Fuglsang e Lutsenko legati al Dott. Ferrari?

Fuglsang e Lutsenko legati al Dott. Ferrari?

03/02/2020
Whatsapp
03/02/2020

La notizia è stata lanciata dal quotidiano danese Politiken: Jakob Fuglsang e Alexei Lutsenko, due capitani della squadra kazaka Astana, sarebbero legati al dottor Michele Ferrari in quello che viene definito un programma di doping. Ferrari, celebre medico implicato in svariati casi di doping è bandito a vita da ogni attività nel mondo sportivo dal 2012.

fotomontaggio: Politiken

Politiken indica come fonte un’inchiesta ufficiale di 24 pagine della fondazione antidoping del ciclismo (CADF) secondo la quale Ferrari avrebbe viaggiato a più riprese a Monaco, dove risiede Fuglsang, per incontrare i due corridori della Astana. In particolare viene indicato un viaggio nel marzo 2019 al Tour di Catalunya, dove Ferrari avrebbe fatto visita alla squadra kazaka.

L’inchiesta si basa principalmente su informatori e testimoni, come molto spesso in tempi recenti. Fuglsang sarebbe stato visto fare dietro motore nella zona Nizza/Monaco con uno scooter guidato da Ferrari. I due sarebbero stati visti assieme in altre occasioni.

Al momento l’UCI afferma di non aver ricevuto comunicazioni in merito dal CADF, mentre Fuglsang non ha commentato, trincerandosi dietro un “non ci è pervenuto nessun messaggio da parte di UCI o CADF”. Anche Ferrari non ha commentato.

Fuglsang, 34 anni, ha avuto la migliore stagione della sua carriera nel 2019, con la vittoria alla Liège-Bastogne-Liège, al Dauphiné e Vuelta Andalucia, ma anche con svariati piazzamenti di rilievo in gare importanti (Strade Bianche, Freccia Vallone, Amstel).

 

Commenti

  1. Ser pecora:

    Infatti non a caso ci vivono solo i corridori top. Già solo comprare casa è una "tassa" notevole visto che essendo piccolissimo e meta di ogni riccone i prezzi al mq sono mostruosi.
    Secondo il sito Idealista (un sito di vendita case) è di gran lunga il più caro al mondo. In centro parliamo di 51.000 euro al m2... in periferia invece solo 44.000...
    https://www.idealista.it/news/immobiliare/residenziale/2019/02/26/130186-i-monolocali-piu-cari-al-mondo-montecarlo-in-vetta-con-51-000-euro-al-mq-in
  2. samuelgol:

    Anche questa non ha un senso. Certo che potrebbe mettersi a bordo strada, ma tu ce lo vedi a farlo come tifoso? O proprio a farlo....e poi aggirarsi fra i bus come nulla fosse. Un inibito appestato. Sarebbe più facile vederci aggirare una comitiva di Cinesi appena sbarcati da Pechino senza mascherina :mrgreen:
    Beh se alla fine fosse appassionato magari vorrebbe farlo, perché no?
    Piuttosto la sua radiazione ha dei limiti sulla frequentazione delle corse?
    Tipo lo stalker che deve rimanere a 500 m minimo dalla vittima, per dire.
  3. samuelgol:

    Non era un ritiro. L'articolo parla del Tour di Catalogna del 2019. E' la gara WT che si corre a marzo.
    Appunto bisognerebbe vedere chi lo ha visto, in quale circostanza, e cosa stesse facendo li.
    Non è che è gli è proibito avvicinarsi ad una gara.
    Certo che se vari testimoni (parlano di 12) lo hanno visto in varie occasioni con atleti Astana o quei due in particolare potrebbe scattare (ma non è detto) la presunzione che stia dando un qualche consiglio (vengono inclusi tutti: dalla nutrizione alla tattica).

    Faccio presente che non credo che questa infrazione sia mai stata applicata per dare una sanzione. Tanto per dire, nel 2016, era stato provato che Kévin Ledanois (Arkéa-Samsic) si faceva "consigliare" da Bernard Sainz (inibito pure lui), ma non ha mai ricevuto sanzioni per questo. Proprio perché non era chiara la natura di questi consigli, ovvero non c'erano prove che non fossero due amici che parlassero di calcio, per quanto poco probabile.