Canyon presenta l’edizione limitata della Aeroad Alpecin-Fenix

Canyon presenta l’edizione limitata della Aeroad Alpecin-Fenix

28/05/2020
Whatsapp
28/05/2020

[Comunicato stampa] COBLENZA, 25 MAGGIO, 2020. Design e grafiche sono le stesse di quelle che contraddistinguono le bici del dinamico team di Mathieu van der Poel. La Aeroad CF SL Disc 8.0 Alpecin-Fenix ​​è quasi identica ai mezzi che la squadra belga UCI Pro Continental usa nelle competizioni. Le performance sopraffine sono garantite da componenti di alto livello e l’edizione è limitata a soli 200 esemplari. 

L’aura di successo che circonda l’Aeroad CF SL Disc 8.0 Alpecin-Fenix ​​ci riporta subito alla memoria momenti che tolgono il fiato, come la vittoria di MVDP all’Amstel Gold Race del 2019. Moderna e classica, la Aeroad riempie interi volumi di storie di successo tra i professionisti e allo stesso tempo rimane una delle migliori bici da corsa aerodinamiche al mondo. Di recente è infatti arrivato un nuovo riconoscimento per la piattaforma: la Aeroad CF SL Disc 8.0 Di2 è uscita vincitrice dal test comparativo sulle due più prestigiose riviste tedesche TOUR e ROADBIKE nelle quali proprio la versione su cui si basa la replica Alpecin-Fenix, ha battuto la concorrenza internazionale. 

Questa Aeroad enfatizza i tratti distintivi del design di Canyon: il telaio è verniciato in una tinta bianca che evidenzia le linee pulite e decise interrotte solo da sottili accenti blu sul tubo orizzontale, proprio come sulle bici dei professionisti. I componenti vedono l’adozione della trasmissione elettronica Ultegra Di2 di Shimano e freni a disco idraulici abbinati, ruote in carbonio ARC 1400 Dicut di DT Swiss, insieme al cockpit H36 CF Aero di Canyon e al reggisella aerodinamico S27 VCLS. Le bici replica Aeroad CF SL Disc 8.0 Alpecin-Fenix saranno disponibile dal 28 maggio su canyon.com, in soli 200 esemplari al prezzo di € 4.999. *

Foto 1 Per anni, la Aeroad è stata una delle bici aerodinamiche. Con i colori del teal Alpecin-Fenix ha conquistato l’Amstel Gold Race 2019

 

Foto 3 Un generoso nodo movimento centrale che garantisce minime dispersioni di potenza e sopporta anche i vattaggi di professionisti come Mathieu van der Poel.

 

Foto 2 Linee semplici e ben raccordate. Non c’è alcun dettaglio che possa rendere goffo il design della Aeroad. A prima vista si capisce subito che l’obiettivo è la velocità.

Commenti

  1. quando hai finito la fantasia ma hai ancora abbastanza fantasia per chiamare edizione limitata un telaio bianco con scritta nera
  2. A mio parere la sola scelta che potrebbe rivelarsi vincente (per gli amanti delle bici aeroad+bianco+minimal, ed io non sono tra quelli, pur essendo felice possessore di Canyon) è creare l'illusione di acquistare un prodotto esclusivo (solo 200 esemplari, dicono) che sembra (ma non è per niente uguale) a quello dei pro, per poco meno di 5.000 euro. De gustibus...