Démare ha vinto la 101^ Milano-Torino

Démare ha vinto la 101^ Milano-Torino

05/08/2020
Whatsapp
05/08/2020

[Comunicato stampa]Il corridore francese si è imposto allo sprint sul traguardo di Stupinigi davanti a Ewan e van Aert

Stupinigi (Nichelino), 5 agosto 2020 – Il corridore francese Arnaud Démare (Groupama-FDJ) ha vinto la 101a edizione della Milano-Torino presented by EOLO, da Mesero a Stupinigi (Nichelino) di 198 km. Sul traguardo ha preceduto Caleb Ewan (Lotto Soudal) e Wout van Aert (Team Jumbo – Visma).

RISULTATO FINALE
1 – Arnaud Démare (Groupama-FDJ) – 198km in 4h18’57”
2 – Caleb Ewan (Lotto Soudal) s.t.
3 – Wout van Aert (Team Jumbo – Visma) s.t

Il vincitore Arnaud Démare, dopo la linea del traguardo, ha dichiarato: “Dopo aver corso bene già a Burgos, sapevamo di poter fare ancora meglio oggi. Come squadra siamo stati impeccabili, abbiamo corso alla perfezione. Questa vittoria ci da tanta carica, sopratutto in prospettiva Milano-Sanremo“.

Commenti

  1. sofiya:

    Ho citato te ma vale per tanti altri
    Ma davvero guardando le gare in TV riuscite a capire tutte ste cose?
    C'è chi vede un atleta cresciuto tecnicamente
    Chi maturato mentalmente
    Chi pedala più agile dell'anno prima...
    Mah...
    Basta seguire con attenzione, leggere, documentarsi anche al di fuori della gara.
    Seguire un corridore su Strava dà già una buona base (io non ho Strava ma immagino che vedere gli allenamenti consenta di farsi qualche idea).
    Se poi vedi che un corridore risulta sempre nelle azioni decisive, è pronto a chiudere quando partono uomini pericolosi mentre in passato non lo era (e non è il caso di WVA visto che non gli si può certo rimproverare di non essere "corridore" vero) allora puoi notare la differenza..
  2. jan80:

    se sei un pedalatore della domenica non lo capisci.......se uno di ciclismo ne capisce vede le maturazioni,perche' oltre i risultati si vede anche come uno si muove,per capirci se 2 anni fa' e' arrivato terzo ma cootto alle strade bianche mentre nel 2020 ha vinto anche con margine,significa che ha capito anche come si corre su strada e dove deve stare attento.
    Comunque e' difficile far capire a chi di ciclismo ne capisce poco.........il 90% ma anche di piu' non sa fare neanche una doppia fila o mettersi giusto per ripararsi dal vento dei ciclisti amatori,ma questo e' dovuto al fatto che non si e' corso da giovani
    Tutti teTnici con autocertificazione qui, eh?
  3. jan80:

    sbaglio se dico che ha vinto Van Aert???sbaglio se dico che ha corso da campione sia di gambe che testa??forse di ciclismo ne capisco non perche' lo guardo in tv ma perche' pedalo da 26 anni con 500mila km percorsi e gare fino alla categoria inferiore ai prof( dilettanti).
    Ti ripeto se uno sa' cosa significa veramente andare in bici certe cose le capisce e se ne accorge........se guardi nei commenti tecnici ci sono sempre ex corridori mentre la telecronaca la fanno gente che di bici non ne capisce una mazza,ma il loro lavoro e giornalista......ecco se uno anche dalla tv non capisce come sta andando un corridore,di ciclismo ne capisce poco.
    Per farti un picolo esempio oggi si capiva che MVDP non ne aveva e che i 2 arrivati ne avevano piu' di tutti......basta vedere come e' rientrato Alaphille dopo aver cambiato la bici oppure Van Aert che in uno dei momenti decisivi va tranquillamente a prendersi in fondo al gruppo una borraccia in tutta tranquillita'
    Giuro, ultimo intervento.
    Sai che c'è? Esiste anche la vita reale dove autoreferenziarsi vale meno di niente.
    Il corridore che "si capiva non ne aveva" dopo 7 ore di gara dovrebbe essere arrivato a 2" nel gruppo di gente che non ne aveva come lui. Pensa se ne avesse avuto un pochino di più...
    Comunque la domanda iniziale era per sapere come fate, senza conoscere la persona, a sostenere che è "maturato". L'avete letto sulla Gazzetta o è una vostra analisi psicologica ? Non mi interessava sapere quanti km fai ne a quante gare del salame hai partecipato.
    Ciao ciao