Fuglsang e Lutsenko legati al Dott. Ferrari?

Fuglsang e Lutsenko legati al Dott. Ferrari?

03/02/2020
Whatsapp
03/02/2020

La notizia è stata lanciata dal quotidiano danese Politiken: Jakob Fuglsang e Alexei Lutsenko, due capitani della squadra kazaka Astana, sarebbero legati al dottor Michele Ferrari in quello che viene definito un programma di doping. Ferrari, celebre medico implicato in svariati casi di doping è bandito a vita da ogni attività nel mondo sportivo dal 2012.

fotomontaggio: Politiken

Politiken indica come fonte un’inchiesta ufficiale di 24 pagine della fondazione antidoping del ciclismo (CADF) secondo la quale Ferrari avrebbe viaggiato a più riprese a Monaco, dove risiede Fuglsang, per incontrare i due corridori della Astana. In particolare viene indicato un viaggio nel marzo 2019 al Tour di Catalunya, dove Ferrari avrebbe fatto visita alla squadra kazaka.

L’inchiesta si basa principalmente su informatori e testimoni, come molto spesso in tempi recenti. Fuglsang sarebbe stato visto fare dietro motore nella zona Nizza/Monaco con uno scooter guidato da Ferrari. I due sarebbero stati visti assieme in altre occasioni.

Al momento l’UCI afferma di non aver ricevuto comunicazioni in merito dal CADF, mentre Fuglsang non ha commentato, trincerandosi dietro un “non ci è pervenuto nessun messaggio da parte di UCI o CADF”. Anche Ferrari non ha commentato.

Fuglsang, 34 anni, ha avuto la migliore stagione della sua carriera nel 2019, con la vittoria alla Liège-Bastogne-Liège, al Dauphiné e Vuelta Andalucia, ma anche con svariati piazzamenti di rilievo in gare importanti (Strade Bianche, Freccia Vallone, Amstel).

 

Commenti

  1. Ser pecora:

    Bisogna vedere cosa conviene a Ferrari. Ricordo che per le sue prestazioni Ferrari non gira col registratore di cassa per emettere scontrini. Quando è stato compilato il dossier che poi ha inchiodato Armstrong a suo tempo era allegato un bonifico su conto svizzero di 465.000 dollari. Che poi Armstrong aveva giustificato come "piani di allenamento".

    Ricordo che il doping fondamentalmente si porta con se reati ben più gravi che non vincere la coppetta di frodo:

    https://www.gazzetta.it/Ciclismo/11-12-2014/inchiesta-padova-sistema-ferrari-doping-riciclaggio-evasione-100196666478.shtml
    Siamo sempre a livello di ipotesi, comunque, andando avanti e ragionando per assurdo.

    Forse il dottore ha abbastanza soldi e si potrebbe trattare su una riduzione della pena, per esempio.
    L’articolo della gazzetta è del 2014 e se lui continuasse, nonostante sia messo al bando, vuol dire che conosce molto bene l’ambiente e le pratiche per sfuggire i controlli.
    Per questo magari converrebbe cercare di collaborare con lui piuttosto che condannarlo, ripulirsi la coscienza e far finta che tutto il sistema funzioni perfettamente.
  2. Scaldamozzi ogni tanto:

    Ma sarebbe possibile per lui andar sulle strade a vedere la corsa?
    Alla fine non occorre nessun biglietto e le strade sono aperte a tutti, pure la zona dove parcheggiano i pullman alla partenza e arrivo.
    Se avesse fatto un giro in autonomia da quelle parti e qualcuno l’ha visto davanti al bus dell’astana come fa un tifoso qualsiasi, potrebbe accusarli senza fondamento.
    Anche questa non ha un senso. Certo che potrebbe mettersi a bordo strada, ma tu ce lo vedi a farlo come tifoso? O proprio a farlo....e poi aggirarsi fra i bus come nulla fosse. Un inibito appestato. Sarebbe più facile vederci aggirare una comitiva di Cinesi appena sbarcati da Pechino senza mascherina :mrgreen: