 ;nonzo%
  3. Lanfi:

    Comunque stavo guardando il modello base, la grizl 6, e per quello che costa è proprio montata bene....tanto per dire un particolare ha il reggisella in carbonio con smorzamento delle vibrazioni che è presente su allestimenti ben più costosi. E come ruote esce di fabbrica con le pirelli cinturato gravel h che sono molto buone. Anche il movimento centrale Token Ninja Lite, che mi piace perché rappresenta un ibrido tra il pressfit e il threaded, mi pare sia quello che montano sui modelli più costosi...

    Peccato per la cassetta posteriore, visto che si tratta di una gravel "tosta" io ci avrei montato la 11-36.
    Il reggisella di serie è l'unica nota dolente di questa bicicletta, perché non assorbe granché le risposte secche del telaio AL. Io dopo 2 mesi ho montato il reggisella canyon sdoppiato che è di serie sui modelli top e ho ottenuto una risposta molti più dolce alle sollecitazioni, mantenendo il vantaggio della rigidità del telaio AL. Inoltre il telaio AL può essere caricato molti di più di quello CF ed ha attacchi filetatti sui montanti posteriori. Una ottima bicicletta per farci tutto.
Articolo precedente

Martina Fidanza è oro mondiale nello scratch

Articolo successivo

Italia oro mondiale nell’inseguimento a squadre

Gli ultimi articoli in News