News #alexey lutsenko

Fuglsang e Lutsenko legati al Dott. Ferrari?

Fuglsang e Lutsenko legati al Dott. Ferrari?

Piergiorgio Sbrissa, 03/02/2020

La notizia è stata lanciata dal quotidiano danese Politiken: Jakob Fuglsang e Alexei Lutsenko, due capitani della squadra kazaka Astana, sarebbero legati al dottor Michele Ferrari in quello che viene definito un programma di doping. Ferrari, celebre medico implicato in svariati casi di doping è bandito a vita da ogni attività nel mondo sportivo dal 2012.

fotomontaggio: Politiken

Politiken indica come fonte un’inchiesta ufficiale di 24 pagine della fondazione antidoping del ciclismo (CADF) secondo la quale Ferrari avrebbe viaggiato a più riprese a Monaco, dove risiede Fuglsang, per incontrare i due corridori della Astana. In particolare viene indicato un viaggio nel marzo 2019 al Tour di Catalunya, dove Ferrari avrebbe fatto visita alla squadra kazaka.

L’inchiesta si basa principalmente su informatori e testimoni, come molto spesso in tempi recenti. Fuglsang sarebbe stato visto fare dietro motore nella zona Nizza/Monaco con uno scooter guidato da Ferrari. I due sarebbero stati visti assieme in altre occasioni.

Al momento l’UCI afferma di non aver ricevuto comunicazioni in merito dal CADF, mentre Fuglsang non ha commentato, trincerandosi dietro un “non ci è pervenuto nessun messaggio da parte di UCI o CADF”. Anche Ferrari non ha commentato.

Fuglsang, 34 anni, ha avuto la migliore stagione della sua carriera nel 2019, con la vittoria alla Liège-Bastogne-Liège, al Dauphiné e Vuelta Andalucia, ma anche con svariati piazzamenti di rilievo in gare importanti (Strade Bianche, Freccia Vallone, Amstel).

 

Commenti

  1. Bert51:

    Giusto per ricordare che nel 2016 Schwazer NON era dopato.
    Se ne sono dette tante adducendo la novità del passaporto biologico, ma resta inconfutabile che la stessa provetta che sei mesi prima non conteneva la sostanza illegale, provetta che doveva essere sigillata in teoria, dopo sei mesi conteneva, invece, la sostanza?
    Ma per favore... come basarsi su 51,3 di ematocrito per soffiare un giro d'Italia, mentre io, sceso a 26 nei giorni dell'incidente, dopo due mesi senza alcuna altra medicina che eparina antitrombo, rimbalzavo a 52,3...pur bevendo o die litri d'acqua al giorno e senza integratori, da invalido su sedia a rotelle ...e nemmeno toccavo il gatorade!
    Chiedo scusa per o.t.
    se come dici hai fatto la tesi in " chimica" dovresti sapere che ematocrito a fine giro natuarmente non sale....ma bensi scende......che sia stato soffiato un Giro veramente mi fa' sempre tanto sorridere.....ma e' pure vero che c'e' tanta gente che crede alla terra piatta
  2. samuelgol:

    Ma che lo abbiano incastrato ho personalmente avuto forti sospetti da quasi subito....i fatti a venire, così come raccontati, non hanno fatto che rafforzare le prime impressioni facendo ricredere anche molti colpevolisti della prima ora.....allo stato attuale però, la vicenda non si è ancora conclusa a suo favore. Nessun Tribunale Penale, Civile o Sportivo si è espresso con una sentenza a suo favore...non che io sappia almeno. In questo l'ostruzionismo delle istituzioni sportive ha avuto un ruolo importante....importante ma sintomatico al tempo stesso.
    Infatti......e intanto lo scopo era rovinargli la carriera.....e ci sono riusciti. Che verrà assolto o meno da qualsiasi tipo di giustizia non servirà più a niente.
    Paolo
  3. Bert51:

    Mi riferisco a quanto detto da varie cronache del 2016, spero solo di non sbagliare a ricordare, ma allora si ripeté piu volte che fu trovata una sostanza che a inizio anno non c'era.
    La stessa, non altre.
    Se riuscirò a recuperare... comunque già allora la quasi certezza che fosse incastrato...
    Grazie delle precisazioni, saluti
    A giugno 2016 venne comunicato dalla Wada che nella provetta di gennaio ora c'era del testosterone. Non era qualcosa di nuovo.