Cosa manca a van Aert?

134

Wout van Art è un corridore straordinario, questo è il primo punto fondamentale da tenere a mente. Uno dei pochissimi  (se non l’unico da decenni) corridori capaci di vincere su ogni terreno: sprint di gruppo, sprint ristretti, tappe con salite multiple, classiche di un giorno e cronometro. In ognuna di queste discipline se non vince se la gioca al massimo livello. Tre volte campione del mondo di ciclocross, 40 vittorie su strada in carriera, corre tutta la stagione sempre a tutta, con un picco estivo, coincidente col Tour de France, in cui è persino strabordante, con attacchi praticamente quotidiani quando è a caccia di tappe, ad un lavoro enorme per il proprio capitano di turno come gregario di extra-lusso. Salitoni compresi.

Però recentemente è criticato, in particolare in patria, in Belgio, paese non tenero coi propri eroi del pedale, soprattutto quando non soddisfano le loro, elevatissime, aspetttative. In particolare comincia a salire la frustrazione verso la mancanza di risultati di van Aert nelle classiche monumento, le gare in cui è sempre sembrato predestinato a mietere successi, con la corsa di casa, il giro delle Fiandre, in testa.

La costanza di risultati di Wout è granitica, e ne fa un campione tra i più regolari nell’ottenerli, a livelli assoluti. Ma il pubblico vuole le vittorie, gli unici segni che restano, mentre i piazzamenti sembrano segni sulla sabbia.

Da quando è passato professionista van Aert ha colto 30 secondi posti in gare World Tour, mondiali e olimpiadi. Alcuni di questi sono brucianti sicuramente. Vediamoli.

I mondiali 2020

Ai mondiali di Imola 2020 van Aert ha colto due argenti. Il primo a cronometro, battuto per 26″ da Filippo Ganna, il quale giocava in casa su un percorso tagliato a misura per lui. Quindi l’argento su strada, 24″ dietro Julian Alaphilippe. Due secondi posti brucianti in quanto Wout sembrava sulla strada giusta per cominciare la propria marcia di trionfi, in una stagione iniziata con le vittorie alla Milano-Sanremo ed alla Strade Bianche, due tappe al Tour de France ed il titolo nazionale a crono. Invece i due argenti mondiali sembrano aver aperto una crepa su questa strada. Venti giorni dopo i mondiali (era l’anno del covid) è arrivato un altro duro colpo per lui.

Fiandre 2020

Duello con il rivale di sempre, perso dopo una corsa perfetta per una volata sbagliata. Pochi centimetri per farsi battere da Mathieu van der Poel, che invece alla sua seconda partecipazione al Fiandre avrebbe aperto il contatore (da allora 2 vittorie e 2 secondi posti).

Il 2021 si apre con il 4° posto alla Strade Bianche dove MvdP ha ri-asfaltato la salita di S. Caterina per poi proseguire con il 2° posto in classifica generale alla Tirreno-Adriatico dietro Tadej Pogačar. Prosegue con il 3° posto alla Sanremo vinta dal connazionale Stuyvens, per poi rifarsi alla Gent-Wevelgem. Altro 2° posto alla freccia brabante battuto sul fil di lana da Pidcock. Poi però mette in cascina Amstel e titolo nazionale su strada. Al Tour de France compie l’impresa storica delle tre tappe vinte su Ventoux, a crono e sugli Champs-Elysées. La stagione lo consacra, ma il finale lascia un po’ di amaro in bocca.

Olimpiadi 2021

Argento olimpico su strada dietro Richard Carapaz. L’ecuadoriano approfitta della marcatura a uomo su van Aert di mezzo gruppo che a Wout non resta che regolare allo sprint. Quattro giorni dopo manca il podio a cronometro su un percorso che esalta i crono-scalatori come Roglic (oro) e Dumoulin (argento).

Mondiali 2021

Il mese successivo vince un Tour of Britain al cardiopalmo per 6″, con la vittoria all’ultima tappa su Ethan Hayter. Poi però sempre per 6″ perde il mondiale a cronometro in casa, dietro Filippo Ganna. Ci sono delle recriminazioni sul percorso, non abbastanza adatto a lui (o non abbastanza penalizzante per Ganna), ma tutti gli occhi sono puntati comunque su di lui per il mondiale su strada, in cui invece trionfa ancora Alaphilippe. Wout non va oltre l’11° posto e vola anche qualche straccio in casa belga per le incomprensioni con l’astro nascente Evenepoel. La stagione si chiude con l’anonimo (per lui) 7° posto alla Roubaix vinta da Colbrelli.

Roubaix 2022

Nel 2022 si riparte con le promettenti vittorie a Omloop e E3, ma alla Roubaix è 2° posto dietro Dylan van Baarle. Wout ha anche una squadra rafforzata ad aiutarlo, ma perde il momento giusto. Coglie un prestigioso 3° posto alla Liegi successiva.

Al Tour de France per la Jumbo-Visma è un trionfo, con la vittoria di Jonas Vingegaard. Wout sembra spiritato durante le 3 settimane di corsa: vince 3 tappe, ma arriva quattro volte 2° ed una 3°. Dopo un altro 2° posto al GP Montréal (battuto incredibilmente allo sprint da Pogačar) si deve accontentare del 4° posto ai mondiali di Wollongong, vinti dal compagno di nazionale Evenepoel.

E siamo al 2023, con il 3°posto alla Sanremo, la vittoria alla E3, il regalino a Laporte che gli fa incamerare il 2° posto alla Gent-Wevelgem. Quindi il deludente 4° posto al recente Fiandre.

Per quanto riguarda il gradino più basso del podio ha colto 21 terzi posti in carriera, tra cui: Strade Bianche 2018 e 2019, Europeo 2018, campionato nazionale 2019, Milano-Torino 2020, Milano-Sanremo 2021 e 2023, Liège-Bastogne-Liège 2022.

Dal 2017 gli unici ad aver collezionato più secondi posti in stagione di van Aert sono Sagan (11 nel 2017) e Valverde (13 nel 2019). nel 2022 van Aert condivide il primato (11) con Philipsen e Pedersen.

Il leggendario Roger De Vlaeminck (4 Roubaix vinte ed uno dei 3 soli corridori della storia ad aver vinto tutte le classiche monumento) ha recentemente commentato che van Aert ha difficoltà in gare sopra i 270km….l’idea sembra abbastanza curiosa visto che l’unica classica monumento vinta da Wout è la Sanremo…ma pensare che non abbia endurance sembra abbastanza improbabile.

Cosa si può dedurre quindi ricapitolando? Cosa manca a van Aert? Personalmente credo gli manchi niente. Anzi, è proprio la sua versatilità che probabilmente lo limita, con praticamente ogni pretendente alla vittoria che lo marca stretto evitando di dargli cambi per non farsi poi infilare in volata. Ed infatti se si considerano le sue corse quello che appare è che probabilmente si fida molto della propria volata, in particolare nei confronti degli altri avversari diretti. Questo lo si vede bene dal fatto che raramente cerca la fuga solitaria, che gli è riuscita in 2 tappe al Tour (11^2021 e 4^2022) alla Strade Bianche 2020 ed alla Omloop 2022.

Dalle volate invece gli sono arrivati non pochi grattacapi. Anche quando ha vinto spesso lo ha fatto non con margini enormi. Basti ricordare l’Amstel 2021 vinta su Pidcock per un capello (pure storto forse), il quale poi pur non essendo un armadio lo ha fregato alla freccia brabante dello stesso anno.

Totale, aldilà di gare dove palesemente  non ne aveva abbastanza per stare coi migliori, vedi recente Fiandre, quello che veramente potrebbe mancare a Wout è cercare di provarci da un po’ lontano, sfruttando la capacità di fare una sparata, che sicuramente non gli manca, e poi le proprie doti da cronoman-passista, spesso messe in secondo piano rispetto la propria convinzione nelle volate.

Quindi caro Wout, ora che lo hai letto, mettilo in pratica domenica!

 

Commenti

  1. Gli manca la fame, uno che ha fame di vittorie non ne regala una a nessuno, neanche ad un compagno. Tanto più in un anno iniziato male. Perché poi le sfighe come ieri capitano
  2. Reiss:

    Intanto era una gara in più in saccoccia
    Le vittorie, come le azioni, non si contano soltanto ma soprattutto si pesano. Averne 41 (invece che 40) avrebbe un senso solo se quella in più fosse in un'occasione "pesante", come appunto ieri. Per la cronaca, VDP ne ha 42... ma ce ne ha dentro due che a WVA mancano e che pesano infinitamente di più.
    Detto questo continuo a non capire quale connessione ci possa essere tra il lasciare una vittoria ad un gregario, seppure di lusso, in una gara importante ma minore con il vincere o non vincere una classica monumento. Merckx non l'avrebbe fatto, ma era Merckx e uno come lui in giro attualmente non c'è, neanche Pogacar (a parità di età).

    Maiella:

    A tal proposito mi viene da chiedere: Laporte avrebbe vinto la Gent-Wewelgem senza Van Aert a fare il "trattore" per 50Km? Uno squadrone come la Jumbo non può tentare di vincere una Gent-Welwegem con i forti corridori che ha, senza sfruttare il lavoro di un atleta che può vincere le monumento nelle quali centra podi su podi?
    Qualsiasi gara si corra in quella domenica va a rappresentare una sorta di prova generale del Fiandre, per cui è giocoforze che si misurino le forze in campo. Come fai a sapere che forma hai rispetto ai tuoi avversarise non provi ad andare a tutta?
  3. Povero Wouttone, non mi sono ancora ripreso io da domenica...immagino lui! Inizia a farmi tenerezza...
    Ritrovarsi nel velodromo e vedere quell'altro arrivare a braccia alzate deve essere un macigno pesante da sopportare :cry: Ne ha presi di schiaffoni in carriera ma questo...
Articolo precedente

Pogačar stellare al Fiandre

Articolo successivo

[Test] Occhiali POC Propel

Gli ultimi articoli in Magazine

Finalmente Ganna!

Desenzano del Garda, 18 maggio 2024 – Filippo Ganna (Ineos Grenadiers) ha vinto la quattordicesima tappa del Giro…

Milan mette la terza

Cento, 17 maggio 2024 – Jonathan Milan (Lidl-Trek) ha vinto la tredicesima tappa del Giro d’Italia 107, la Riccione-Cento…