Ecco la nuova Milano-Sanremo

Ecco la nuova Milano-Sanremo

29/07/2020
Whatsapp
29/07/2020

[Comunicato stampa] La Classicissima sarà di 299 km e dopo la partenza da Milano si dirigerà verso la Lomellina, Alessandria per poi toccare il Monferrato, le Langhe e passare il Colle di Nava (ai – 70 km dall’arrivo) prima di scendere sull’Aurelia – all’altezza di Imperia-Oneglia – per affrontare gli ultimi 36 chilometri classici con Cipressa e Poggio.   

Milano 28 luglio 2020 – La Milano-Sanremo by Vittoria cambia il suo percorso. Sabato 8 agosto i protagonisti della Classicissima affronteranno un tracciato inedito che muoverà da Milano, il Km 0 è fissato sulla Nuova Vigevanese nel comune di Trezzano sul Naviglio, per proseguire verso la Lomellina, Alessandria, il Monferrato e le Langhe prima di affrontare la salita di Colle Nava a 70 chilometri dal traguardo di Sanremo. A Imperia si rientra nel percorso classico per affrontare la Cipressa da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo

DESCRIZIONE DEL PERCORSO
La Milano-Sanremo by Vittoria dopo 110 anni cambia percorso e incontra il mare solamente a Imperia dopo aver attraversato la Pianura Padana e gli Appennini più a occidente del consueto. Dopo la partenza da Milano si attraversa la Lomellina su strade pianeggianti, larghe e rettilinee. Dopo Alessandria la corsa attraversa il Monferrato per poi passare nelle Langhe e affrontare la prima lunga asperità di giornata, la salita di Niella Belbo. Le pendenze sono dolci, ma sono presenti, specie nella parte iniziale tratti ripidi e la salita è lunga quasi 20 km (media 3%). Dopo Ceva inizia la lunga e facile ascesa al Colle di Nava (3.9 km al 3% nel finale). Segue la veloce picchiata su Pieve di Teco seguita dal falsopiano a scendere fino a Imperia. Salita e discesa si svolgono su strade larghe. L’attraversamento di Langhe e Monferrato presenta tratti ristretti. A Imperia si rientra nel percorso classico per affrontare la Cipressa (affrontata per la prima volta nel 1982) da San Lorenzo al Mare e poco dopo il Poggio di Sanremo (affrontato per la prima volta nel 1961).

CIPRESSA E POGGIO
La Cipressa (5.6 km al 4.1%) immette la corsa nella discesa molto veloce e impegnativa che riporta sulla ss.1 Aurelia. A 9 km dall’arrivo inizia la salita del Poggio di Sanremo (3.7 km a meno del 4% di media con punte dell’8% nel tratto che precede lo scollinamento). La salita presenta una carreggiata leggermente ristretta e 4 tornanti nei primi 2 km. La discesa è molto impegnativa, ristretta in alcuni passaggi, e con un susseguirsi di tornanti e di curve e controcurve fino all’immissione nella statale Aurelia. L’ultima parte della discesa si svolge nell’abitato di Sanremo. Da segnalare ai 750 m dall’arrivo l’ultima curva che immette sulla retta finale di via Roma.

Commenti

  1. :offtopic:

    io ho due cari amici liguri (di Genova entrambi) e devo dire che sono persone squisite, e di una ospitalità unica

    per contro, quando sono andato in vacanza ciclistica (tipo a Laigueglia per le G.F.) mi son sentito sempre come "di troppo". già riportato un altra volta un avvenimento: sera pre Laigueglia, un gruppo di persone davanti a me chiede se c'è un tavolo libero (erano in una decina). la cameriera dice di aspettare un po', poi chiama i ragazzi a sedersi. loro non sentono subito e la cameriera allora si avvicina e dice: "oh, vi interessa ancora il tavolo o no?!":shock:


    a me poi è venuto subito in mente questo:

    [MEDIA=youtube]D09hBDnItAc[/MEDIA]

    si fa per scherzare un po' o-o
  2. [MEDIA=youtube]vmvpm51TdJM[/MEDIA]

    Torno a ribadire l'idea geniale di questo uomo del passato...

    Se si spianava il Turchino non ci sarebbero stati problemi, anche per il Covid , con il ricambio d'aria.
    Si eliminava prima del tempo il Ponte Morandi.
    Si eliminavano problemi anche all'Autostrada dei Fiori....
    La Milano Sanremo diventava effettivamente una corsa per velocisti.
  3. Non ho detto "interi gruppi sociali" ho detto in media. Non tutti.
    Se dicessi che in media i tedeschi sono più precisi degli italiani, avresti qualcosa da eccepire?
    Allora dico che secondo la mia esperienza i liguri, e genovesi in particolare, sono poco ospitali con i forestieri. Anche se questi sono turisti...