Essere un ciclista in Italia è sempre più pericoloso

392

Non sono parole mie, quelle del titolo, ma quelle che Omar Di Felice, ciclista noto per le sue pedalate estreme, scrive in un post su Facebook, riferendosi alle sue esperienze sulle strade italiane e a quelle di pro del calibro di Wout van Aert, il quale aveva lanciato uno sfogo su Strava dopo una pedalata in bici da corsa nella zona a sud di Como.

Uno sfogo che trova riscontro nei commenti, sia su FB che su Strava, e nelle più disparate esperienze di chi si trova ad usare una strada italiana in bicicletta. È un argomento che si ripropone in continuazione, in particolare dopo gravi incidenti, ma che rimane attuale visto che non viene risolto.

Cosa ne pensate?

Commenti

  1. RamboGuerrazzi:

    uh avoglia se porta il risultato. Le rivoluzioni non sono mai state fatte chiedendo permesso...
    ma in questo caso non si tratterebbe di impiccare o tagliare la testa a qualche nobile/sovrano/dittatore...ad usare a abusare dell'automobile è la stragrande maggioranza della popolazione!
  2. RamboGuerrazzi:

    continua a chiedere permesso alle auto allora, poi ci dirai di quanto hai migliorato la tua condizione
    Tu hai ragione ma è il metodo che è sbagliato.....ma capisco il tuo odio verso gli automobilisti!!!
  3. RamboGuerrazzi:

    per chi ha una webcam o una telecamera di sorveglianza puntata su una strada, segnalo il codice per fare un po' di statistica sulle velocità delle auto che passano: https://pysource.com/2021/10/26/speed-detection-from-cctv-with-opencv-and-deep-learning/

    A breve inizierò a testarlo, ma se dovessi scommettere sulla percentuale di auto che stanno dentro il limite che ho davanti casa (50 km/h, centro abitato), non andrei oltre il 5%.

    Attenderò i risultati prima di partire con il: "eh ma una volta ho visto una coppia di ciclisti che chiacchierava mentre pedalava, non si fa è contro il codice della strada"
    è un parcheggio come si vede che gira in tondo, di sera è pieno a differenza di quello che si vede dalla foto e spesso ci sono fuori i ragazzini che si ritrovano, io ho la casa circa dove c'è il furgone bianco e più di qualcuno passa a 70km/h, così per dire...
    Uno ha già preso un destro secco dopo una certa manovra pericolosa appena sceso dall'auto dove voleva avere ragione, ora passa più piano.
    In giro ho iniziato a vedere i dossi gialli e neri anche nei parcheggi, nei paesi vicini, siamo alla follia.
    View attachment
Articolo precedente

Mathieu Van der Poel vince la 114^ Milano-Sanremo

Articolo successivo

Pirelli lancia il nuovo P ZERO Race TLR

Gli ultimi articoli in News