Canyon presenta la nuova Speedmax CFR TT Disc

Canyon presenta la nuova Speedmax CFR TT Disc

Piergiorgio Sbrissa, 05/05/2021

[Comunicato stampa] Nella lotta contro il tempo ai massimi livelli, ogni ultimo millisecondo, ogni minuscolo dettaglio, può fare la differenza tra il fallimento e la gloria. Sono proprio l’efficienza aerodinamica totale e gli eccezionali valori di rigidità-peso che separano una bici da cronometro di classe mondiale da una che è semplicemente straordinaria. La nuovissima Speedmax CFR TT Disc rappresenta l’ultima generazione di una delle bici da cronometro più veloci e di maggior successo presenti sul mercato. Questo è molto più di un semplice aggiornamento. È un mandato. In assetto pro-level CFR, abbiamo creato questa versione di Speedmax Disc, approvata dall’UCI, per una sola ragione: non solo per battere il tempo, ma per distruggerlo. E arriva giusto in tempo per il primo Grand Tour del 2021.

CFR sta per Canyon Factory Racing, un marchio sinonimo di gare ciclistiche di livello mondiale. Da Movistar ad Alpecin-Fenix, Arkea-Samsic e CANYON//SRAM Racing: i nostri atleti sono tra i migliori al mondo, con standard esigenti da soddisfare. Quindi, quando si è trattato di creare la migliore bici da cronometro, abbiamo chiesto un loro contributo. E la Speedmax CFR TT Disc è il risultato dei nostri sforzi: una macchina da cronometro costruita appositamente e progettata con precisione per estrarre ogni goccia di velocità da ogni watt che il ciclista può generare.

In termini di componenti, la bici è dotata di componentistica di altissima qualità, su tutta la linea. Ruote Zipp in carbonio premium: Super 9 Disc al posteriore, 808 Firecrest all’anteriore. Gruppo SRAM Red AXS eTap, comprese le estensioni Vuka Shift e il supporto integrato per l’unità GPS. Completiamo l’allestimento con un’altra serie di dettagli premium: poggiagomiti Ergon top di gamma, una sella Selle Italia Watt e ruote Ceramic Speed Pulley. Ma il vero punto forte della Speedmax CFR TT Disc è il telaio stesso – l’incredibile risultato di un intenso sforzo da parte degli ingegneri di classe mondiale di Canyon. Un peso del telaio ridotto a soli 1030 g* (in taglia M) e una leggera forcella di 500 g* creano valori di rigidità rispetto al peso incredibili. Inoltre, grazie all’ottimizzazione aerodinamica avanzata, la bici risparmia 2,7 watt rispetto al modello precedente, nonostante il passaggio ai freni a disco. I nuovissimi braccioli sono regolabili tramite distanziali – ma ora, sono impostati più vicini l’uno all’altro, fuori dalla scatola, e sono progettati per soddisfare tutti i requisiti del moderno bike fitting adjustment. 

Ci sono due differenze chiave rispetto alla versione Triathlon della Speedmax. In primo luogo, la Speedmax TT elimina tutte le opzioni di stoccaggio e nutrizione, indispensabili per i nostri triatleti di alto livello – tra cui Jan Frodeno, Lionel Sanders, Patrick Lange, Imogen Simmonds e Laura Philipp – nelle estenuanti gare a lunga distanza. In secondo luogo, il telaio presenta anche nuove forme di tubo appositamente sviluppate e approvate dell’UCI, rendendolo un modello veramente distintivo. In breve, questa è una bicicletta sviluppata nel perseguimento di un unico obiettivo: fornire tutto ciò che serve per vincere una gara a cronometro. Niente di più. E assolutamente niente di meno.

La nuova Speedmax CFR TT Disc 2021 sarà disponibile in tre taglie (S-M-L) dal 5 maggio al prezzo di 9.999 €**. In esclusiva su canyon.com.

Commenti

  1. Bellissimo! "risparmia 2,7 Watt rispetto al modello precedente, nonostante il passaggio ai freni a disco"
    Ben 2,7 Watt!!!! A km? Ogni 10 km? Ai 40 all'ora? Ai 50 all'ora?
    Nonostante i freni a disco! Su una bici da crono, dove frenare è il peggio della vita????
  2. matthewbene:

    ormai devono mantenersi coerenti e allinearsi alla concorrenza su tutta la linea. poi magari gli costa anche di meno per accordi commerciali con sram/shimano che non progettarsi i freni integrati in casa. ovviamente il nuovo modello con freno a pattino avrebbe avuto qualche margine in più di miglioramento aerodinamico, per me già che abbiano mantenuto lo stesso drag con disco e ruota raggiata così di conseguenza è già un buon risultato. per quanto reputi inutile del tutto questa soluzione frenante su bici del genere, anzi a vederle le tt col disco mi fanno un pò ridere, considerato le 4 pelate in croce al freno che verranno date in una tt.
    Beh fai conto che la usano anche in un Ironman...in 180km su alcuni percorsi ne dai anche più di 4.
    Poi c'è l'allenamento, se fai del lavoro specifico in salita, in discesa poi è un dramma.
    Personalmente ho la bici TT coi freni a pattino solo perché quella coi dischi era fuori budget (ho preferito investire sul di2 rispetto ai dischi), altrimenti nn avrei avuto dubbi.
    Chiaro che in una gara da TT in condizioni normali nn fanno nessuna differenza.
  3. La LW Autobahn disc posteriore credo viaggi intorno ai 3.500 Euro.
    Io mi tengo la onestissima Corima, certo che se uno può....
    A proposito qualche set LW Autobahn (ant+post) si vede alle crono del Gigante.